Notizie in Controluce

Ricordi di un monticiano

 Ultime Notizie

Ricordi di un monticiano

febbraio 29
10:06 2016

Ricordi di un monticiano

A stu paese ce stau tandi archi
Vi voria parlà de le bellezze de lu Monde, ngomingerìa da la Fondana dell’Angelu, che se potesse me la rubberia. Se tu te metti co’ le spalle girate versu l’Angelu, vidi lu palazzu de lu Commune, denanzi ci stà lu Monimendo a li Caduti, zecchenno a destra trovi subbito via Cavure che nui chiamemo la via de le rutti che a ‘ngertu pundu feniscea da Gegno Mastrofini dittu lu Copitu, mo me pare che l’hau sfonnata e la chiamu la Circonvallazziò che và a rennescì a via Leandro Ciuffa.
A stu paese ce stau tandi archi, lu primu che se ngondra se chiama l’Arcu de li Felici, che subbitu appressu ci stea a bbità Pericle de Carlacciu che lu fiu Vingenzo s’era spusatu la sorella de poru Celestinu, che è statu lu primu mortu a n’endrà a Cambusandu novu a la Macchia de la Revardata, questo pe’ fa vedé le cose che me recordo le più londane. Subbitu, nemminu a cendu metri ce ne stea n’aru ndo’ sopre ce steanu a bbità lu pare co’ la mare de Armando Remore, po’ ci stea quillu de Sirvio Sarvatori, Ziziotta, che po’ cià fattu l’osteria, pe’ quilli de ‘n Gelinu de Cacinacciu, a piazza Selli sottu a sinistra ci stea l’arcu de Nicola Minotti lu nonno de Tarquigno Minotti, appressu ‘ngora quillu de Memmo Felici. Appressu angora quillu de Siro Felici e Romeo Bozza lu pare de Spartico l’avviatore che se spusò la fia de Nobbiloni, po’ quillu prima de la Posta che lu capu era sor Calisto, a quill’aru appressu ci stea a bbità Regginardo lu Tamurrinu, fiu de Giggetto Spina, a quillu appressu ci stea a bbità sopre la maestra Rocchi, denanzi a quistu ce ni stea n’aru rossu, ci stea Linda Ciuffa, po’ venea quillu de Rolo Cappellò. Rendrenno ngima a Ghetto ci stà lu più rossu che io lu chiameria l’Arcu de li Triunfi perché ‘na vota da loco se rendrea. Rendro pe’ Ghetto ce ni stau n’atri dua, a unu ci stea a bbità Luiggi de Zimara e a quillaru ci stea a bbità sopre lu pare de Mario e Sirvano Martini co’ pure la zia Zelinda la sarta. Scegnenno pe la via Longa subbitu a sinistra ci stea quillu de Gegno lu Sagrestanu, po’ pe via dell’Artisti ce ni stea n’aru che se vedenu le tavule sopre era unu de li più belli. No’ me potea sfuggì l’arcu de lu Passittu che da Ghetto jea a fenì pe lu Stradò denanzi a Filenilla la socera de Righetto Me Ce Porti. Me pare che no me ne sò scordato gniciunu.
Parlemo pe’ n’attimu de lu Bervedere, co’ quella Fondana così spettacolare, che ce sò itu a pià più conghe d’acqua che li capilli che tenea ‘ngapu, po’ quelle belle piande de leccio che fau n’ombra ch’ è ‘na sciccheria, me ce sò rambicatu mille vote.

Tags

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031