Notizie in Controluce

Dialogo sulla porta di casa

 Ultime Notizie

Dialogo sulla porta di casa

settembre 02
06:18 2015

Da il Gonfalone dell’aprile 1953

Sora Caterina – Commare Gertrù, te so venuta a trovà; che sta a fa?
Sora Gertrude – Sto a reppongà. Peppe e revenutu dalla vigna e ha reportata la giacchetta stracciata ecco alle jiuvita. E n’è gnente: ha reportati puru li gisbussi sfonnati.
S. C. – Io puro commatto co quillu gazzirru de Gigetto che revè sempre zuzzu e stracciatu come ‘n callararu. Va: la dimane se lava lu rugnu, se pia ‘n pezzu de pane e via alla scola. Appena revè: – Mà vojo fame! – e dalli da magnà. Po quattro pe la prescia e cinque pe la paura se scria e chi s’è vistu s’è vistu: ce vedemo la sera. Io lu patre non li dico gnente, se no lu crocchia e a mi me rengresce, poru zitellu. Me dice che va a giocà all’ortu de faustini: loco ci stau li Rosminiani che li bbadu.

S.G. – Eh commare mea, ce vò pacenza; quanno sarà fore dell’usu de raggione, metterà giodizziu. Io tengo quella monelletta de Leonora, fia de soroma, che n’è cattiva. Li do ‘n accia de refe e li faccio mette qua’ puntu: me juta a rezzelà; certe voti cimica cimica e stregne pocu; ma a quell’età che vò de più? Te recordi che te disse che tenea ‘n zocchè repostu pe quanno me venii a trovà? Varda po?…
S.C. – Mende!… Lu pangiallu!…
S.G. – Mbe, pietene ‘n pezzu e bbivi.
S.C. – ‘N criu, giustu pe ssajallu… Eh, lu pangiallu for de stagione!… E che vinu: è ‘n barzimu, è più mejo de lo meu.
S.G. – Era fatte puru du’ nfornate de lu castagnitu che tenemo meru La Cucca, ma se l’è magnate quella monella.
S.C. – Io era fatte certe ficora secche, ma quillu gazzirru de Giggetto alle dua e alle tre: – Mà, me da le ficora secche? – e se l’è pappate tutte; ne volea portà dua a Leonora… macchè… E dimme po: comme jette a fenì co la Sgraffigna?
S.G. – La sora Tranquilla li ha refattu l uscendone novu e ‘na pullacca roscia. Dicu che ce fecea la vernia domenica a mess’utima. Nzomma ha reppicati li canestrelli. Ma dimme po: che li fa pe cena a marititu? Io a Peppe li faccio lo baccalà ‘nguazzittu: li piace tantu.
S.C. – Io, mmece, averria penzatu de falli ‘na frittata co li carciofuli; mo l’ova se trovu e stau a più bbòn mercatu.
S.G. – Mbè, comma; mo vajo a preparà lo baccalà e a compra la ‘nzalata. Vemme a trova, sa; no spettà tantu a venì.
S.C. – Sine, sine commà, verrajo e grazzie de lu Pangiallu. Bonasera!
d.t.n.

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930