Notizie in Controluce

Costantinu lu demogno

 Ultime Notizie
  • La tutela dei diritti umani nelle aree di crisi La tutela dei diritti umani nelle aree di crisi Anche l’associazione “Vivere Impresa No Profit” di Albano Laziale parteciperà al convegno “La tutela dei diritti umani nelle aree di crisi”,...
  • Conclusa la III edizione del festival molisano Conclusa la III edizione del festival molisano diretto da Alice Pasquini. Crescono a grandi numeri l’affluenza dei visitatori e le potenzialità di rilancio turistico ed economico del territorio Un’affluenza di...
  • Cerimonia nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza di Roma Roma, 12 giugno 2018 – Saranno uomini della cultura, dello spettacolo, delle istituzioni e della letteratura a ricevere, questa sera, nell’Aula Magna del rettorato della Sapienza Università di Roma, i...
  • CREDERE NEL PROPRIO FUTURO: TENACIA E IMPEGNO PREMIANO…   Un’adolescente piena di sogni e di sorrisi: già da bambina amava volare con la fantasia, s’impegnava seriamente sia sui banchi di scuola – ora liceale del Linguistico Joyce –...
  • VELLETRI – MUSEO “ GIGI e LUCIA MAGNI” Con il sostegno della famiglia Magni – dell’ Associazione Luigi e Lucia Magni – della famiglia De Angelis – dell’ Associazione Nazionale Costumisti e Scenografi – della compagnia del Teatro...
  • Matera, da vergogna a gloria Matera, da vergogna a gloria: la città di pietra diventa un acquerello sulle foto di Federico Scarchilli Nel suo ultimo progetto fotografico Federico Scarchilli trasforma Matera in un’opera a metà...

Costantinu lu demogno

ottobre 09
02:00 2006

Ce stea na vota a Rocca Piura un bottaru refenitu, se chiamea Costantino Santucci, co lu soprannome lu Demogno. Era ‘ntipu piuttosto burberu, non tantu ardu, stea dalla matina alla sera a fabbricà butti, beunzi, tini dalle parti della madonnella. Lavorea ‘mezzu a la via, e tutti quilli che passeanu se fermeanu a vedellu lavorà, prima preparea le toghe, po sistemea li circhi e comincea a montà le butti. Co certi circhi che se strigneanu, le brucea e pianu, pianu venea fore na botte. Se recconta da giovenottu, tenea meno de ventanni, era statu rechiamatu alle armi, era il 1917, e gnette a fa lu sordatu in prima linea.

Doppu ‘npo de tempu venne a sapì che lu fratellu era statu ‘mazzatu durante na battaglia. Allora come mattitu pia e scappa. Doppu ‘nsaccu de giorni a camminà, ‘riva a Rocca Piura, li parenti lu nescunnu e lu remittu ‘npò allu munnu. Ma però era ‘ndisertore, e se tenea da nesconne, e se ne stea alla vigna, con na rapazzola, e co lu schioppu se ne gnea a caccia a remedià quaccosa da magnà. Li carbigneri ‘ntantu lu cercheanu, e doppu npò de tempu, po esse puru pe qua spiata, li faceanu le poste vecinu alla vigna per ‘chiappallu. Allora issu pe non fasse scoprì che fece, scuppulà ‘nparu de scarpuni, se limesse con lo denanzi dereto e così reescì a falla franca pe diversu tempu. Ma po’ alla fine li carbigneri lu chiapparu e li feceru lu processo, pe li disertori ‘ntempu de guerra ce stea la condanna a morte. Lu potestà dell’epoca Spagnoli gnette a testimonià allu processo, e tantu disse e tantu fece, che era stato come ‘mattitu pe la morte dellu fratellu, che reescì a fallu assolve. Fu così che Rocca Piura se tenne un mastro artigiano de valore, tutte le butti e li caratelli, li beunzi dellu Demogno eranu famosi pe tutti li Castelli.

 

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930