Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Appuntamenti straordinari con l’arte – Galleria CAMPARI

Appuntamenti straordinari con l’arte – Galleria CAMPARI
Settembre 06
10:53 2016

Galleria CAMPARI partecipa alle Giornate Europee del Patrimonio.

Apertura sabato 24 settembre dalle 15.30 alle 21.30 e domenica 25 settembre dalle 15.30 alle 17.00
con visite guidate gratuite.

HQ Gruppo CAMPARI  Sesto S. Giovanni | Viale Gramsci, 161

Anche quest’anno Galleria Campari aderisce alle Giornate Europee del Patrimonio (GEP), aprendo gratuitamente al pubblico i suoi spazi espositivi sabato 24 settembre 2016, dalle ore 15.30 alle ore 21.30 con visite guidate gratuite alle ore 15.30, 17.00, 18.30, 20.30 e 21.30, e domenica 25 settembre con visite guidate gratuite alle ore 15.30 e 17.00.

L’iniziativa, promossa nel 1991 dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea, ha lo scopo di potenziare e favorire il dialogo e lo scambio in ambito culturale tra i vari paesi europei e promuovere le bellezze, spesso poco conosciute, del patrimonio culturale.

All’iniziativa, com’è ormai tradizione, aderiscono anche molti luoghi della cultura non statali tra musei civici, comuni, gallerie, fondazioni e associazioni private, costruendo un’offerta culturale estremamente variegata. Uno straordinario racconto corale che rende bene l’idea della ricchezza e della dimensione diffusa del Patrimonio culturale nazionale.

Campari offrirà al pubblico visite guidate gratuite alla scoperta di Galleria CAMPARI e del progetto espositivo Eden, dell’artista concettuale Annamaria Gelmi (Trento, 1948), visitabile fino al 29 ottobre 2016 presso il Campari Wall, all’interno del quartier generale del Gruppo a Sesto San Giovanni.

L’Edizione GEP2016 sarà dedicata al tema della partecipazione al patrimonio nella direzione tracciata sin dal 2005 dalla Convenzione quadro del Consiglio d’Europa sul valore dell’eredità culturale per la società, nota come Convenzione di Faro.
Per il quarto anno consecutivo, sulla scia dei successi degli anni passati, Galleria Campari si schiera in prima linea tra le realtà che hanno aderito all’appello europeo, desiderosa di rappresentare la proposta culturale della città di Milano.
Un’occasione unica di condivisione del proprio patrimonio culturale che per Campari rappresenta un insieme di risorse, valori, conoscenze e tradizioni ereditate dal passato e da mettere a disposizione della comunità, e che Campari desidera, nel quadro di questa straordinaria iniziativa pubblica, sostenere e trasmettere ancora con più forza alle generazioni future.
Tutte le informazioni sui luoghi della cultura aperti e sulle iniziative promosse in occasione delle Giornate Europee saranno disponibili sul sito del MIBACT.

http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Eventi/visualizza_asset.html_769121374.html

———————————————————

CONTATTI PER LA STAMPA
PCM STUDIO
Via C. Goldoni 38 – 20129 Milano
Paola C. Manfredi | paola.manfredi@paolamanfredi.com | M +39 335 54 55 539
Per richieste immagini: press@paolamanfredi.com | 02 87286582

Galleria Campari

La Galleria Campari, nata nel 2010 in occasione dei 150 anni di vita dell’azienda, è un museo aziendale di nuovissima concezione: uno spazio dinamico, interattivo e multimediale, interamente dedicato al rapporto tra il marchio Campari e la sua comunicazione attraverso l’arte e il design.
Il progetto nasce nell’ambito della riscrittura architettonica e funzionale dello storico stabilimento di Sesto San Giovanni, fondato da Davide Campari nel 1904. Tra il 2007 e il 2009 il complesso è stato interamente trasformato, con un progetto dell’architetto Mario Botta, per la realizzazione del nuovo Headquarter del Gruppo Campari e il recupero dello storico fabbricato destinato appunto a ospitare il museo.
La Galleria Campari deve la propria forza all’unicità e alla ricchezza dell’Archivio Campari, vero e proprio giacimento culturale trasversale, che raccoglie oltre 3.000 opere su carta, soprattutto affiche originali della Belle Epoque, ma anche manifesti e grafiche pubblicitarie dagli anni ‘30 agli anni ‘70, firmate da importanti artisti come Marcello Dudovich, Leonetto Cappiello, Fortunato Depero, Franz Marangolo, Guido Crepax e Ugo Nespolo; caroselli e spot di noti registi come Federico Fellini e Singh Tarsem; oggetti firmati da affermati designer come Matteo Thun, Dodo Arslan, Markus Benesch e Matteo Ragni.
Quella della Campari è una storia fatta di brillanti intuizioni, di campagne pubblicitarie raffinate, di una strategia comunicativa all’avanguardia che ha vestito il prodotto di arte e design e ha saputo associarlo alla cultura e alla creatività italiane: la visita alla Galleria Campari è una totale immersione sensoriale nei principi di creatività, vitalità e proiezione verso il futuro che da sempre hanno caratterizzato il marchio; le opere sono esposte sia in originale che in versione multimediale, rielaborate da giovani Interaction Designer (Cogitanz) utilizzando modalità multimediali quali il video wall con 15 schermi dedicati ai caroselli dagli anni ‘50 agli anni ‘70, gli 8 proiettori in alta definizione che proiettano su una parete di 32 metri manifesti d’epoca animati, video dedicati agli artisti, immagini tratte dai calendari e gli spot pubblicitari dagli anni ‘80 a oggi. Infine un tavolo interattivo con 12 schermi touch screen consente di fruire gran parte del vasto patrimonio artistico dell’azienda.
Per gestire al meglio un allestimento che fa ampio uso delle più moderne tecnologie, Galleria Campari è stata la prima a integrare in ambito museale la piattaforma di sviluppo opensource Arduino, ideata da Massimo Banzi. Nata nel 2002 a Ivrea, in provincia di Torino, e ora utilizzata in tutto il mondo, Arduino è composta da una scheda elettronica abbinata a un software e può contare su una comunità internazionale di modder, che costantemente contribuiscono a migliorarlo con le loro idee e il loro lavoro.
Arduino deve il suo nome al bar dove i suoi fondatori erano soliti fare l’aperitivo, e all’interno del quale nacque l’idea per questa piattaforma. Una coincidenza che rafforza il legame con il Campari: entrambi frutto della creatività italiana, anche se appartenenti a due epoche profondamente diverse, hanno in comune anche l’essere nati nel segno di quella convivialità così caratteristica del nostro Paese.
È infine allo studio una APP dedicata a Galleria CAMPARI, che consentirà ai visitatori, e al pubblico in generale, di poter fruire di approfondimenti sui contenuti in esposizione, di ulteriori contenuti aggiuntivi e di informazioni sempre aggiornate.
La Galleria Campari, inoltre, organizza mostre temporanee, attività didattica e di ricerca, e promuove pubblicazioni sulla storia della comunicazione dell’azienda attraverso arte e design. Offre servizi di prestito a musei ed esposizioni e di consulenza storico-critica a sostegno dei progetti curatoriali che includano materiale della collezione Campari e visite guidate per privati, studenti ed esperti del settore.
Dal 2013, la sede del Gruppo ha destinato uno spazio anche all’arte contemporanea e ad alcune delle più interessanti voci dell’arte del nostro tempo. Nella hall dell’HQ del Gruppo, è stato allestito il Campari Wall, speciale spazio di dialogo con gli artisti, in collaborazione con le gallerie più prestigiose e vetrina per talenti creativi italiani e internazionali.
Dall’11 maggio a sabato 9 luglio 2016, Campari Wall con “Different Perspectives” vedrà protagonista la fotografa tedesca Barbara Probst, con un polittico tratto dalla serie fotografica Exposure.
La Galleria Campari è uno spazio suggestivo ma anche un centro di ricerca e produzione culturale, che riassume in sé molto di ciò che ha fatto grande Milano e il nostro Paese: l’arte, il design e la capacità di fare impresa, dove l’innovazione poggia sulle solide basi offerte dalla tradizione.

Il Gruppo Campari

Davide Campari-Milano S.p.A., con le sue controllate (‘Gruppo Campari’), è uno dei maggiori player a livello globale nel settore del beverage. E’ presente in oltre 190 paesi del mondo con posizioni di primo piano in Europa e nelle Americhe. Il Gruppo, fondato nel 1860, è il sesto per importanza nell’industria degli spirit di marca. Il portafoglio conta oltre 50 marchi e si estende dal core business degli spirit a wine e soft drink. I marchi riconosciuti a livello internazionale includono Aperol, Appleton Estate, Campari, SKYY e Wild Turkey. Con sede principale in Italia, a Sesto San Giovanni, Campari conta 16 impianti produttivi e 2 aziende vinicole in tutto il mondo, e una rete distributiva propria in 19 paesi. Il Gruppo impiega circa 4.000 persone. Le azioni della capogruppo Davide Campari-Milano S.p.A. (Reuters CPRI.MI – Bloomberg CPR IM) sono quotate al Mercato Telematico di Borsa Italiana dal 2001.

Per maggiori informazioni: http://www.camparigroup.com/it.
Bevete responsabilmente

Informazioni pratiche
Galleria Campari
HQs Gruppo Campari
Viale Gramsci, 161
Sesto S. Giovanni (MI)
T. 02 62251
galleria@campari.com
www.campari.com – www.camparigroup.com

Orari

martedì, giovedì e venerdì pomeriggio
3 visite guidate di 90 minuti
14.00 – 15.30 – 17.30

2° sabato del mese
5 visite guidate di 90 minuti
10.00 – 11.30 – 14.00 – 15.30 – 17.00

PCM STUDIO

press@paolamanfredi.com

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Luglio 2022
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

Alcuni libri delle “Edizioni Controluce”