Notizie in Controluce

Velletri – Certe specie de rimore

 Ultime Notizie
  • La tutela dei diritti umani nelle aree di crisi La tutela dei diritti umani nelle aree di crisi Anche l’associazione “Vivere Impresa No Profit” di Albano Laziale parteciperà al convegno “La tutela dei diritti umani nelle aree di crisi”,...
  • Conclusa la III edizione del festival molisano Conclusa la III edizione del festival molisano diretto da Alice Pasquini. Crescono a grandi numeri l’affluenza dei visitatori e le potenzialità di rilancio turistico ed economico del territorio Un’affluenza di...
  • Cerimonia nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza di Roma Roma, 12 giugno 2018 – Saranno uomini della cultura, dello spettacolo, delle istituzioni e della letteratura a ricevere, questa sera, nell’Aula Magna del rettorato della Sapienza Università di Roma, i...
  • CREDERE NEL PROPRIO FUTURO: TENACIA E IMPEGNO PREMIANO…   Un’adolescente piena di sogni e di sorrisi: già da bambina amava volare con la fantasia, s’impegnava seriamente sia sui banchi di scuola – ora liceale del Linguistico Joyce –...
  • VELLETRI – MUSEO “ GIGI e LUCIA MAGNI” Con il sostegno della famiglia Magni – dell’ Associazione Luigi e Lucia Magni – della famiglia De Angelis – dell’ Associazione Nazionale Costumisti e Scenografi – della compagnia del Teatro...
  • Matera, da vergogna a gloria Matera, da vergogna a gloria: la città di pietra diventa un acquerello sulle foto di Federico Scarchilli Nel suo ultimo progetto fotografico Federico Scarchilli trasforma Matera in un’opera a metà...

Velletri – Certe specie de rimore

febbraio 15
23:00 2011

Ce stanno certe specie de rimóre
che ‘n te fanno … ‘n te rompeno i coglioni:
– comme te pòzzo dì? – comme si ‘o core
glie ésse appresso, a tutti chilli sòni.
Tu piglia – che ne so? – quando va’ ‘n treno:
tatàn-tatàn, tatàn-tatàn … te pare
de senticce tromme, tammuri, e armeno
docento atri strumenti de fanfare.
Te ce pò’ addormì, ce pò’ chiacchierane,
ce pò’ penzà, ‘nventatte ‘na canzone,
te pare da sentì voci lontane
comme ‘na littania, ‘n’orazzione.
Te pare da sapelle, ‘e tenghi drento,
‘e reconosci, so’ d’a stessa razza,
vanno a pparo co’ tti, e co’ u’ mmumento
t’arentreno e t’aresceno da ‘e mazza.
D’i vòti ‘mmezzo ‘a maccia co’ lo viento
che zoffia ‘mmezzo ‘e fronne d”e castegne,
te pare da sentì comm’u’ llamento,
che chiama… ma chi è? ma che glie ‘ngègne?
Pare ‘a voce de mamma! O sarà nonna?
E’ essa, che arecconta du’ storielle,
chelle dóa, che énno sempre ‘n tronna!
Rimano cionco, e me se ‘ngriccia ‘a pelle.
Gl’istesso te fa l’acqua quando ietta;
m’arecordo ‘a sorgente d’a Donzella:
chillo rimore sordo d’a vaschetta
coll’acqua a ccavoletta d”a cannella.
A recce pizze stéo là accuccato,
sentéo parlà: io stéo a parlà co’ nonna…
Lassù, u’ mmotorino smarmittato
me scìncia tutto. Pòzzi sbatte ‘e corna.

Scritto da Roberto Zaccagnini

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930