Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Bervedére

Ottobre 11
23:00 2009

Se ‘n forestéru me ngondrésse pe’ le Prata e me domandésse: “Scusi, potrebbe indicarmi la strada per arrivare al Duomo?” io li poterìa puru respónne così: “Va’ sembre ‘n cima che tandu, ‘ndó passi passi, quanno si rrivàtu dacàpu te tróvi senzamìnu denànzi a la cchiesa“. Sarìa fatta così ‘na bella fegùra e me lu sarìa levatu sùbbitu da le scàtule. Ma le perzóne perbè ‘n se trattu così e allora io li dirìa: “La cósa mèjo è quella de fatte passà pe’ lu Stradó e mó te dico perché. Prima de tuttu perché, passata la prima salitèlla, se cammina guasi ‘n pianu (e questo non me pare pócu) e pó perché ‘gni tandu, dalla parte destra, mó ci sta ‘n muréllu e mó ci sta ‘n arcu e pó ‘n aru arcu e pó ‘n aru murellu…….. Tu nnéndra a ogni arcu, fatte ‘na passeggiata déllo dendro e è come se stìssi a visità ‘n paese d’ari témbi; ‘ffàttete a tutti li murélli e varda de sóttu: se vidu le mondagne e se è ‘na giornata de strina ‘n se cundu li paìsi che se vidu. Tu cammina finu a quanno ‘rrivi a l’ùtimu arcu che pare che ce l’hau fattu fà li Monteporziàni: è ‘na cartolina e Mónde Pòrzio ci sta retrattàtu dendro. Si guasi rrivatu perché se llunghi ‘n attimu l’occhji vidi ‘na fondàna (gnènde de che) però se vede che tè quache anno perchè mó ‘ssé cóse ‘n se fau più e pó perché è tutta conzumata dalla parte de li du’ connùtti. Cerca allora de mmagginàtte quande cónghe ce se só pusàte sopre e quande file de fémmone ce só state pe’ pià l’acqua“. Só capìtu che a ‘stu pundu lu forestéru me vorria dì: “Ma io volevo sapere dove sta il Duomo!” E allora io li responnerìa: “Zzìttete ‘n attimu e famme parlà! Ccòstete a la fondana pe’ vedélla mèjo e………… si rrivàtu!” No’ li pòzzo di’ (sinó li levo la sorpresa) che stémo a la piazza de Bervedére.
Bervedere: ‘na piazzetta co’ quattro ssedìli de férru ‘n mézzu a cèrque vecchie de qua cendinàru d’anni. Vista così poterìa esse ‘na piazza come tand’are, ma basta che cammini ‘n cenìcu e móvi l’ócchji annanzi e arrèto pe’ capì ndó si ccapitàtu. Tutt’attùrnu lo verde de li boschi e, sóttu de ti, te Monde Porzio che pare che tu li sta a magnà ‘n capu. Più londànu e più abbàlle èccote Roma che pare ccucciàta a li pédi de lu Monde. Se unu volesse ddoprà quache ora che li revanza se poterìa fermà a respirà ‘n po’ d’aria fresca che ‘n manca mai e spettà che lu sòle se ne va a dormì derèto a lu mare che se vede solu quanno l’aria è più polìta. Basta non tenì prèscia. Pócu a la vòta se ppìcciu migliara de luci e tutta Roma se llùmina come se volesse fa’ festa a tutti li Castelli Romani e a quìlli che ci stau a bbita’. Oramai però déllo ‘n gima só remasti sólu póchi vécchji che magari se recórdu de quanno li ssedili eru pjini de giovenótti, de fémmone, de monélli…..
A ‘stu pundu lu forestéru de ‘sta storia magari ha vista la Cchiesa, ma de securu ha fattu tardi. Oramai però la via la conosce e al Duomo ce venerà ‘n’ara vòta.

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Maggio 2022
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

Alcuni libri delle “Edizioni Controluce”