Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Burundi: solo un bambino sfollato su 10 tra quelli ritornati nel Paese frequenta la scuola

Febbraio 21
14:03 2022

Burundi: Save the Children, solo un bambino sfollato su 10 tra quelli ritornati nel Paese frequenta la scuola, il 67% ne è completamente fuori. I piccoli rifugiati rientrati devono affrontare una dura battaglia per l’istruzione e la sicurezza

Oltre alle barriere all’istruzione, una ricerca dell’Organizzazione ha rilevato alti livelli di violenza e abusi tra le popolazioni sfollate e rimpatriate. A Kirundo il 38% delle ragazze tra i 12 ei 17 anni ha dichiarato di essersi sposata l’anno precedente. L’Organizzazione chiede ai leader mondiali di aumentare i finanziamenti per il clima in modo che le comunità vulnerabili possano affrontare gli impatti dei cambiamenti climatici

 

Solo un bambino sfollato su 10 in Burundi sta ricevendo un’istruzione completa e ben il 67% è fuori dalla scuola, compresi coloro che sono tornati di recente nel Paese dopo essere fuggiti come rifugiati, a rischio di matrimoni precoci e abusi. Lo afferma una ricerca di Save the Children, l’Organizzazione che da oltre 100 anni lotta per salvare le bambine e i bambini a rischio e garantire loro un futuro.

 Almeno 420.000 burundesi sono fuggiti dal Paese tra il 2015 e il 2017, a seguito di violenze e instabilità, ma più di 183.000 rifugiati sono tornati dal 2019, a seguito del ritorno alla stabilità in Burundi e dell’avvio di programmi di rimpatrio nei Paesi vicini.

 Save the Children ha condotto una valutazione[1] tra i bambini sfollati in Burundi a novembre, compresi i rifugiati recentemente rimpatriati, e ha riscontrato che le difficoltà di registrazione e la mancanza di documenti di identità erano ostacoli fondamentali all’iscrizione a scuola dove solo il 10% risultava iscritto, il 23% riceveva un’istruzione parziale e il 67% non frequentava la scuola.

 In particolare, la mancanza di risorse nei centri di transito per le famiglie di rimpatriati ha impedito di registrare il loro ritorno in Burundi e quindi hanno avuto difficoltà ad accedere ai servizi governativi come l’istruzione.

Oltre alle barriere all’istruzione, la ricerca di Save the Children ha rilevato alti livelli di violenza e abusi tra le popolazioni sfollate e rimpatriate. Dei bambini intervistati per la valutazione, il 36% ha affermato di aver subito abbandono e il 28% ha affermato di aver subito abusi emotivi nell’anno precedente. A Kirundo, una delle tre province oggetto della valutazione, il 38% delle ragazze tra i 12 ei 17 anni ha dichiarato di essersi sposata l’anno precedente.

A causa dell’impatto combinato delle sfide della reintegrazione, dei cambiamenti climatici e della pandemia di COVID-19, i rifugiati in Burundi sono ora 1,8 milioni, ovvero il 16% della popolazione, che necessita di assistenza umanitaria.

 “Negli ultimi anni la violenza in Burundi ha costretto centinaia di migliaia di bambini e i loro genitori ad abbandonare le proprie case. Ora stanno tornando in un Paese politicamente pacifico, ma al centro di una crisi umanitaria in gran parte dimenticata. Le famiglie del Burundi vogliono una vita stabile e un futuro per i loro figli, eppure molte sono sfollate e affrontano un futuro di incertezza. I bambini hanno bisogno di adulti potenti – inclusi il governo nazionale, i donatori e i leader globali – che investano nell’istruzione, inclusa quella non formale come la scuola domestica e le classi di recupero, per aiutarli a ottenere il lavoro e le competenze di cui avranno bisogno per il loro futuro. Hanno bisogno di servizi che li aiutino se hanno subito o se stanno subendo abusi. E devono vedere un reale impegno da parte dei leader di tutto il mondo nei confronti della crisi climatica, che permetta di far arrivare i finanziamenti necessari per adattarsi all’impatto nei vari Paesi come il Burundi” ha dichiarato Maggie Korde, direttrice di Save the Children in Ruanda e Burundi.

Al di là delle sfide affrontate dalle popolazioni di rimpatriati, negli ultimi anni almeno 113.408 persone sono state costrette ad abbandonare le loro case a causa degli shock climatici. Oltre l’84% di tutti gli sfollati interni nel Burundi senza sbocco sul mare oggi sono sfollati a causa di disastri naturali piuttosto che di violenze, principalmente a causa dell’innalzamento del lago Tanganica, il secondo più grande dell’Africa.

Per limitare l’impatto del cambiamento climatico sulla vita di milioni di bambini, Save the Children chiede ai leader mondiali di aumentare i finanziamenti per il clima in modo che le comunità vulnerabili possano prepararsi alle crisi, con criteri specifici per garantire investimenti incentrati sull’infanzia e sostenere i Paesi più poveri a gestire gli impatti inevitabili. I governi devono anche garantire che le reti di sicurezza finanziaria siano disponibili per le famiglie più vulnerabili, per aiutarle ad affrontare gli impatti dei cambiamenti climatici.

Save the Children ha operatori in Burundi che assistono migliaia di bambini sfollati e le loro famiglie. L’Organizzazione fornisce supporto nella protezione dei bambini, nella prevenzione e nella risposta alla violenza di genere, nella risposta alla crisi delle inondazioni, nel sostegno ai bambini per la reiscrizione a scuola e nella distribuzione di materiale educativo.

 

 

 

Per ulteriori informazioni:

Tel. 06-48070071/81/82
ufficiostampa@savethechildren.org
www.savethechildren.it

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

MONOLITE e “Frammenti di visioni”

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Dicembre 2022
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

I libri delle “Edizioni Controluce”