Notizie in Controluce

Approvati in Consiglio i nuovi regolamenti ICI e TARSU

 Ultime Notizie

Approvati in Consiglio i nuovi regolamenti ICI e TARSU

07 Dicembre
13:42 2010

L’approvazione dei nuovi regolamenti per la disciplina dell Imposta comunale sugli immobili (ICI) e della Tassa per lo smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani (TARSU), trova la sua giustificazione non solo nel fatto che fosse necessario, dopo rispettivamente 12 e 17 anni dall’entrata in vigore dei precedenti, aggiornarli e renderli pi  snelli, ma anche in considerazione del Progetto di riordino delle entrate comunali e dell’affidamento ad un unico ente gestore (AIPA) messo in atto dall’Amministrazione Comunale. Un Progetto di riordino delle entrate resosi necessario vista la precedente situazione di gestione, che produceva, dannosi ritardi per la finanza locale dell Ente.  I nuovi regolamenti ICI e Tarsu -spiega il vicesindaco, Massimo Mattogno-, sono stati predisposti tenendo conto dei numerosi provvedimenti normativi e delle decisioni giurisprudenziali che hanno innovato in modo sostanziale la disciplina di ICI e TARSU negli ultimi anni. L’approvazione di questi regolamenti   frutto di un lavoro continuo e costante finalizzato all’adeguamento della struttura amministrativa, che la rende pi  conforme alle normative nazionali vigenti e vuole venire incontro alle esigenze delle fasce pi  deboli della popolazione. Oltre alle detrazioni previste per legge- prosegue Mattogno- abbiamo voluto introdurre ulteriori agevolazioni alle fasce economicamente pi  deboli della popolazione contrariamente a quanto stabilito da altri comuni del territorio . In merito alla disciplina dell’ICI tra le principali novit    stata confermata l’esenzione per i possessori dei fabbricati concessi in comodato gratuito al Comune e quelli delle unit  immobiliari ma limitatamente a quelle concesse in uso gratuito ai parenti in linea retta e collaterale fino al secondo grado.

Anche le nuove disposizioni TARSU prevedono interventi a favore dei nuclei familiari pi  bisognosi con una riduzione tariffaria del 50% per le abitazioni principali, e sempre del 50% per i contribuenti nel cui nucleo familiare siano presenti invalidi gravi. Rivista, inoltre, la riduzione tariffaria per le aziende che producono rifiuti speciali non assimilati, unificando al 30% la riduzione tariffaria per i rifiuti speciali e per i rifiuti speciali, tossici e nocivi. Mantenuta inoltre la possibilit  di pagare in quattro rate.  L  Amministrazione ha fatto la sua parte -conclude Mattogno-  ora spetta ai singoli contribuenti fare la loro, rispettando le scadenze e regolarizzando laddove necessario eventuali incongruenze al fine di evitare accertamenti pi  onerosi, che dal prossimo anno saranno effettuati a tappeto dalla societ  incaricata AIPA .

Condividi

Articoli Simili