Notizie in Controluce

La fraschetta de Stefano

 Ultime Notizie
  • A Zagarolo i contratti di locazione a canone concordato Zagarolo – La Giunta Comunale del Comune di Zagarolo con Delibera n°146 del 21/09/2017 ha ratificato l’accordo territoriale, perfezionato con le sigle sindacali in rappresentanza di locatori e conduttori, per...
  • A Cristiana Pegoraro Il Premio “Oltre La Breccia” In occasione del suo concerto alla Carnegie Hall, il 16 novembre 2017, verrà consegnato alla pianista italiana il Premio creato nell’ambito della manifestazione “Luci della storia su Porta Pia” Un...
  • Velletri – Intitolazione “Viale 25 Novembre”. Intitolazione “Viale 25 Novembre”. SPI, CGIL e Comune di Velletri contro la violenza sulle donne. Il giorno 25 novembre alle ore 10.00 a Velletri sarà intitolato un Viale di Villa...
  • Pompei, il Grande Progetto all’UNESCO Il Generale Curatoli: “Entro dicembre 2018 la chiusura di tutti i cantieri” Francesco Caruso : “Una rete per lo sviluppo della buffer zone” Massimo Osanna: “Dal 2019 servirà un direttore...
  • Shakespeare Lab – I vincitori “RICICLAGGIO DI UMANO SPORCO” E “LA CENA DEI MANCINI” VINCONO IL PREMIO DI GIURIA E PUBBLICO. Ma tutti i progetti presentati dai 27 giovani di Skakespeare Lab saranno in scena...
  • Aldo ONORATI: letture da non perdere Quando cominci a mettere qualche capello bianco ‘n capo, cominci pure ad apprezzare ancora di più l’importanza, la preziosità del Tempo. Vorresti fare tutto quello che ti è stato “negato”...

La fraschetta de Stefano

marzo 11
17:06 2013

L’atra sera stemmo a giocà a carti da Stefano de Cassarittu, che po’ saria Stefano Lolli, l’utimu poeta a braccio de Rocca Piura. Co’ ‘nbicchiere de vinu biancu e lu focaracciu ‘picciatu, stemmo a fa na partita a briscola. Emmo io, che giochea co Jack lu meccanicu, Diabolik e Costantinu de scrocchiò, la partita te porta allo sfottò, tu ‘nsi bonu, te te ‘nculu così, e tuttu va lisciu.

‘nsomma da na parola a l’atra se comncia a offenne, finu quasi a venì alle mani. Diabolik pe li nervi sbatte lu bicchiere sopre lu tavolino e se taja na mani, l’atri giocatori, Morelli, Nicola Buja e Stefano se mittu ‘mezzo per paralli, e tuttu finisce così, senza morti. Tante voti le parole se comncia scherzenno e se ‘riva a botte. Pe fortuna che non ce stau più li cortelli sotto lu tavolinu, come ai tempi de prima della guerra.

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930