Notizie in Controluce

Anche i comunicati delle associazioni venatorie sono nocivi per l’ambiente

 Ultime Notizie
  • ASP:  nessun ritardo aziendale nella gestione del Servizio Asili Nido ASP:  nessun ritardo aziendale nella gestione del Servizio Asili Nido – Tutela della salute delle operatrici e di tutto il personale sempre garantita e al primo posto nello svolgimento dei...
  • Pomezia aderisce alla Settimana Europea della Mobilità Pomezia aderisce alla Settimana Europea della Mobilità. Il Sindaco: “Lavoriamo a una Città più vivibile e a basso impatto ambientale” Pomezia aderisce alla 19° edizione della Settimana Europea della Mobilità 2020 (16-22...
  • MARINO NON E’ UNA DISCARICA…FAMILIARE Le immagini che vi mostriamo risalgono a giorni diversi del mese di Febbraio 2020 e dei primi di Marzo ma la famiglia, che disinvoltamente abbandona illegalmente i rifiuti, è la...
  • Climbing for Climate 2020_Organizzato da RUS e Cai ECCO LA SECONDA EDIZIONE DI CLIMBING FOR CLIMATE: UN’ESCURSIONE IN MONTAGNA PER SENSIBILIZZARE SULL’AGENDA 2030 DELLE NAZIONI UNITE E SULLA TUTELA DEL PAESAGGIO   L’iniziativa, organizzata dalla Rete delle Università...
  • CORONAVIRUS 15 SETTEMBRE 2020  ALTRI 15 NUOVI CASI AI CASTELLI ROMANI E LITORANEA (181 NELLA REGIONE LAZIO, 95 SOLO A ROMA)  32 SOGGETTI GUARITI COMUNICATI DAL SERESMI  MOLTI SINDACI NON COMUNICANO I DATI ==============...
  • GROTTAFERRATA, LETTERA APERTA DEL SINDACO ANDREOTTI AL MONDO DELLA SCUOLA GROTTAFERRATA, LETTERA APERTA DEL SINDACO ANDREOTTI AL MONDO DELLA SCUOLA:“ISTITUZIONE DECISIVA NEL TESSUTO SOCIALE, EMERGENZA HA RAFFORZATO IL SENSO DI COMUNITA’. AMMINISTRAZIONE SEMPRE PRONTA A INTERVENIRE A SOSTEGNO”   Il...

Anche i comunicati delle associazioni venatorie sono nocivi per l’ambiente

Agosto 08
12:21 2012

Non sappiamo da dove cominciare: se dalla disamina delle contraddizioni che caratterizzano l’articolo, o dall’analisi degli errori grammaticali e di sintassi oppure dalle calunnie gravissime e prive di senso lanciate da questi “signori”. Forse è meglio partire da queste perché riteniamo che possano interessare gli inquirenti che si stanno occupando degli incendi dolosi del giorno 18 luglio 2012 sul monte Artemisio. Con frasi allusive gli autori dell’articolo parlano di sovvenzioni date ad associazioni di volontariato, associazioni che avrebbero tutto l’interesse al ripetersi di eventi incendiari: ebbene noi pretendiamo, e credo non solo noi, ma tutti i cittadini onesti, i nomi e i cognomi dei destinatari di queste sovvenzioni, l’ammontare delle cifre, il nome degli enti pagatori. Ci vuole chiarezza e coraggio nell’affrontare queste questioni. Ma da una lettura approfondita pare che le associazioni venatorie puntino il dito sulla Protezione civile: se così fosse, sarebbe opportuno che la stessa organizzazione smentisse e magari si rivolgesse agli organi competenti per difendere la propria onorabilità, come sarebbe opportuno e urgente che le istituzioni, Parco Regionale e Comune, intervengano a sostegno della protezione civile che tanto ha fatto per tentare di limitare i danni provocati dall’incendio.
Noi continuiamo a chiederci “cui prodest?”: gli interessi speculativi di coloro che sono contrari alla difesa naturalistica della zona potrebbero essere motivi ispiratori dell’accaduto.
E non possiamo dimenticare che anni orsono è stato arrestato un noto bracconiere per uno dei tanti incendi sulla nostra montagna.
Ma ci poniamo una domanda ulteriore: come mai gli incendi hanno luogo proprio alle “falde del Monte Artemisio”? cioè nel luogo che costituisce l’assurda rivendicazione di esclusione dal Parco Regionale dei Castelli Romani e che dà il nome perfino ad un comitato? E’ una casualità che puzza proprio di bruciato.

Condividi

Articoli Simili