Notizie in Controluce

A trent’anni dal Concordato

 Ultime Notizie
  •  IL TRENO PER SCOPRIRE PAESAGGI E RISPETTARE IL PIANETA Riceviamo dal un nostro lettore e volentieri pubblichiamo Ho realizzato una pagina su Facebook   “IL TRENO PER SCOPRIRE PAESAGGI E RISPETTARE IL PIANETA” con l’obbiettivo di rivalutare il treno e...
  • DIRITTO AL RESPIRO Si è tenuto a Colonna, in data 10/01/2020, presso la sala Elsa Morante, dalle ore 17:00, la conferenza “DIRITTO AL RESPIRO. Conferenza pubblica sulle emissioni odorigene”. Organizzata da Associazione Aria...
  • Velletri – L’ ATTUALE STENDARDO DI S. ANTONIO ABATE COMPIE VENT’ANNI Ci avviciniamo alla tradizione Festa in onore di S. Antonio Abate, fermiamoci a parlare del celebre stendardo e della sua storia. Vessillo dell’Università dei Carrettieri e Mulattieri fondata nel 1624,...
  • Piano di gestione del daino nel Parco nazionale del Circeo Piano di gestione del daino nel Parco nazionale del Circeo Legambiente “Nessuna strumentalizzazione di una vicenda delicata e di importanza strategica per gli equilibri ecologici dell’area protetta” Il tema della...
  • POSTE ITALIANE SOSTIENE LE CELEBRAZIONI PER I 700 ANNI DI DANTE ALIGHIERI  Il Gruppo guidato dall’ad Del Fante offrirà il suo contributo in ricordo del sommo poeta alle iniziative previste nel 2021 in 70 Comuni italiani, in coerenza con gli impegni per...
  • CENTO FELLINI LUCIA MIRISOLA – RUGGERO MASTROIANNI – FEDERICO FELLINI Il prossimo 20 Gennaio, si compiranno i cento anni dalla nascita di Federico Fellini e il Museo Luigi Magni e Lucia Mirisola...

A trent’anni dal Concordato

24 Aprile
12:09 2014

 

L’evento di riflessione e approfondimento promosso dall’associazione «Artisticamente Fenice» presieduta da Antonio Ortolani e dalla «Fondazione Bruno Buozzi, ente di ricerca e studi politici e sociali presieduto da Giorgio Benvenuto, è patrocinato dal Comune di Marino, assessorato alla Cultura e Pubblica Istruzione guidato da Arianna Esposito.

Aprirà i lavori Giorgio Benvenuto, sindacalista e giornalista, già senatore e deputato, che introdurrà la tematica dei rapporti tra la Chiesa e il potere politico in Italia, disciplinati per la prima volta l’11 febbraio 1929 e conosciuti come «Patti Lateranensi». A stabilire, da allora in poi, le relazioni bilaterali tra Italia e Santa Sede, laicità e religione. A decretarne il nome, il palazzo di San Giovanni in Laterano, a sancirne il valore il cardinale, Segretario di Stato, Pietro Gasparri e Benito Mussolini, primo ministro italiano.

Da lì la nascita del Concordato, che definiva le relazioni civili e religiose in Italia tra la Chiesa e il Governo, ponendo fine ad una controversia in atto fin dal 1870. Quindi il Trattato che, riconoscendo l’indipendenza e la sovranità della Santa Sede, fondava lo Stato della Città del Vaticano.

Il tema della riforma dei Patti Lateranensi, siglata nel 1984 da Bettino Craxi e dal cardinale Agostino Casaroli e del suo significato, anche in termini di riperu vedrà intervenire nella discussione Gennaro Acquaviva, presidente Fondazione Socialismo. Con loro il giornalista Antonio Maglie. Modererà i lavori Marco Zeppieri della Fondazione Bruno Buozzi.

Apertura e apprezzamento nei confronti dell’iniziativa, per la sua valenza storica e sociale ma anche per la sua attualità, è stata espressa dal vice sindaco Fabrizio De Santis e dall’assessore alla Cultura Arianna Esposito.

Articoli Simili