Notizie in Controluce

Lu gattu de Elio

 Ultime Notizie

Lu gattu de Elio

settembre 02
06:16 2015

Lu gattu de Elio
Ero da pocu tembu fidanzatu co’ quella che po’ devenda’ mojoma, Lina de Rocca Piora.
‘N giorno mendre stea a la casa ‘ngima a la Rocca, vedemmo renda ‘n sorecittu, co’ ‘n attimu spari. ‘N ge fu versu de retrovallu. La socera (Nannina), co”n file voce se ne nesci “Ce vorria ‘n gattinu”.
Doppu ‘n oretta me la cojo, (tenea ‘na moto), ‘mondo sopre a la Gilera, metto e me ne vajo a casa a lu Monde.
Comme ‘rrivo, ‘ppoggio la moto, e… vedo ‘n gattu. Vedellu e penza’ de fa bella fegura co’ la socera è tutta ‘na cosa. Lu ‘cchiappo, è ‘n bellu gattucciu. Rendo a la candina, pio ‘n saccu de juta, e ce ‘n vilò lu gattu. Remetto ‘n moto la Gilera e co’ lu saccu ‘n mezzu a le zampe revajo a la Rocca. Comme sendu lu remore de la marmitta, la socera co’ tutti li fii (sette) se ‘ffattu da lu Barco’ , comme pe di’ “e mo quissu c’a’ fattu che già resta ecco”?

Zecco ‘ngima. Appena rendii a la casa, vedi’ ‘na stanzòna che servea da salo’ e da cocina. ‘Ppoggiata a ‘n muru ci stea ‘na grossa stufa a lena, stea ppicciata tuttu l’anno, sopre sembre pronda, ci stea ‘na pila co’ l’acqua sembre bullente, pronda pe’ ogni evenienza. Sopre a lu soffittu ci stea ‘na botola sembre rropeta che portea a la suffitta, ‘ndo’ li soceri ce remettenu le cose, e dalla suffitta ‘na porticella portea a ‘na terrazzetta.
Subbitu me chiedu: ” che’ successu”, ” gnende” li dico, ” so trovatu ‘n gattu e lu so portatu”. Porto lu saccu ‘n mezzu a la stanza e tutti ‘nguriositi se mittu atturno pe’ vede’.
Ma comme ppoggio lu saccu pe’ terra, ‘n faccio ‘n tembu a rropillu che lu gattu rresce, tutto ngrifatu. “Ma che è su cosu cosi ranne” “Ma era ‘n gattucciu giovine, normale”. Lu gattu stea ‘n mezzu a la stanza, era devendatu ‘n gigante; li pili tutti ritti, la cova ritta, lu corpu tuttu ‘nnarcatu, l’occhi che li nnescenu de fora, “era devendatu tre voti più rossu de quanno l’ero piatu”. Sballottatu rendo a lu saccu co’ tutte le curve fatte, se la sarà vista brutta e certu ‘n potea sta be’. Nui tutti e dieci, quandemmò, co’ ‘n po’ de strizza, sémo poggiati a turnu a turnu a li muri. Vardemo quillu spettaculu co’ la senzazio’ che tenesse da succede qua’ ccosa. Successe!! Lu gattu ce vardea terrorizzatu, stette qua’ momindu a penzacce, po’ fece ‘n zumbu, gnaulenno comme ‘n disperatu, tocca quasi lu suffittu. Fu sfortunatu! Recasca’ sopre a la stufa ‘nfocata, cerca’ de scappa’ rrambichennose pe’ li tubbi de la stufa, fu peggio. L’odore de li pili bruciati se sendea pe’ tutta casa. Poracciu! Lascià la presa de li tubbi, ma ‘nze sa comme fenì rendo a la pila co’ l’acqua bullende. ‘N zemo rennesciti a capì comme fece, ma dalla disperazio’ fece ‘n zumbu ‘mpossibile. Se ‘n fila’ rendo a la botola sopre a lu soffittu e sparì. Pe’ qua’ menutu tuttu fu silenzio. Tutti repieru fiatu, lu pericolu era passatu. Doppu qua’ momindu, la socera me fa’ “volemo ì a vede’ che fine a fattu”?
Piazzemmo la scaletta a pioli sottu a la botola pe’ zzecca’ sopre a la suffitta, zzecchemmo e nescemmo sopre a la terrazzetta. Lu gattu, parea na soreca, ‘na visio’ terribbile; stea loco co’ l’occhi spalangati piini de sangue e de disperazio’, mezzubruciatu, tuttu zuppu, Ce varda, comme pe’ di’ “mo quissi che voju”? Se vardà atturnu, e co’ ‘n scattu suicida se jetta desottu pe la via che da a campusantu. ‘N zumbu de quattro piani.
Che fine ha fattu no’ lo saccio, ma ‘n ze più vistu.
Rescennemmo, casa puzzea de pili bruciati, la puzza se sendi ‘ngora pe’ qua’ giorno. Vardo la socera e li dico, ” ‘n te preoccupa’ dima’ vajo a la Villetta, ce ne stau tandi de gatti, ne pio unu e te lu porto”. La socera me varda’ fissu e co’ ‘na vocetta fioca fioca… “lascia sta’ fiu meu”.

4/9/2013

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930