Notizie in Controluce

“Casa Verde”, consegnati i diplomi agli immigrati

 Ultime Notizie

“Casa Verde”, consegnati i diplomi agli immigrati

07 Luglio
11:45 2011

Primo fra tutti quello della formazione degli assistenti familiari, il cui albo è tenuto presso il Comune di Ciampino; la formazione è diretta dal Prof. Ugo Polcari, ed i corsi, della durata di circa 130 ore e diretti per lo più ad immigrati, constano di una parte teorica e un’ultima parte pratica che i tirocinanti svolgono direttamente negli Hospice, grazie alla collaborazione dell’Associazione Antea, da sempre impegnata nell’assistenza ai malati terminali.
L’Associazione Progetto Casa Verde, nata nel 1990, con grandi sforzi continua ad offrire oltre alla formazione, anche un servizio di diagnostica medica, visite specialistiche di medicina generale, oculistica, dermatologia e pediatria agli immigrati e ai soggetti svantaggiati, nonché piccola casa di accoglienza per persone disagiate e sole, oggetto di provvedimenti di sfratto legati al fenomeno crescente della morosità incolpevole.
“È importante sostenere progetti come questi – ha dichiarato il Sindaco di Ciampino, Simone Lupi – perchè sono di estrema utilità. Non soltanto, infatti, riescono a garantire assistenza agli anziani e ai diversamente abili, ma offrono opportunità di crescita professionale ed inserimento lavorativo ai soggetti più deboli della nostra società. È forte dunque la volontà di continuare a favorire queste iniziative rivolte alle persone più bisognose di aiuto – ha concluso il Sindaco Lupi – e, senza indugio, saranno portate avanti tutte le azioni necessarie al fine di assistere le persone non autosufficienti e in difficoltà, attraverso una politica di integrazione sociale e di miglioramento della qualità della vita”.
“Strutture come la Casa Verde – ha affermato l’Assessore ai Servizi Sociali e Sanità, Gabriella Sisti – meritano tutto il sostegno delle Istituzioni, affinché continuino a svolgere questo delicato e prezioso compito di sostegno a tutti quegli immigrati a cui viene offerta la possibilità di una formazione e avviamento al lavoro in un Paese famoso per il suo calore umano e il grande spirito di accoglienza. Un progetto – ha concluso l’Assessore Sisti – che va incoraggiato e sostenuto con forza, poiché diretto a persone disagiate e a tutti coloro che a causa di una disabilità o una momentanea difficoltà sono uscite dal mercato del lavoro e incontrano copiose difficoltà ad accedervi e che noi abbiamo il dovere di sostenere affinché possano avere una vita dignitosa”.

Articoli Simili