Notizie in Controluce

Comunicato sindacale

 Ultime Notizie
  • A Zagarolo i contratti di locazione a canone concordato Zagarolo – La Giunta Comunale del Comune di Zagarolo con Delibera n°146 del 21/09/2017 ha ratificato l’accordo territoriale, perfezionato con le sigle sindacali in rappresentanza di locatori e conduttori, per...
  • A Cristiana Pegoraro Il Premio “Oltre La Breccia” In occasione del suo concerto alla Carnegie Hall, il 16 novembre 2017, verrà consegnato alla pianista italiana il Premio creato nell’ambito della manifestazione “Luci della storia su Porta Pia” Un...
  • Velletri – Intitolazione “Viale 25 Novembre”. Intitolazione “Viale 25 Novembre”. SPI, CGIL e Comune di Velletri contro la violenza sulle donne. Il giorno 25 novembre alle ore 10.00 a Velletri sarà intitolato un Viale di Villa...
  • Pompei, il Grande Progetto all’UNESCO Il Generale Curatoli: “Entro dicembre 2018 la chiusura di tutti i cantieri” Francesco Caruso : “Una rete per lo sviluppo della buffer zone” Massimo Osanna: “Dal 2019 servirà un direttore...
  • Shakespeare Lab – I vincitori “RICICLAGGIO DI UMANO SPORCO” E “LA CENA DEI MANCINI” VINCONO IL PREMIO DI GIURIA E PUBBLICO. Ma tutti i progetti presentati dai 27 giovani di Skakespeare Lab saranno in scena...
  • Aldo ONORATI: letture da non perdere Quando cominci a mettere qualche capello bianco ‘n capo, cominci pure ad apprezzare ancora di più l’importanza, la preziosità del Tempo. Vorresti fare tutto quello che ti è stato “negato”...

Comunicato sindacale

luglio 10
21:34 2017

 

Dopo anni in cui la F.I.O.G Confesercenti  chiedeva una regolamentazione dl settore dei preziosi per governare il processo e le attività dei compra oro, arriva come una mannaia un decreto che di fatto ucciderà definitivamente un settore  fiore all’occhiello dell’intero Paese,  il settore degli orafi e gioiellieri culture millenarie del made in Italy.

Il Decreto Legislativo 92/2017, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 20 giugno scorso, stravolge il mercato legato ai preziosi usati.

Tra le novità: obbligo per gli esercenti di iscriversi in un apposito registro, aprire un conto corrente dedicato, “schedare” cliente e prezioso, segnalare operazioni sospette

Hanno prima creato un mercato a dir poco dubbio   lasciando operare decine di truffanti e ricettatori che hanno comunque coinvolto anche operatori seri, per poi infilare in un unico imbuto tutta la categoria.

La F.I.O.G. non ci stà e chiede a chi di competenza una immediata rivisitazione dl decreto che altrimenti creerebbe ulteriori danni economici ad un settore ormai in crisi da anni.

Le nuove disposizioni che disciplinano la compravendita e la permuta di oggetti preziosi usati nascono nell’intento di rendere tracciabile ogni passaggio di proprietà. “In realtà, il decreto avrebbe dovuto finalmente regolamentare i compro-oro, che nell’usato hanno il loro unico business. Invece, a sorpresa, il Governo ha rimescolato le carte e ha infilato tutte le attività di commercio di preziosi – non solo i compro-oro, nella nuova disciplina. Così, di fatto, congela il mercato dell’usato”, sottolinea il presidente Mauro leoni

Un decreto che non debellerà il fenomeno  del riciclaggio e che viene approvato con una fretta inaudita. Perche?

Dal 5 luglio, in sintesi, se un gioielliere desidera continuare a fornire ai propri clienti servizi di permuta o sistemazione dei vecchi preziosi (anche solo sostituire una chiusura difettosa) deve iscriversi ad un apposito registro degli operatori; dotarsi di un conto corrente bancario o postale dedicato a questo tipo di transazioni; identificare il cliente; quotare e descrivere l’oggetto prezioso scambiato, anche mediante documentazione fotografica; segnalare all’UIF (Unità d’Informazione Finanziaria) le operazioni sospette.
Dovrà poi annotare l’eventuale cessione dell’oggetto a fonderie e conservare due fotografie del prezioso acquisito. Il decreto cambia anche la soglia per l’uso del contante ammesso per i preziosi usati, che si abbasserà da 1.000 a 500 euro.

Completa l’intervento legislativo un impianto sanzionatorio assolutamente sproporzionato, che prevede, fra l’altro, una multa da 2.000 a 10.000 euro e la reclusione da sei mesi a quattro anni per l’esercizio abusivo dell’attività di compro oro senza iscrizione al Registro nazionale; una sanzione da 1.000 a 10.000 euro per l’omessa identificazione del cliente e una sanzione da 5.000 a 50.000 euro per l’omessa segnalazione di operazione sospetta”.

Percio’ al danno anche la beffa!  Serve intervenire immediatamente al fine di garantire quella professionalità che ci contraddistingue da  decenni .

Basta con attacchi alla microimpresa e all’Italia che Lavora onestamente!!

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930