Notizie in Controluce

FRASCATI: SCIENZA ED EMOZIONE CON CATALINA CURCEANU

 Ultime Notizie

FRASCATI: SCIENZA ED EMOZIONE CON CATALINA CURCEANU

FRASCATI: SCIENZA ED EMOZIONE CON CATALINA CURCEANU
ottobre 07
08:38 2017

 

Interessanti, si fanno sempre più interessanti gli incontri culturali che l’Associazione Di Terra e di Parole offre ai suoi soci, ma l’invito è aperto a tutti, libero e gratuito. La conferenza del 6 ottobre ha visto protagonista la Dott.ssa Catalina Curceanu, premio Nother per la Fisica 2017 “Scienza ed emozione”, autrice del libro Dai buchi neri all’adroterapia: un viaggio nella fisica moderna- Springer, 2013. La piccola sala della sede che si trova nel centro storico di Frascati, in Via Ottaviani 4, poco distante dal Parco dell’Ombrellino, per un paio di ore si è trasformata in una piccola astronave virtuale: introdotta e presentata da Matilde Ventura, la scienziata che lavora nell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Frascati, con linguaggio molto accattivante ha condotto la selezionata platea in viaggio nello spazio e nel tempo. L’argomento ha preso spunto dalla recente assegnazione del Nobel della Fisica 2017 ai tre scienziati americani Kip Thorne, Rainer Weiss e Barry Barish che, perseguendo un sogno reale e impegnativo durato quaranta anni, hanno scrutato le onde gravitazionali, confermando quanto Einstein aveva previsto nella sua Teoria della relatività. Già nel 2015 questo fenomeno era stato osservato dall’antenna americana Ligo, confermato quest’anno dall’antenna italiana Virgo, strumento dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) che si trova a Càscina, in provincia di Pisa; la nostra squadra di scienziati italiani è stata coinvolta nell’annuncio del premio. Una conferma che Leonardo da Vinci e tutti i nostri grandi scienziati possono essere emulati da tanti giovani ricercatori e studiosi italiani, senza che questi ultimi siano costretti a emigrare,

Vibrazioni dello spazio-tempo, si diceva: queste possono essere definite le onde gravitazionali, definizione che fa pensare al respiro dell’universo inteso come un infinito abbraccio del reale, anche impercettibile nella sua vastità senza limiti. Sono provocate da fenomeni che violentemente creano sconvolgimenti nel cosmo: collisioni di buchi neri, esplosioni di stelle o lo stesso Big Bang. Con linguaggio molto semplice e con la visione di slide esemplificative la dott.ssa Curceanu le ha paragonate alle onde provocate da un sasso che cade nell’acqua, spiegando che, alla velocità della luce, creano una deformazione nella trama spazio-tempo e conservano la memoria del fenomeno che le ha provocate: in questo caso la collisione e fusione avvenute miliardi di anni luce da noi, di due buchi neri grandi alcune decine di volte rispetto al Sole, osservazione che ha fornito la prima prova diretta della loro esistenza.

Sorride la scienziata al termine della sua conferenza e ringrazia per l’attenzione, ma alcuni di noi sono ancora in viaggio in galassie lontane a rincorrere immagini di stelle e invisibili trame. La mente e lo sguardo rivolti allo spazio confermano la nostra realtà di piccoli esseri che si credono padroni e giudici del mondo, ma anche sognatori d’indomita curiosità che a volte riescono a vivere le loro oniriche realtà trasformate in onde gravitazionali. Fosse pure dopo quaranta anni… ma cosa sono rispetto all’eternità?

 

 

 

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031