Notizie in Controluce

‘A ‘NDRANGHETA A ROCCA DI PAPA

 Ultime Notizie

‘A ‘NDRANGHETA A ROCCA DI PAPA

‘A ‘NDRANGHETA A ROCCA DI PAPA
novembre 13
20:47 2017

 

 

Vivere giocando con la fantasia allunga i sogni… a quando la prossima commedia?  Così si concludeva lo scorso anno l’articolo che raccontava dell’avventura teatrale dei Capocotti, Compagnia che lo scorso anno portò in scena nel Teatro civico di Rocca di Papa  Er Camposantaro.

Quest’anno dalla nostra regione voleranno, scenograficamente parlando, in Calabria con una rappresentazione tutta da vedere che tocca in modo anche comico, ma non solo,  un argomento scottante: ‘A ‘ndrangheta.

Non hanno bisogno di superstiziosi scongiuri: andranno in scena il 17 novembre di venerdì alle ore 20.30 con un testo teatrale di tre atti scritto da Aldo Coloprisco,  professore di lettere in pensione, autore di diversi libri e testi di teatro.  Il titolo dell’opera dice tutto:  dove è ambientata la storia, i personaggi che ne interpreteranno la trama, l’idioma linguistico che sarà magistralmente impiegato dalla maggior parte di tutti i personaggi –  un calabrese comunque comprensibile –   che ironizza e mette a zimbello l’onorata società e le sue regole malavitose.  Vario il mondo di umanità protagonista della storia,  interpretata da attori non professionisti, ma definirli dilettanti sarebbe riduttivo.

Seguendo le coordinate del regista, ciascuno realizza nella propria parte un preciso soggetto: dal capobastone Mimì Tagliateste (Ferdinando Albanese) alla coraggiosa Donna Sasa che combatte l’illegalità (Angela Tedesco), da Peppa, buffissima domestica dal carattere indomabile (Lina Furfaro) alla giovane Sara (Silvia Pelle che interpreta anche una sartina) innamorata di Don Ciccio (Leonardo Pistella); da Saretto Mazzetta (il bravissimo Mirko Mariani) figlio dell’esattore ‘ndranghetista Rocco Mazzetta (Mariano Pistella)… e ancora altri personaggi, interpretati da Alessio Calvitti, il postino, Maria Santoro, Cata moglie del capobastone; Mario Filligheddu nel doppio ruolo di appuntato dei carabinieri e Cecé Polpettone; Sandro e Luciano Mariani ‘ndranghetisti. Nel molteplice ruolo di regista, attore e autore Aldo Coloprisco che si è avvalso della bravura di Carmelita Tripodi nella scenografia e di Lorena Munini alle luci e al suono. Il messaggio traspare nei tre atti che volano tra l’ilarità e la riflessione  e, approfondendo si scopre che molti attori sono ex alunni, oggi adulti con una propria vita e un proprio lavoro, ragazzi che in Aldo Coloprisco hanno trovato un vero maestro di vita, un educatore che ha saputo trasmettere la passione per la recitazione, espressiva forma d’arte che veicola messaggi e insegnamenti, regole, norme e principi.

Al termine della rappresentazione agli spettatori verrà offerta una specialità gastronomica tipica calabrese: pane e ‘nduja di Spilinga, tra le migliori della Regione,  che accompagneranno un brindisi di saluto.

E non finirà così… la commedia sarà rappresentata nei giorni successivi anche in una scuola romana: si educa alla legalità anche sorridendo e facendo sorridere dall’alto di un palcoscenico, con le luci alla ribalta che illumineranno, facendo divertire,  le menti dei ragazzi della prossima generazione.

La classe non è acqua e il maestro resta tale anche quando lasciata la cattedra sale sul palcoscenico.

 

 

 

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930