Notizie in Controluce

Case’ impone la legge del campione

 Ultime Notizie

Case’ impone la legge del campione

21 Aprile
15:36 2010

Un sabato di prove anche sotto il diluvio ha preceduto le due gare per ogni classe la domenica. Prove dure, sotto l’acqua e con asfalto particolarmente infido nonostante i pneumatici da bagnato. Diversi i fuori pista e due gli incidenti, per fortuna solo alle macchine, che hanno reso la giornata ed ancora più interessante per gli splendidi tempi che Lorenzo Casè, il pilota di Guidonia, ha evidenziato mostrando tutte le sue doti e capacità andando a conquistare la pole per gara uno ed ottenendo la seconda fila, con il quarto posto, per gara due. Due giorni di adrenalina pura per tutti non facendosi neanche mancare rocamboleschi avvenimenti che hanno fatto tremare l’intero Team AF Corse, il team con cui corre il campione del mondo in carica, quando per mezz’ora che dura il test ufficiale, tardava ad arrivare un quarto pneumatico che un accorto meccanico si era accorto era stato montato al rovescio. Domenica mattina sulla pit lane era Casè a guidare il drappello del Ferrari Challenge, con 25 vetture che gli facevano sentire il fiato sul collo. Alla prima curva una sbandata di Casè faceva saltare i tanti tifosi compresi gli amici e i fans di Guidonia che puntualmente lo seguono oramai in ogni gara. Un prologo ai valzer e fuori pista che di lì a poco si è assistito. Le potentissime F430 che con 500 cavalli sotto il cofano, con le gomme slick montate, sembravano imbizzarrirsi sull’asfalto ancora troppo umido e bagnato. Sono stati 40 minuti di tensioni con continui accadimenti. Con macchine che entravano in collisione tra loro e anche il brutto incidente a senza conseguenze a Bettera in cui la macchina si è alzata dopo aver picchiato il retro sul guard rail al Tamburino. Un incidente analogo a quello registrato il giorno prima al pur bravo Crescentini, giovane e promettente sanmarinese od al più esperto Rocca. Bello, malgrado tutto, per lo spettacolo a cui il pubblico ha potuto assistere e che ben denota quanto sia essenziale, nel più famoso monomarca del mondo, la professionalità e la bravura dei piloti impegnati. I duelli di Sernagiotto con Belluzzi e Ragazzi terminati con un tamponamento del pilota di Asolo con cui ha forato un radiatore sono stati al cardiopalma. In decine di momenti emozionanti Lorenzo Casè è riuscito ad imporre il suo passo che gli permetteva di guadagnare quasi 5 secondi a giro. Lorenzo ha terminato la corsa davanti a Ragazzi e Belluzzi con un distacco di 41 e 56 secondi che sono la dimostrazione che la classe di questo pilota non è poca. Mai una corsa automobilistica dello Challenge è terminata con tanto distacco: segno che la legge del Campione del mondo esiste. Oppure come direbbe il giornalista che l’ha coniato ” non a caso c’è Casè”: oltre alla pole , Lorenzo, ha stabilito anche il miglior giro durante la gara, come pure per la seconda, che sono anche un punto in più oltre la classifica del piazzamento. Entusiasmo alle stelle per i tifosi ed un lungo abbraccio con il chairman del Black Jack, Lino Ventriglia, sotto la cui bandiera corre Casè. Nel pomeriggio alla 15 la seconda gara dove in pole c’era Stefano Gai che in gara uno era entrato solo alla fine avendo rotto un semiasse, cambiato a tempo di record, durante il giro di ricognizione. Una gara in cui Gai, profittando di un po’ di maretta iniziale, ha preceduto Casè fino al distacco massimo di 5 secondi che alla fine si sono ridotti a meno di uno e solo un doppiato inframmezzato ha impedito che il pilota di Guidonia riuscisse a superare il milanese. Dopo aver meritatamente conquistato il titolo mondiale a Valencia il 15 novembre scorso Casè sta dimostrando alla Black Jack di aver ben riposto la fiducia e che professionalità, coraggio e cuore sono il suo forte. Uno spettacolo stupendo le due gare di Imola che hanno sancito la bravura e la serietà di Casè che ora conduce la classifica generale del Trofeo Pirelli del campionato a 52 punti, seguito da Gai a 47 e Belluzzi a 38. Per la Coppa Shell, in cui corrono i gentleman driver : Fascicolo e Carboni 53, Mantovani e Pierleoni a 42, Rizzoli 38punti. Il prossimo appuntamento con i protagonisti della serie italiana del Ferrari Challenge Trofeo Pirelli è in programma sul circuito tedesco di Hockenheim nel weekend del 13 giugno

 

Articoli Simili