Notizie in Controluce

Muro di Campo Gillaro: “la vera storia tra pareri e rimpalli delle soprintendenze”

 Ultime Notizie

Muro di Campo Gillaro: “la vera storia tra pareri e rimpalli delle soprintendenze”

luglio 31
14:05 2017

 

 

“Un rimpallo di competenze, pareri e permessi tra la Soprintendenza per i Beni archeologici del Lazio e la direzione Paesaggistica. In mezzo una revoca di un finanziamento da parte della Direzione regionale della Protezione civile, insieme a un sovvenzionamento promesso dalla Comunità montana che è arrivato solo nel febbraio scorso. È una storia lunga e complessa quella del Muro di via Campo Gillaro, mentre gli sciacalli del partito della denuncia partono alla carica per la solita inutile polemica. Abituati a scrivere esposti, potrebbero invece fare un accesso agli atti per ricostruire l’intera vicenda. Oppure potrebbero informarsi: il 2 agosto ci sarà l’apertura delle buste per l’affidamento dell’appalto per i lavori di riqualificazione”, lo scrive in una nota il sindaco di Monte Compatri, Fabio D’Acuti.

“Dopo il primo cedimento; nel 2011, una nota della Soprintendenza per i Beni Archeologici dà parere di massima positivo per la messa in sicurezza del muraglione. Mentre la Soprintendenza per i Beni Architettonici richiede la supervisione di un esperto medievale, ritenendo il bene di interesse storico-monumentale. Il Genio civile, da parte sua, si mostra favorevole a un intervento urgente; prevedendo di demolire la struttura e ricostruirla” aggiunge il primo cittadino.

“Rimpallo di competenze che ha portato la Direzione regionale della Protezione civile a revocare un finanziamento già stanziato. Nel 2014, la Comunità montana si rende disponibile a cofinanziare l’opera. Risorse previste nel 2015, deliberate nel 2016 ed erogate nel 2017: 30 mila euro che, evidentemente, non bastano e il Comune è pronto a intervenire con risorse proprie. Diffidata la ditta che ha effettuato gli scavi in corrispondenza del muro, per comprendere se il mancato rispristino degli stessi abbia favorito, mercoledì 26 luglio, il distaccamento di parti di tufo dal muraglione”.

“I dem si rivelano anche tecnici esperti, lanciandosi in ardite analisi sul muro di via Rosmini. È intenzione dell’amministrazione comunale effettuare indagini per valutare l’intervento, anche rivalendosi sul proprietario dell’infrastruttura. Ricordo che mercoledì 2 agosto si conclude, con l’apertura delle buste, la procedura per la gara d’appalto per affidare i lavori di riqualificazione” conclude Fabio D’Acuti.

“La richiesta di dimissioni di un consigliere che è stato eletto Presidente del Consiglio Comunale, già ex sindaco, e votato da 990 monticiani alle scorse elezioni amministrative, è semplicemente fuori da ogni principio democratico. Che si basa sul concetto di rappresentatività. Diritto cui sistematicamente si richiamano i presunti democratici di Fausto Bassani, ma che non può valere per il sottoscritto. Ricordo che il suo gruppo ha dovuto registrare la terza sconfitta elettorale consecutiva: lo accettino”, commenta Marco De Carolis

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930