Notizie in Controluce

Le femministe hanno affittato il cervello?

 Ultime Notizie
  • Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte Pomezia, bandiere a mezz’asta in ricordo di Willy Monteiro Duarte nel giorno dei suoi funerali. Il cordoglio dell’Amministrazione comunale   Il Comune di Pomezia aderisce all’iniziativa lanciata da Anci Lazio....
  • A ROCCA DI PAPA LE SCUOLE RIAPRONO IL 14 SETTEMBRE Come già assicurato in più occasioni, confermo la riapertura delle scuole comunali di Rocca di Papa per lunedì prossimo, 14 settembre. Le polemiche alimentate in queste ultime settimane di campagna...
  • Festival ArteScienza: dal 15 settembre gli appuntamenti al Goethe-Institut Rom Accelerazione||Decelerazione Roma, 8 settembre – 4 ottobre, 4 dicembre 2020   Dal 15 settembre il Festival ArteScienza al Goethe-Institut Rom. Fino al 25 settembre tutti i giorni, concerti/installazione con gli...
  • Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze Gabbarini: “A Genzano le scuole riaprono con tante incertezze. In ritardo lo scuolabus ai Landi”  “A dispetto di quello che sta avvenendo in molti Comuni anche dei Castelli Romani, dove...
  • Cena con Delitto Rock Una cena avvolta nel mistero. Arriva domani la Cena con Delitto Rock. 12 Settembre RedRock via del Casale Santarelli 123 Ingresso gratuito   Una serata tinta di giallo, avvolta nel...
  • La campanella suona ancora!  Pochi semplici suggerimenti rivolti ai genitori per sostenere i propri figli nella ripresa delle attività scolastiche   Dopo mesi di prolungata sospensione delle attività scolastiche in presenza, la scuola riapre...

Le femministe hanno affittato il cervello?

Le femministe hanno affittato il cervello?
Marzo 08
11:08 2016

Negli ultimi tempi, mi sono chiesta spesso come mai le femministe tacciano sulla questione dell’utero in affitto. Sinceramente, mi aspettavo cortei, proteste, rivendicazioni riguardo il corpo della donna che non può essere usato come una merce.
Invece, tutto tace, escluso qualche flebile gemito.
Eppure, prendere un ovulo da una donna (meglio se bianca, sana e bella), inserirlo fecondato nel corpo di un’altra (che può essere anche orientale o di colore), crescere un feto che diventa bambino, indi consegnarlo a chi lo ha commissionato, è una mostruosità.
La donna è usata come una mucca fattrice di vitelli, poi portati al macello. Forse anche peggio, perché, almeno per un po’, la mucca può leccare e allattare il suo vitellino e questi ne può trarre conforto. Mi viene in mente un libro che avevo letto in gioventù sugli esperimenti che i nazisti facevano sul corpo delle donne…
E non mi importa che a ordinare e ritirare figli a comando siano coppie eterosessuali o omosessuali, per me non cambia nulla!
Non mi importa neppure se queste donne siano state comprate (schiavitù) o lo facciano per convinzione. Quale convinzione, infatti, ci può essere nell’abbandonare una creatura che è stata un pezzo del nostro corpo per nove mesi, il cui cuore ha pulsato in noi, che si è nutrita del nostro sangue, che non potremo abbracciare e sostenere quando sarà malata o quando qualcuno l’avrà offesa?
Neppure la mucca sceglie di abbandonare il suo vitellino.
Perché, dunque, non si grida all’obbrobrio?
Forse, perché le femministe (ma esistono ancora, dopo che è stata sdoganata la prostituzione e resa, nel silenzio, l’unico sistema sicuro per avere successo?) sono donne di sinistra.
Esse hanno paura a criticare la sinistra. Una sinistra che negli altri cerca la perfezione e così pure nelle cose da fare che non sono mai abbastanza di “sinistra”, sempre incurante del fatto che con il suo comportamento dà, ogni volta, il governo in mano alla destra.
Per sé, invece, la sinistra autorizza qualsiasi comportamento spregevole come quando si partecipa alle primarie e, se il risultato non è quello che si vuole, si presenta un altro candidato alle elezioni.
Ma questo è molto peggio. Non c’è pari nella mostruosità.
Io non penso affatto che due genitori maschi oppure femmine non possano educare un figlio. Gli studi hanno dimostrato che non è importante il sesso del genitore che si prende cura, essenziale è l’amore e l’interesse per il bimbo. (D’altra parte, valutando gli esiti dell’educazione eterosessuale, altri tipi di genitori non potranno fare peggio!) Di solito, la salute psichica del figlio dipende anche dalle problematiche psicologiche dei genitori. Certamente, nella nostra società conservatrice e chiusa, gli omosessuali devono subire tante umiliazioni e, probabilmente, avranno qualche problema psicologico. Dunque, se desiderano essere genitori formativi, saranno senz’altro capaci di farsi seguire da uno psicologo e risolvere i loro problemi.
Il sistema giusto, però, non può essere ordinare un bimbo a una fattrice!
Non conosco la situazione dei bambini adottabili in Italia, ma so che nel mondo, causa fame, malattie, guerre, ci sono milioni di creature abbandonate negli orfanotrofi. Perché non adottare un bambino che già esiste, che soffre, che ha bisogno di tutto? Non sarebbe un modo sublime di essere genitori, di sviluppare le proprie sensibilità affettive, facendo del bene ad altri, diversamente condannati a morte?
Non è questo che la Sinistra dovrebbe sostenere in una visione attuale e globale del mondo?
Si batta, piuttosto, perché anche le coppie omosessuali e i single possano adottare. Sarà una lotta per la vita, non la creazione di droni con una quantità indefinita di madri e padri…
E le femministe, se non hanno affittato il cervello, si ricordino che il corpo della donna non è una fattoria.

Renata Rusca Zargar
http://senzafine.zacem-online.org/#home

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento