Notizie in Controluce

Albano, terra magica. Il recente libro di Barbara Gazzabin

 Ultime Notizie

Albano, terra magica. Il recente libro di Barbara Gazzabin

Albano, terra magica. Il recente libro di Barbara Gazzabin
08 Febbraio
18:12 2020

Nella collana diretta dallo scrittore e storico dei Castelli Romani Renato Mammucari, “Quaderni del Gran Tour”, l’editrice Luoghi Interiori ha pubblicato un ampio (eppur essenziale nella scrittura e nelle parti) libro della giornalista Barbara Gazzabin, dal titolo ALBANO (ma il sottotitolo esplicativo è molto bello: terra magica. L’incredibile magnificenza di un piccolo grande teatro della Storia). Le pagine sono 120, il prezzo è di 15,00 euro. L’autrice dichiara subito ed esplicitamente che vorrebbe regalare un sogno ai lettori, una spinta emozionale, cavalcando l’onda dei ricordi… in un pellegrinaggio ascensionale per sentire il respiro dell’anima ed entrare nel paesaggio con il cuore e con la mente.

Il libro, in simpatica realizzazione tipografica, ricco di illustrazioni, vuol farci sentire – e ci riesce in pieno – la poetica del sublime nella pittura di paesaggi riguardanti i Colli Albani, e poi affronta il mito di Alba, ma – pur essendo di genitori mitteleuropei trapiantati a Lecce, e cresciuta tra i fumi di Colleferro – fa una dichiarazione importante, che spiega anche l’elezione di descrivere la nostra città in tutti i suoi aspetti: Albano è la patria elettiva del suo cuore. Così, passa alla nostra miniera archeologica, a Palazzolo, alla misteriosa suggestione del nostro lago (purtroppo in veloce discesa di acque che non fa sperare nulla di buono per il futuro), e via di seguito, fino alla parte bellissima (come le altre se non più) riguardante Bartolomeo Pinelli, i carrettieri a vino, l’indimenticata policromia delle Minenti (ma non potevano mancare i briganti, spesso visti con simpatia dal popolo quali novelli Robin Hood). L’ultima parte è una sorta di succinta enciclopedia di personaggi legati in qualche modo alla nostra fascinosa terra.

Albano (e tutti i castelli Romani) ha la fortuna di essere stata cantata da autori di fama mondiale e ritratta da pittori altrettanto importanti e noti. Forse – e non esagero – sulla nostra città si sa tutto. Gli stranieri l’hanno amata; i figli l’hanno chi descritta e chi distrutta in parte per sete di denaro con costruzioni sconsiderate (non mi riferisco al presente, ma a un passato neppure troppo lontano). Talvolta l’avidità unita all’ignoranza del nostro patrimonio storico-artistico-paesaggistico porta a cancellare quello che non potrà più essere ricostruito nella sua integrità secolare. Tuttavia, si scrive molto sulla nostra amata madre, e l’amore cresce ad opera di persone singole, di gruppi, di nativi del luogo e – come nel caso di Barbara Gazzabin – di estimatori provenienti da fuori. Nel presente suo lavoro ho notato la coniugazione di un afflato poetico con la precisione del dato scientifico: un’atmosfera commossa avvolge la narrazione, una passione viva scaturisce dal contesto. Il libro è come una bella donna ben vestita e adorna di ori preziosi.

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento