Notizie in Controluce

Annarella se mmarita

 Ultime Notizie

Annarella se mmarita

ottobre 09
02:00 2007

Marìì! comme gnamo comme gnamo?
Comme volemo ì commare mea! Me pare a mi che ‘mpicciu se spiccia e n’atru se ‘mpiccia. Ce sta ‘nnisempre quaccòsa che te ‘ccàpita fra capu e collo quanno meno te lo spetti; allora è mejio de tirà a campà!
Ma dimme po Marii, mai dittu che si fatti puru li spusi, ma è vero? N’è vero commà! È Annarella che s’è spusata, quella più granne, se ncrapicciata co quillu straccapiazze de lu fiu de “Caitanella”, Giuvanni,…. è puru ‘mbellu recazzu, ma a mi me pare ‘mpò “Ventarellu”… aho ma sa che te dicio! sarrà quello che sarrà! Maritimu ‘Ntogno no li gnea tantu a genitu (a Genio), ma po’ Co’ lu tempu a toccatu a rassegnasse… ma che li proverbi ‘nce li recordemo? “Co’ tu tempu e co’ la pajia se mmaturanu le Sorve!” A lo zappà ‘nce ‘ttacca tantu, è purti ‘mpò scanfardellu, la fatica la reconosce da un chilometro lontanu… Issu dice c’ha studdiattu e volaria trovà qua posticellu pe Roma; ma che ne saccio io! Te lu zi Nancreto che fa lu “Scopinu” a Roma…. quilli che mo li jamanu «Operatori ecologici”… m vacce ha capi che cazzu vordì sta parola; ma tantu sempre ’mmonnezzari sojiu! Fioma Annarella, che non’è granchè mancipata, se lu sogna. Li sta ‘nnisempre atturnu…. mo però stau tutti dova atturnu a mi commà… che vo’ fa?
‘Ntogno tè nu rùgnu, pare che lu tè sopre a tu stommacu, ma però non ce lo vo da a capì! Ce sta de bonu che Giuvanni mica è cattivu, te ‘mpò de dimenzia dellu soceru, li puru responne quanno li fa quache domanna, li dice si e no, e comme vojia vajia e venga, cerca de tenè ‘nnisèmpre ‘mpò de grazzia.
Mha! Che te tengo da dì? Tocca a tirà ‘nnànti alla mejo e peggio tantu lu munnu a itu sempe cos’ì e sempre cosi varrà. Dio ce jiuterà.
“Gni prencipiu è duru” commare mea, nui mone ce semo fatte l’ossa e ssè fregne ‘nce fau ne callu e ne friddu.
Mo è ‘mpo de tempu che la vedo tutta contenta, non fa atru che parlà de Giuvanni; lu padre comenza a volelli bene, e tu jienneru li fa la pantomima.
Io de questo sò contenta armeno tenemo la “Pace e’ Casa”… La Pace la vò il Signore!
Mo però è ‘mpo de tempu che la vedo ‘ngustiata. Dice che va tuttu bene, solo che se lamenta che la notte no rennesce a dormi ‘mpace, non saccio comme mefa. Giuvanni tutte le notti li zzecca ‘n cavaciciu comme fau li Conìì, dice che ‘nze po’ sarvà.
Mamma mea, comme pozzo fa pe sfùijlli?
Ma fja mea, quillu e marititu no! Gnacchè lu bozzi e basta.Va bene Mamma mea, ma cheddìà, no ne’ pòzzo pìù, no me fa jiute n’occhiu. Allora mo stamme a senti! Fa na bella cosa; quanno te se ccantoscia pe zzeccatte ‘ngroppa, tu pia e te li giri de… culu e buonasera.
The! Già lo so fattu mamma mea… è peggio, è peggio, è peggio!!!
Come possiamo constare, le risorse sono infinite… ma non sempre efficaci. Nella vita non vi è il dolce, se non vi è un po’ d’amaro…tira a campà!

 

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930