Notizie in Controluce

Eritrei deportati, appelli per il rispetto del Diritto internazionale

 Ultime Notizie
  • Scacchi, Italia bronzo al campionato europeo La nazionale italiana ottima terza nella kermesse continentale La massima rappresentativa italiana, composta da otto giocatori e dal capitano, nel 9° Campionato Europeo ha conseguito un ottimo terzo posto. Tale...
  • A Zagarolo i contratti di locazione a canone concordato Zagarolo – La Giunta Comunale del Comune di Zagarolo con Delibera n°146 del 21/09/2017 ha ratificato l’accordo territoriale, perfezionato con le sigle sindacali in rappresentanza di locatori e conduttori, per...
  • A Cristiana Pegoraro Il Premio “Oltre La Breccia” In occasione del suo concerto alla Carnegie Hall, il 16 novembre 2017, verrà consegnato alla pianista italiana il Premio creato nell’ambito della manifestazione “Luci della storia su Porta Pia” Un...
  • Velletri – Intitolazione “Viale 25 Novembre”. Intitolazione “Viale 25 Novembre”. SPI, CGIL e Comune di Velletri contro la violenza sulle donne. Il giorno 25 novembre alle ore 10.00 a Velletri sarà intitolato un Viale di Villa...
  • Pompei, il Grande Progetto all’UNESCO Il Generale Curatoli: “Entro dicembre 2018 la chiusura di tutti i cantieri” Francesco Caruso : “Una rete per lo sviluppo della buffer zone” Massimo Osanna: “Dal 2019 servirà un direttore...
  • Shakespeare Lab – I vincitori “RICICLAGGIO DI UMANO SPORCO” E “LA CENA DEI MANCINI” VINCONO IL PREMIO DI GIURIA E PUBBLICO. Ma tutti i progetti presentati dai 27 giovani di Skakespeare Lab saranno in scena...

Eritrei deportati, appelli per il rispetto del Diritto internazionale

luglio 03
13:44 2010

“Per salvare la vita ai circa 300 eritrei che si trovano ora rinchiusi nel centro di detenzione di Sebha in Libia il Governo italiano deve muoversi immediatamente usando tutti i mezzi diplomatici e tutte le pressioni politiche del caso”: è l’appello rivolto da Jean Leonard Touadi, parlamentare italiano, sulla vicenda dei circa 300 migranti irregolari eritrei protagonisti tra il 29 e 30 Giugno di una rivolta nel centro di detenzione libico di Misratah, dopo che le autorità libiche avevano fatto firmare un foglio di rimpatrio forzato. A distanza di due giorni, sottolinea il parlamentare, il governo di Roma continua a tenere “un silenzio imbarazzante” pur di fronte ad una palese violazione del diritto internazionale che, aggiunge, “deve far riflettere sull’opportunità degli accordi per i respingimenti presi con il governo libico”. Dal canto suo, Mario Lana, presidente dell’Unione forense per la tutela dei diritti dell’uomo, non esita a parlare di possibile “disastro umanitario”, poiché i migranti sono per lo più persone “che se tornassero nel loro paese sarebbero sottoposte a violenze di ogni genere”. Le organizzazioni umanitarie denunciano che in seguito alla rivolta, i circa 300 eritrei, tra cui numerose donne e bambini, sono stati caricati su container chiusi, senza cibo e acqua, e deportati nel centro di Sebha, affrontando un viaggio di oltre mille chilometri e da lì saranno probabilmente rimandati in Eritrea.

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930