Notizie in Controluce

Peppe Palla… scopinu e fraschettaru

 Ultime Notizie
  • La tutela dei diritti umani nelle aree di crisi La tutela dei diritti umani nelle aree di crisi Anche l’associazione “Vivere Impresa No Profit” di Albano Laziale parteciperà al convegno “La tutela dei diritti umani nelle aree di crisi”,...
  • Conclusa la III edizione del festival molisano Conclusa la III edizione del festival molisano diretto da Alice Pasquini. Crescono a grandi numeri l’affluenza dei visitatori e le potenzialità di rilancio turistico ed economico del territorio Un’affluenza di...
  • Cerimonia nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza di Roma Roma, 12 giugno 2018 – Saranno uomini della cultura, dello spettacolo, delle istituzioni e della letteratura a ricevere, questa sera, nell’Aula Magna del rettorato della Sapienza Università di Roma, i...
  • CREDERE NEL PROPRIO FUTURO: TENACIA E IMPEGNO PREMIANO…   Un’adolescente piena di sogni e di sorrisi: già da bambina amava volare con la fantasia, s’impegnava seriamente sia sui banchi di scuola – ora liceale del Linguistico Joyce –...
  • VELLETRI – MUSEO “ GIGI e LUCIA MAGNI” Con il sostegno della famiglia Magni – dell’ Associazione Luigi e Lucia Magni – della famiglia De Angelis – dell’ Associazione Nazionale Costumisti e Scenografi – della compagnia del Teatro...
  • Matera, da vergogna a gloria Matera, da vergogna a gloria: la città di pietra diventa un acquerello sulle foto di Federico Scarchilli Nel suo ultimo progetto fotografico Federico Scarchilli trasforma Matera in un’opera a metà...

Peppe Palla… scopinu e fraschettaru

febbraio 09
02:00 2008

Tra tutti li scopinì de li tempi de prima “Peppe Palla”, ordre che esse scopinu era ‘nfrasehettaru a di de si. Fenitu de scopà (con la scopa vorrebbe dì), se ‘nzacchea drento a la fraschetta, se ‘nfrocea a cianche larghe addossu a lu focone de carbonella ppicciàta e no ‘nnescea se non passeanu li “Carbigneri” a smorza la “Linterna”. Allora locco locco biffea pe tu vicutittu de casa e co’ quella voce de Rospo sgargarozzea lu stornellu a la Romana, e pe fa dìspettu a “Nuccetta” la mojie, ttacchea: Se vò vedè le mujì ffezzionate! portali li quatrinì bene o male / senno le trovarai sempre rrugnate / e te ce vò er bastone de crognale… Quella pora cercenata de “Nuccetta”, tutte le sere tenea da gnotte sta solita cantilena e se sfochea… “Areessolu sa! Ce resemo natra vota; che pozzi bè fòcu; armeno qua sera te sfiatassi! Tocca Ercolì… tenemo ‘mbriachella a casa, va a feni che qua sera perdo la pacenzia e me lu propiu ttacco a l’Anima! Eccheddià,’nze ne po’ più”. Areecco la pantomima de Peppe: “Nuccetta mea comme sbrilluccichi massera.’Ncrifi ssù pettu che pare n’ardalinu… massera ‘ndo scappi? Ve pecco che me te vojio propiu ddropà!” Tetè madonna mè! Ma vatte a fa sparà e smittila, tocca peschiusu… ma che massera Te va l’aqqua pe’ l’ortu? A muccu de fre… sa che te dicio: levamete denanzi che io non tenco la fantasia tea sa! Ma Peppe fa un reuttu e starnutu da sprocetatu che… lava lu muccu a Nuccetta e bofonchia: ma mancu prosite me dici? Te lu darria io prosite se potesse: èsso che si bonu a fa! Tocca zuzzu, porcìu… che se non fusseru ssi cacalusi de fioti te propiu scorporeria. Tu chi sa che te criti! Ma issu continua. E te cevò er bastone de crognale ‘ntantu che cerca de bracciasse Nuccetta ma questa ‘nviperita: Ercoli! Ma che te si mìssu ‘ncapu massera? Ma che te lì bolluri? Vatte a ‘nfrocià sotto a li piscari così te se jietanu ssì bolluri. Aò sa che te dicio: Io non tengo la fantasia tea sa! Ma Peppe risentitu, àh così è? Allora mo sa che faccio; pia e rennescio e vajio a trovà chi te la fantasia mea… Addè, e vane! Ma così te sprefonnissi… mo va tu screpante, lu peschiusu, va che mo stau tutte a cianche llargate a spettatte a ti. Aòh, sa che te dicio: se io volesse, tenaristi le corna comme lu Zappu de’ Caitanellu. È robba che quanno ‘nnescio no me pozzo sarvà. Se volaria ce starrianu certi… fiori in tavola!
Peppe pizza le froce e sbotta: oh che te pozzanu piopiu ammazzatte! Puru questo mo ce stà. E chi sarrianu ssi giacanti? Se dineguarde repeti ssà parola te faccio sette ‘nnasule a la panza… “Fattele a ssà lenguaccia zozza le nnasule che ‘nfarristi ‘nsordo de dannu. Tenemo lu Jiallu pe’ casa nò! Ma nte la dà na vardata pucinee! Tocca ‘nnecitu!
Ah, mo so ‘nnecitu, basta che n’era ‘nnecitu quanno me venii appressu e te ccovacchji comme ‘na iocca …se va che me ne ddea subbitu te facea fa lu zumpu della ranocchia.
Nuccetta perde la pacenzia, pìa lu stennerellu e li refila ‘na stennerelata ’ncapu e lu sbraca petterra comme un saettone… Dìo, Madonna mea, e che so fattu mone… Curri currì Nando meu, curri che paritu sa ‘nciafroccatu e sa fattu un vornio (un bozzo) ‘ncapu che Madonna mea…
Peppe llampanatu comme un follaccianu, e co l’occhi storti dalla tortorata, dà na vardata ‘nfaccia a Nuccetta e con… “Voce supplichevole” sussurra: “Nuccetta mea, jiuti sse finestre che stau a rrentrà tutte le stelle dellu cielu che me stau a cecà… “Vorrei vedere se con quella randellata in testa non vedesse le Stelle!”

 

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930