Notizie in Controluce

Monte Compatri – Miseria

 Ultime Notizie

Monte Compatri – Miseria

novembre 23
17:28 2015

Era febbraru, pure quella matina Loreto se rrizzà e jette a la finestra. Dette ‘na passata cò la mani sopre a li vitri ‘ppannati e tenne la conferma che piovea ‘ngora: eru sei giorni che piovea e issu ‘ngomingià a biastimà. Mangu oggi se lavora, e pure se smette de piove tocca ‘spettà qu’aru giornu pè fa scolà la terra, mica se po’ vangà ‘mmezzu a lo fangu! Pure la moje se rrizzà e jette a vardà senza fa ‘n fiatu, e senza dì ‘na parola jette a ‘ppiccià ‘mbo de focu a la cucina de mattuni pè scallà ‘na cazzaroletta de latte. Li fiji che dormenu a ‘n lettinu affiangu a lu lettu ranne ‘ngomingeru a tossì pè lo fume. Ndremende Loreto, che era remastu vecinu a la finestra, stea a considerà che st’immernu era potutu lavorà ben poche giornate: “So sei giorni- disse- se continua così vojio vede che ce magnemo”. Lo latte era prundu e la mojie lo messe a la tazza. Comme se lo portà a la vocca Loreto lo resputà biastimenno: “Ma sto latte è acidu!” E la mojie ‘ndispettita li respose: “Io me lo so levatu da la vocca pè lasciattelo a ti e a li pupi. Che ce pozzo fa se li sordi ‘ngi stau pè recombrallo?” Po’ aggiunse:”Saria mejio che te cerchissi ‘naru lavore, perché così ‘nze po’ ì annanzi. So più li giorni che remani a casa che quilli che và a lavorà”. “Che è corpa mea se piove sembre” urlà Loreto biastimenno. “Tu n’ha corpa-respose la mojie- però te potristi reccomannà a quaddunu che te trovesse qua aru lavore, a l’industria, da fa pure se piove”. “E certu- respuse issu- se tutti se ne jisseru a l’industria, chi ce remarria a lavorà la cambagna. E po’ pè fa quello che dici tu ce vojiu le zambate, ci sta la politica de mezzu. ‘Gna esse ‘scritti a li partiti. Tu nò lo sa che vordì esse ‘scritti a li partiti: vordì che se và bè te pozzu pure mette a lavorà, ma po’ ‘nsì più parò de le idee tei, te da raggionà cò la capoccia sea”. “Allora vabbè- respose essa- gnende partiti, ‘ndandu ce moremo de fame”. “Mo se no’ la smitti te do ‘n schiaffu” li disse issu a bruttu musu e se rrizzà pè issene. ‘Ndandu che se mettea quillu cappottacciu, se li scucì ‘na manica, allora strillà a la mojie: “Ma n’t’ero dittu de recucilla?”- “La so recucita ieri!”- “Se vede comme la sì recucita. Fammene ì và, sinnò oggi te ‘ddobbo comme ‘n sandu vecchju”- ècco, vattene a l’osteria, così quilli dù cendesimi che so remasti te li bivi e quanno revè sta più ‘ngazzatu de prima.”

scritto da Franco Raponi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031