Notizie in Controluce

Racconti

Le fiabe dell’età della pietra

Diecimila anni fa, nei fondovalle dell’Italia settentrionale, alla fine dell’ultima glaciazione, vivevano tribù di uomini che basavano la loro vita sull’unione, la comunità di gruppo, la caccia e la raccolta.

Leggi tutto l'articolo

13 pensieri da letto

Prima serie L’ispirazione è surreale, immaginaria e l’oggetto principale è il cosmo, la natura stessa dell’uomo e dei fenomeni sensitivi quali la luce, il riflesso, l’odore, il colore, il pensiero

Leggi tutto l'articolo

L’ultima volta

Dio, colma la mia solitudine con la Tua solitudine. Acco-gli la mia solitudine nellaTua solitudine…Anna Kamieńska – Mamma, dammi un po’ di soldi…è l’ultima volta, te lo giuro…dico sul serio,

Leggi tutto l'articolo

E tu raccoglievi sassi

C’incontrammo per la prima volta a settembre, quando le foglie dei platani iniziavano a cambiare colore prima di cadere. Io avevo undici anni, i capelli lunghi e i denti a

Leggi tutto l'articolo

Non mollare!

di Maria Lanciotti Bella giornata. Il sisma annunciato per l’11 maggio non c’è stato, il sole splende, l’aria si è addolcita. E così prendo il treno e me ne vado

Leggi tutto l'articolo

COMING OUT

Sono uscito dal tunnel della chiara media per forza quando mangio la pizza. Sono uscito dal tunnel dei manuali di crescita personale.Sono uscito dal tunnel delle pubblicazioni allegate ai quotidiani.Sono

Leggi tutto l'articolo

IO. O NO?

C’era una volta l’uomo nero, spauracchio di noi bambini, che essendo privo di una reale identità ci terrorizzava. Era una figura irreale, immaginaria, fantastica che avrebbe potuto riportarci nel mondo

Leggi tutto l'articolo

Una cosa sola

Ieri, undici luglio duemilaundici, è successa una cosa. Sì, il crollo delle Borse europee.Sì, in tutto il Continente si è registrato il record di temperature e abbiamo sfiorato i quaranta

Leggi tutto l'articolo

Sognando leoni

Racconto di Maria Lanciotti Ferragosto. Città vuota, strade deserte. Me ne vado, me ne vado a cercare vita in qualche paese qui intorno, dove fanno le feste con balli e

Leggi tutto l'articolo

7 agosto 2011 – In viaggio verso Treia

– Prima tappa: Spilamberto Bologna e ritorno a Spilamberto … to be continued… (forse) – Avventure di Viaggio di Caterina Regazzi e Paolo D’Arpini Nella foto: la vecchia Appia di

Leggi tutto l'articolo

Buon millennio!

Subito ho visioni di un futuro brillarello con tanti flash e niente bug, soldi facili in Borsa e poi belle donne, macchine veloci, divertenti lavori, case grandi.Irrompe la crisi della

Leggi tutto l'articolo

Ultima sigaretta

Il giorno è appena iniziato e io sono già nervoso, stanotte non ho riposato, mi è toccato lavorare con il mio collega, “job sharing” lo chiamano. Praticamente facciamo lo stesso

Leggi tutto l'articolo

Mio padre non mi abbandonò morendo

Mio padre morì tanto tempo fa, a maggio, in un giorno pieno di vento. L’avevo sognato all’alba. Indossava il vestito buono e portava il cappello alla ventitré. Aveva la faccia

Leggi tutto l'articolo

“Fili che cadono dal cielo”

Il basso, tozzo, brutto, sporco extracomunitario con il viso deturpato, con le scarpe bucate e i vestiti puzzolenti prese l’ascensore fino al quinto piano del più lussuoso appartamento di quella

Leggi tutto l'articolo

Duello

Lei: La spada è di cartone. Riposta nello stanzino come in una teca, si è sfatta e disfatta per l’umidità e la mancanza di aria, è marcita completamente marcita, fasulla

Leggi tutto l'articolo

Peppe ” er Pecetta”

Era un ragazzo mingherlino e gracile, di 16 anni, piuttosto alto, dai lineamenti non brutti, i capelli folti e castani, ma goffo e dinoccolato. Si chiamava Giuseppe, detto Peppe, cui

Leggi tutto l'articolo

Il giardino dopo l’ultima stanza

Che grande stanza. Che grande specchio alla parete, quanta luce. Troppa luce, luce impietosa cui nemmeno una ruga può sfuggire. Se contassi le rughe del mio viso e ogni ruga

Leggi tutto l'articolo

Ci troveranno abbracciati

Cosa spinge gli elefanti ad andare a morire lontano dal branco? Mi hanno dato due mesi di vita, e pur non essendo un elefante vado a morire come loro lontano

Leggi tutto l'articolo

Sonno e amore

La notte in bianco di Sara terminò quando il sole, che filtrava tra la persiane della sua camera da letto, scrisse sulla carta da parati rosa tre punti d’ombra intervallati

Leggi tutto l'articolo

Poeti, santi e navigatori satellitari

Alle diciannove e zero zero ricevo in ufficio la telefonata di Samantha, puntuale e fastidiosa come una sveglia alle sei e zero sette. – Pronto?– Ti sbrighi? Ti sto aspettando.–

Leggi tutto l'articolo