Notizie in Controluce

AL NUOVO TEATRO SAN PAOLO SI ACCENDE UNA PICCOLA STELLA DI SPERANZA PER GAZA

 Ultime Notizie
  •  IL TRENO PER SCOPRIRE PAESAGGI E RISPETTARE IL PIANETA Riceviamo dal un nostro lettore e volentieri pubblichiamo Ho realizzato una pagina su Facebook   “IL TRENO PER SCOPRIRE PAESAGGI E RISPETTARE IL PIANETA” con l’obbiettivo di rivalutare il treno e...
  • DIRITTO AL RESPIRO Si è tenuto a Colonna, in data 10/01/2020, presso la sala Elsa Morante, dalle ore 17:00, la conferenza “DIRITTO AL RESPIRO. Conferenza pubblica sulle emissioni odorigene”. Organizzata da Associazione Aria...
  • Velletri – L’ ATTUALE STENDARDO DI S. ANTONIO ABATE COMPIE VENT’ANNI Ci avviciniamo alla tradizione Festa in onore di S. Antonio Abate, fermiamoci a parlare del celebre stendardo e della sua storia. Vessillo dell’Università dei Carrettieri e Mulattieri fondata nel 1624,...
  • Piano di gestione del daino nel Parco nazionale del Circeo Piano di gestione del daino nel Parco nazionale del Circeo Legambiente “Nessuna strumentalizzazione di una vicenda delicata e di importanza strategica per gli equilibri ecologici dell’area protetta” Il tema della...
  • POSTE ITALIANE SOSTIENE LE CELEBRAZIONI PER I 700 ANNI DI DANTE ALIGHIERI  Il Gruppo guidato dall’ad Del Fante offrirà il suo contributo in ricordo del sommo poeta alle iniziative previste nel 2021 in 70 Comuni italiani, in coerenza con gli impegni per...
  • CENTO FELLINI LUCIA MIRISOLA – RUGGERO MASTROIANNI – FEDERICO FELLINI Il prossimo 20 Gennaio, si compiranno i cento anni dalla nascita di Federico Fellini e il Museo Luigi Magni e Lucia Mirisola...

AL NUOVO TEATRO SAN PAOLO SI ACCENDE UNA PICCOLA STELLA DI SPERANZA PER GAZA

25 Novembre
17:21 2019

Michela Tilli, autrice di Shakespeare in war, rappresentato al Nuovo Teatro San Paolo dal 22-24 novembre, è diventata protagonista di una piccola storia di speranza, di quelle che partono in sordina ma che un giorno possono fare la differenza, anche solo nel cuore di una sola persona, in un momento di difficoltà. A questo mondo definire difficoltà trovarsi in una zona di guerra è quanto meno un eufemismo, eppure stiamo parlando proprio di questo.

 

Tutto inizia da un articolo di giornale (https://www.corriere.it/esteri/18_maggio_18/rifaat-professore-che-gaza-insegna-shakespeare-studenti-1c2325e0-5a0d-11e8-89bf-cebd5db44a24.shtml

), in cui si parla di un professore di letteratura inglese dell’Università Islamica di Gaza City, Refaat Alareer, che fa qualcosa di davvero insolito: parla di Shakespeare, del Mercante di Venezia e di Shylock. Già di per sé la situazione è particolare, ma diventa addirittura stravagante nel momento in cui il professore mostra agli studenti le somiglianze tra la loro situazione e quella “dell’odiato ebreo” Shylock, in cui paradossalmente un ragazzo di Gaza può facilmente identificarsi, molto più che nel prevedibile Otello.

 

Michela Tilli ha preso questo spunto e ha realizzato un dramma autonomo, con personaggi che parlano della realtà della Striscia di Gaza in maniera reale e concreta, portandoli attraverso un percorso di consapevolezza che li cambierà per sempre. Una volta completato il testo, Michela Tilli ha inviato la propria opera a Belli Lunghi, concorso gratuito indetto dal Nuovo Teatro San Paolo alla ricerca di nuova drammaturgia (così gratuito da non avere neppure i ben noti “diritti di segreteria” come tassa occulta). Il suo testo è stato selezionato tra 400 opere inviate, è stato allestito e messo in scena lo scorso fine settimana (22-24 novembre). Il giorno della prima, siamo riusciti a ottenere il contatto del professore a cui era ispirato Shakespeare in war, e dopo qualche riluttanza, Michela Tilli ha deciso di contattarlo per raccontargli quello che stava accadendo. Come scrive proprio Michela Tilli “Come autrice ho sempre paura di invadere l’intimità degli altri e se mi ispiro a storie vere cerco di essere delicata, perché ciò che per me è ispirazione per gli altri può essere sofferenza, e di certo è vita”.

 

Il giorno dopo, il professore Refaat Alareer ha risposto a Michele, e in un momento molto emozionante al termine della replica di sabato 23 abbiamo letto il contenuto della lettera. Questo momento è stato registrato con un video alla cui visione rimando volentieri. Refaat Alareer scrive che questo messaggio arriva nel momento perfetto, proprio nel momento in cui la situazione a Gaza si sta deteriorando e in cui anche un flebile segnale di speranza, il segnale di non essere del tutto dimenticati, ha un valore enorme. Così, sabato sera c’è stato un ponte invisibile tra il Nuovo Teatro San Paolo e Gaza, stabilito dall’amore per Shakespeare, per il teatro e per una maggiore giustizia nel mondo.

 

(video della conclusione della replica di sabato 23 novembre di Shakespeare in war, cortesia di Marco Massaccesi)

https://youtu.be/R5DHZsms9WI

 

A volte, nel mettere in scena spettacoli teatrali, abbiamo la sensazione di fare poco. Eppure, accendere una scintilla di speranza, per quanto piccola, è davvero così poco?

 

SHAKESPEARE IN WAR


Di Michela Tilli
Regia Mary Di Tommaso

 

Con Fabio Pappacena, Angela Favella, Lora Ferrarotto, Lorenzo Garufo, Andrea Gasperini e Leonardo Pio Nardone

Scene e Costumi Angela Di Donna, Mariagrazia Iovine e Giorgia Rauccio
Assistenti Scene e Costumi Lara Cannito e Joyce Giordano

 Pagina Web dello spettacolo

https://www.nuovoteatrosanpaolo.it/sito/spettacoli/2019/20191122shakespeareinwar.html

 

Venerdì 22 Novembre ore 20:30
Sabato 23 Novembre ore 20:30
Domenica 24 Novembre ore 18:00

 

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento