Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Angelo Fiorini: Finalmente la voglia di provare la vera maratona, quella di Roma!

Angelo Fiorini: Finalmente la voglia di provare la vera maratona, quella di Roma!
Marzo 17
19:23 2023

Alla Società Villa de Sanctis ho trovato un gruppo di veri “matti” per la corsa

Angelo Fiorini, un corridore che praticava il calcio come sport preferito ma poi quasi per caso pian pianino si è avvicinato alla corsa che l’ha coinvolto ed assorbito.

Ecco come racconta il suo percorso per diventare ultramaratoneta: “Il mio percorso per diventare ultramaratoneta è stato molto graduale. Ho iniziato anni fa, spronato da un amico a corricchiare nel parco per passare il tempo mentre i nostri figli si allenavano alla scuola calcio. Con poco entusiasmo gli ho dato retta perché ero un amante praticante del pallone. Infatti, fin da ragazzo ho giocato con molta passione partecipando a campionati regionali con molto successo ma che ho dovuto lasciare quando a diciannove anni ho iniziato a lavorare e non potevo più allenarmi per poter giocare la domenica. E così ho continuato, ma solo nel fare le partite con gli amici e colleghi di lavoro. Quindi la corsa non mi diceva gran che, ma giorno dopo giorno, km dopo km, la cosa cominciava a intrigarmi soprattutto perché le gambe rispondevano bene alla fatica e il fiato c’era! Così mi sono iscritto a una Società sportiva e ho iniziato ad allenarmi per fare qualche gara, prima da 10 km, poi la prima mezza maratona, la seconda, la terza e finalmente la voglia di provare la vera maratona: quella di Roma! E’ stato un successo personale, una grande soddisfazione per un traguardo che fino a un anno prima neanche mi sarei sognato! E cosi con la consapevolezza di avere una capacità in tale disciplina, ho continuato e di maratone ne ho fatte in varie parti d’Italia. La svolta ci è stata quando ho cambiato società sportiva, iscrivendomi alla Società Villa de Sanctis, dove ho trovato un gruppo di veri “matti” per la corsa, tanto da convincermi a fare la prima ultramaratona da 50 Km, la Pistoia Abetone, poi la 100km degli Etruschi poi la ventiquattrore, dove ho percorso 185 km, poi le Tre Cime Di Lavaredo sulle Dolomiti da 50 km circa e la Nove colli di oltre 202 km tra i colli dell’Emilia Romagna! Nel giro di tre anni abbiamo partecipato a tante ultramaratone tanto da vincere per tre anni di seguito, tra società di tutta Italia, il campionato Iuta che è la ‘formula uno’ degli ultramaratoneti.

 

In pratica Angelo ha sperimentato successo personale e di squadra per aver contribuito ai successi della sua squadra “Villa de Sanctis”. E, con il tempo, sperimentava sempre più sicurezza e convinzione di riuscire nelle sue imprese sempre più ardue.

Ci racconta la sua motivazione e passione per le lunghe distanze: “La motivazione principale che mi ha spinto a iniziare tale percorso, è stata la mia caparbietà e tenacia nel cercare il prossimo risultato dopo averlo ottenuto, sfidando la fatica fisica, grazie a un’ottima tenuta mentale che in questo tipo di attività estrema è fondamentale perché le gambe possono essere in forma ma se la testa dice no non vai da nessuna parte!”.

 

Angelo riusciva ad avere, un controllo mentale, riusciva a non farsi fermare dal suo fisico, era lui che teneva i fili che muoveva a suo piacere e chiedeva alle sue gambe di portarlo sempre al traguardo a qualsiasi costo.

Angelo parla dei meccanismi psicologici sperimentai nell’esercizio delle ultramaratone: “Sono proprio i meccanismi psicologici che ti spingono a partecipare a gare estreme, la convinzione che dopo vari risultati positivi, puoi continuare e osare di più! Un altro meccanismo molto importante è la forza e l’incitamento che ci si trasmette tra atleti che nel frattempo diventano i tuoi compagni di avventura. L’incoraggiarsi, lo spronarsi uno con l’altro, è stato un punto di forza in quelle occasioni dove eravamo fondamentali uno per l’altro affinché si tagliasse il traguardo, dimenticando la fatica, i dolori fisici che sono tanti.

 

I familiari inizialmente erano contenti dello sport che praticava ma con il passare del tempo la corsa lo assorbiva sempre di più, Angelo racconta le preoccupazioni della sua famiglia in pensiero per lui durante le sue imprese: “I miei familiari, moglie e figli, sono stati contenti di questa mia nuova attività fino a quando si trattava di allenarsi al parco, fare una corsa salutare, hanno accettato anche la voglia poi di fare qualche garetta, fino alla mitica maratona di Roma, guardandomi come un extra terrestre, ma quando ho iniziato l’avventura da ultramaratoneta sono stati subito contrari prendendomi per matto, perché per loro era inconcepibile che ci si poteva sottoporre a certi sforzi fisici per sport, rischiando di farsi male. Quindi con il passare del tempo la mia passione per le gare, è diventato motivo di discussioni con la mia famiglia, In primis perché preoccupati della mia salute e poi anche per problemi logistici (soprattutto per mia moglie): panni sporchi, scarpe infangate d’inverno, i week end sempre impegnato in qualche gara (anche se a volte le gare si trasformavano motivo per fare gita con le famiglie che ci seguivano). Per quanto riguarda la vita lavorativa non ne ha risentito tanto di questa mia attività, avendo degli orari che mi permettevano gli allenamenti giornalieri.”

 

Per Angelo non si trattava di gare estreme, tutto si poteva fare con la giusta preparazione ed alimentazione: “Cosa significava per me partecipare a gare estreme? il fatto è che non le ho mai considerate ‘estreme’, si trattava di gare dove bisognava fare più km e che con un buon allenamento, una giusta alimentazione, tutto si poteva affrontare. Quindi è stata proprio questa incoscienza a mandarmi avanti. La gente si domandava: ma chi te lo fa fare! Per una medaglia! A queste persone rispondevo che solo chi prova una passione poteva capire l’adrenalina che cresce dentro di te quando fai una cosa cui credi e che non deve avere necessariamente un rientro economico e la corsa non ne ha nessuno! E la felicità nel tornare a casa con la medaglia al collo! Capisco che sia difficile per i più capire questa passione, ma sono soddisfazioni che ti riempiono di orgoglio anche se certe imprese non portano niente di concreto ma ti danno una carica che ti fa superare la fatica fisica.”

 

L’unico rammarico di Angelo è il non essere stato attento alla sua salute: “Se potessi tornare indietro rifarei tutto, tranne l’autogol che mi sono fatto nella Sparta Atene nel prendere delle decisioni durante la gara che mi hanno complicato la stessa, senza aiutarmi.

 

Anche i medici gli consigliavano di ridurre la sua attività fisica estenuante ma questo succede per tutti gli ultramaratoneti che si rivolgono da medici, fisiatri o ortopedici per problemi vari: “Un fisiatra al quale mi ero rivolto per problemi alla schiena e al nervo sciatico, dopo che ha ascoltato quello che facevo è rimasto allibito, dicendo che era il minimo quello di avere quei problemi, e che per fare certe cose si ha bisogno di essere seguiti e che purtroppo nel nostro caso, sono allenamenti “fai date”, che comportano tanti errori. Io, in quella occasione, l’ho ascoltato solo per il periodo di riposo e cura che mi aveva prescritto.”

 

Il sogno nel cassetto di Angelo è rifare una maratona con serenità: “Visto che ho raccontato tutto al passato, essendomi fermato, il mio sogno nel cassetto sarebbe quello di poter tornare a fare almeno una maratona senza la preoccupazione dei tempi, ma avere la soddisfazione provata la prima volta e ciò significherebbe principalmente per me, aver rimosso la paura e con la promessa che ciò non significa ricominciare! Anche perché i miei mi caccerebbero da casa! Grazie a te che mi hai dato l’opportunità di raccontare”.

 

Angelo è menzionato nei miei libri:

“Ultramaratoneta: un’analisi interminabile”, edito da Aras Edizioni.

https://www.arasedizioni.com/catalogo/ultramaratoneta-unanalisi-interminabile/

“Maratoneti e Ultrarunner. Aspetti psicologici di una sfida”, edito da Edizioni Psiconline.

https://www.edizioni-psiconline.it/catalogo/punti-di-vista/maratoneti-e-ultrarunner-aspetti-psicologici-di-una-sfida.html

 

Matteo SIMONE

380.4337230 – 21163@tiscali.it

Psicologo, Psicoterapeuta Gestalt ed EMDR

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Marzo 2023
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”