Notizie in Controluce

Verso il Robot sapiens. Un approccio umanistico alla cibernetica

19,00

Titolo:      Verso il Robot sapiens. Un approccio umanistico alla cibernetica
Autori:      Armando Guidoni
ISBN-10(13):      978-88-95736-67-9
Editore:      Edizioni Controluce
Data pubblicazione:      Giugno 2018
Edizione:      I edizione
Numero di pagine:      216
Formato:      170×240
Collana:      Scienza

Descrizione

Non voglio (né lo potrei) fare una prefazione a un libro così intenso, nuovo e – per me – distante dalle mie competenze. Però, proprio mentre scrivo questi appunti, mi chiedo: perché mai “distante dalle mie competenze? E perché?”. Qui sta il punto delle osservazioni nate durante la lettura di Robot sapiens.
[…]
Se andiamo ai primordi del pensiero umano (perché sono convinto che pure gli animali e le piante pensino a modo loro in un loro codice, dato che tutto l’universo, secondo la mia limitata cultura, è intelligente), l’unità della radice e del procedimento non era ancora scissa in specializzazioni perniciose. Filosofia e scienza andavano a braccetto (Pitagora fino a Kant-Laplace), poesia e filosofia erano talmente fuse che non c’è poeta senza il filosofo (Omero, Dante, Leopardi, i grandi tragici greci, Orazio, Lucrezio, Shakespeare e mille altri). Non solo, ma quando il potere della mente raggiunse vertici non più ritrovati, le arti e la scienza si unirono in osmosi in uomini come Leonardo, Leon Battista Alberti, e di nuovo Dante che è la summa di ogni sapere illuminato dal fuoco della Poiesis. Ma gli esempi non finirebbero qui: anche Goethe si applicò alla teoria dei colori e apprezzò per la prima volta Schopenhauer per tali studi paralleli.
Siamo stati noi a spezzare l’unità del sapere. Fëdor Dostoevskij, duecento anni fa, ironizzava col suo genio: «In futuro, se un malato andrà dall’otorino, si sentirà dire: io sono specialista della narice destra; lei soffre nella sinistra: deve consultare un mio collega studioso della sinistra.»
Guidoni, con le sue poesie prima, con quest’opera chiara e densissima poi (che contiene, nel suo itinerarium una valida, sebbene non sbandierata, sostanza didascalica) ha voluto dimostrare che la frattura fra umanesimo e scienza non esiste. Ed io sono pienamente d’accordo, anche se la mia formazione letteraria, musicale, filosofica non mi hanno permesso di penetrare totalmente – verso la fine del presente libro – nella specifica sezione su cui a Frascati ha lavorato il gruppo cui apparteneva Guidoni.
Gli studiosi – nei secoli – hanno diviso per categorie il sapere per una questione di comodo: storia della fisica, della matematica, della musica, della poesia, delle guerre, dell’economia, della pittura, della scultura, della medicina, della filosofia, della chimica, dell’astronomia, dell’agricoltura, della tecnologia, del teatro, del cinema, della botanica, dei tre regni della Natura, delle religioni etc. etc. etc. fino all’infinito. Ma chi produce il tutto è il solo cervello dell’uomo. E su questo organo ancora misterioso si basa la parte che mi ha affascinato di più: “Il sogno dell’uomo e la conoscenza”.
[…]
Posso sbagliare, ma la lettura del libro di Guidoni, specie della nuova disciplina scientifica, la Cibernetica, il suo sviluppo, la matassa multidisciplinare che porta alla macchina intelligente la quale simula le attività cognitive, e il macrocosmo e il microcosmo, nella fascinosa sterminata ‘irrealtà dell’universo’ (nel senso – dico – di un’astrazione per noi poveri mortali, limitati in un tempo millesimale fra il nascere e il morire, imprigionati su questa pallina sperduta nella sabbia infinita del deserto cosmico dove nulla è sincronico, ma tutto è scollato dal tempo unitario, perché l’alfabeto delle stelle è l’unico messaggero possibile fra mondi che non si incontreranno mai per le distanze fuori della nostra portata intellettuale, pratica, immaginativa etc.)… Mi sono perduto. Lo confesso, né cerco di rappezzare, ma non poteva essere altrimenti. Però non si perde Guidoni, mente complessa, il quale vorrebbe prendermi per mano e condurmi dove è arrivato lui con i suoi colleghi: «ma non eran da ciò le proprie penne», per dirla con Dante. Eppure, quel principio di indeterminazione, quell’impossibilità di una conoscenza oggettiva del mondo che ci circonda, l’avere ‘coscienza della propria coscienza’, e la zona affascinante delle neuroscienze per cui il cervello è un organo più complesso degli altri del nostro misterioso corpo, ma pur sempre un organo fisico da correggere, curare, come si fa col fegato o con i polmoni etc.: nel labirinto della Cibernetica, nel rapporto fra computer e nuovo modo di vedere il mondo, il ribaltamento del pensiero di Cartesio, la novità della tecnologia che ha mutato non solo il mondo, bensì l’uomo… Insomma, «il naufragar m’è stato dolce in questo mare».
Tutta la parte finale, l’ultima, basata, mi pare, sul concetto ologrammico (l’ologramma è la scrittura dell’intero oggetto) d’una scientificità a noi umanisti sconosciuta, dovrò rileggerla con l’ausilio di Guidoni, ma una cosa essenziale devo dichiararla, ed è per me la più importante, quella che giustifica l’esistenza di un libro: ho capito i concetti espressi mercé la chiarezza espositiva dell’autore ed è scaturita una curiosità che moltiplica la mia innata curiosità per ogni emanazione della vita, e condensa lo stupore che ho da prima di emettere parola, nel dubbio di farcela a entrare in questi ‘misteri’ sfiorati da sempre e mai approfonditi: l’età è avanzata. Forse resterà solo un sogno, ma un sogno meraviglioso della conoscenza, per la quale l’Ulisse dantesco sfidò l’ignoto e fu punito (incomprensibilmente) proprio davanti alla meta agognata. Questo, riguardo le mie possibilità limitate in tale campo. In quanto a Armando Guidoni, bisogna ammettere che il suo sforzo desta sete di sapere in chi è fuori del grande settore scientifico: e l’Italia dovrebbe investire di più in esso, specie nella scuola, riunendo finalmente quanto di umanistico c’è nella stessa tecnologia e quanto di scientifico è insito nell’umanesimo. Grazie, Armando: il sottotitolo Un approccio umanistico alla cibernetica è svolto pienamente, e te lo dico forse dimentico delle tue poesie che mi suscitarono già qualche dubbio (positivo) sulla necessità di fondere di nuovo cuore e ragione, tecnica e fantasia.

                        Aldo Onorati

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Verso il Robot sapiens. Un approccio umanistico alla cibernetica”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carrello

spazio degli sponsor