Notizie in Controluce

‘N passatu presende

 Ultime Notizie

‘N passatu presende

marzo 05
12:49 2017

Stea a cerca’ de mette ‘n bo’ d’ordine tra le cartacce che tengo ‘ngiru pe’ casa, rropenno ‘na vecchia cartellina celeste so’ retrovatu stu pezzu ‘n dailettu che l’autore me dette nel 1993. Era già anzianu, morì qua annu doppu. No’ lu so’ mai pubblicatu. Mo me pare giustu pubblicallu e recorda’ co’ stu pezzu, la vita che se fecea tandi anni fa’ quanno se lavorea pochi giurni l’anno e pe’ camba’ ce se ‘rrangea a fa’ ‘n bo’ de tuttu.
Recconda ‘n pezzu de la vita sea de quanno monellu ‘ngomicia a fa li primi lavuri pe’ buscasse la stoccia.

‘N passatu presende

Gna tenesse dudici anni, quanno me se porta’ a vanga’ la prima vota Angelu Gentili (dittu ‘Ntreaccosta), a la vigna de Romano Felicio’, ch’era lu pare de la regazza de Angelu, se chiamea Giuja.
Era ‘n pezzu de vigna sottu a Mazzini e confinea co’ la via nova che va a Colonna, località Colle Mattia.
Da quillu giorno, me se portà ‘Ndogno fratimu all’Olivellu, da Rico (Lu moro).
Agusto che stea pe’ caporale da lu maestro Biagini, me lascià addirittura lu postu.
Placito, ch’era ‘n aru fratellu meu, ‘gni tandu me se portea a la macchia. Me ‘mbarà a fa’ li fascitti primu, a snudà li tonnelli, a stucca’ le pertiche ecc.
A casa ero lu più ciucu, ma se tenea quattro sordi, me ce combrea du’ popolari, datu che fumemo ‘n sette co’ Tata.
Pe’ magna’, bastea pocu, se te magnii ‘n piattu de facioli o de cicerchie, ce metti lo pa’ sottu, po’ ‘n pezzu de baccalà siccu e stemo be’.
‘N bellu giorno, datu che la Sora Clotilde Missori, moje de lu maestru Biagini, tenea a la casa ‘na cocina a legna li disse: che se li servenu li fascitti li saria portati io.
Perché ‘na vota che m’ero ‘mbaratu, Placito me mannea a ‘ttacca’ la frasca pe’ le macchie, ma no’ me paghea. E’ vero che li fascitti li portemo pure a lu furnu de Sbirretto, che ce dea la farina pe’ fa’ lo pa’.
A lu Monde, doppu che s’eru vangate le terrinelle, pe’ remmedia’ ‘na giornatella tenea da veni’ giugno o esse fortunati, e pe’ san Pietro, li lavuri eru feniti, e a Agustu “lu poveru more arrustu”.
Basta! La Sora Clotilde ‘ccettà. Io cerca’ subbitu de vede’ Nino Bianco’ che tenea ‘n cavallu niru e Agusto Brandolini dittu (Strangico’) che tenea ‘na somara. Nui tenemo lu mulu.
Ce mettemmo d’accordu de ì a carica’ sti fascitti che stenu a la macchia de Lodovardo Mastrofini, a Cacciaverra. Iemo de sera, passenno a Via Antonio Rosmini, La Cucca, e sopre a lu stradello de lu pratu d’Emilio Visconti. Allora se carichenu dieci fascitti a soma, perché eru lu duppiu de quilli che se fau mo’. Così penzemo de mettene: sei a la somara de Strangico’, dudici a lu cavallu de Bianco’ e dudici a lu mulu meu.
Parea che iesse tuttu bbe’, ma io manna lu mulu annanzi, sopre a lu pratu d’Emiglio Visconti e no’ potenno illi denanzi, se ‘mpiccea co’ le frasche, e più li dicea: Le! Le! E più tirea camminenno pe’ traversu, sapenno che saria itu de sottu. Libberatu da quillu pericolu, s’era persi metà de li fascitti.
Ner mendre, me sendi chiama’ da Nino e Agusto, che la somara era cascata ‘n mezzu a lo fangu.
Dopu tandu straziu, nescemo fori a la via nova, che a lu Monde s’eru piccuiate le luci.

So’ passati 73 anni e quillu fattu me lu recordo comme mo’
Siro D’Acuti

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930