Notizie in Controluce

Università di Macerata – L’imposizione del silenzio a Clara Ferranti

 Ultime Notizie
  • La tutela dei diritti umani nelle aree di crisi La tutela dei diritti umani nelle aree di crisi Anche l’associazione “Vivere Impresa No Profit” di Albano Laziale parteciperà al convegno “La tutela dei diritti umani nelle aree di crisi”,...
  • Conclusa la III edizione del festival molisano Conclusa la III edizione del festival molisano diretto da Alice Pasquini. Crescono a grandi numeri l’affluenza dei visitatori e le potenzialità di rilancio turistico ed economico del territorio Un’affluenza di...
  • Cerimonia nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza di Roma Roma, 12 giugno 2018 – Saranno uomini della cultura, dello spettacolo, delle istituzioni e della letteratura a ricevere, questa sera, nell’Aula Magna del rettorato della Sapienza Università di Roma, i...
  • CREDERE NEL PROPRIO FUTURO: TENACIA E IMPEGNO PREMIANO…   Un’adolescente piena di sogni e di sorrisi: già da bambina amava volare con la fantasia, s’impegnava seriamente sia sui banchi di scuola – ora liceale del Linguistico Joyce –...
  • VELLETRI – MUSEO “ GIGI e LUCIA MAGNI” Con il sostegno della famiglia Magni – dell’ Associazione Luigi e Lucia Magni – della famiglia De Angelis – dell’ Associazione Nazionale Costumisti e Scenografi – della compagnia del Teatro...
  • Matera, da vergogna a gloria Matera, da vergogna a gloria: la città di pietra diventa un acquerello sulle foto di Federico Scarchilli Nel suo ultimo progetto fotografico Federico Scarchilli trasforma Matera in un’opera a metà...

Università di Macerata – L’imposizione del silenzio a Clara Ferranti

Università di Macerata – L’imposizione del silenzio a Clara Ferranti
ottobre 18
09:51 2017

Da alcuni giorni si è scatenata una diatriba riguardo ad un fatto avvento in un’aula dell’università di Macerata. A metà ottobre di quest’anno una docente, Clara Ferranti, ha recitato un’Ave Maria durante una lezione, come simbolo di pacificazione per le divisioni che affliggono l’umanità. La sua azione è stata fortemente censurata negli ambiti accademici ma personalmente ritengo che una preghiera non sia un’offesa, né può essere considerata fuori luogo, anche in un contesto universitario laico, se ha lo scopo di far riflettere sulla condizione in cui la società si ritrova.

La preghiera in se stessa, quando rivolta all’unica divinità, non è una predica con la quale si vuole convertire l’ascoltatore ad una specifica religione. La preghiera soprattutto se dedicata alla “Matrice Universale” è un atto di interiorizzazione della coscienza nella Coscienza. Debbo specificare che lo scrivente si considera totalmente laico, non identificandosi con alcuna religione costituita, anzi ha portato avanti una campagna di sensibilizzazione tesa al superamento del pensiero religioso settario in favore di una spiritualità laica e naturale che accomuni tutti gli esseri. A tal fine proposi già diversi anni fa che nelle scuole la materia religiosa fosse trasmessa in forma di “Storia delle religioni”. La preghiera, però, a qualsiasi fede appartenga, è come un inno, una poesia che sorge dal cuore, quindi non è materia di catechesi. Come accettiamo ed apprezziamo la poesia di Leopardi, di Dante, di Ovidio, di Omero o di ogni altro poeta possiamo accettare la preghiera, rivolta a qualsiasi forma della Divinità. Divinità che non appartiene specificatamente ad una religione.

La preghiera è un afflato dell’animo per avvicinarsi all’Essenza divina che risiede dentro di noi. Se invece dell’Ave Maria la professoressa avesse recitato un antica lode ad Iside sarebbe stato più accettabile al “laicismo” bigotto del rettore Adornato, dell’università di Macerata? Egli uniformandosi al pensiero “politicamente corretto”, che prevale attualmente nella nostra società, ha ritenuto opportuno censurare come “impropria alle finalità culturali dell’ateneo” l’invocazione (senza per altro imposizione a ripeterla all’unisono) recitata nell’aula da Clara Ferranti, ed ha chiesto scusa agli studenti che se n’erano lamentati.
Ora, a pensarci bene, mi sembra che questa querelle e la presa di posizione “laicista ad oltranza” del rettore Adornato sia solo l’ennesima offesa contro il mondo femminile. Una donna che si rivolge al simbolo della Madre Universale va censurata, perché la donna è un essere inferiore e non deve permettersi di prendere iniziative che mettano in dubbio il dettame “patriarcale”, in ogni sua forma.

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930