Notizie in Controluce

 Ultime Notizie
  • Haiti: minori non accompagnati a rischio abbandono, abuso e tratta Haiti: Save the Children, minori non accompagnati a rischio abbandono, abuso e tratta.   Forniti beni di prima necessità, taniche e teli cerati alle case famiglia colpite.     Ad Haiti,...
  • Libano: si riduce drammaticamente la quantità di cibo in tavola per i bambini Libano: Save the Children, si riduce drammaticamente la quantità di cibo in tavola per i bambini. Una razione di pane per 30 giorni costa alle famiglie quasi la metà del...
  • Comunicato No Inc Oggi 26 agosto in rappresentanza del presidio permanente abbiamo incontrato alla sede Arpa di via Saredo il dirigente  responsabile Tommaso Aureli, la dott. Rossana Cintoli e il dott. Sergio Ceradini....
  • Afghanistan: aumenti fino al 63% dei prezzi di cibo, gas e benzina  Afghanistan: Save the Children, dopo siccità e sfollamento rischio fame per bambini e famiglie anche per aumenti fino al 63% dei prezzi di cibo, gas e benzina  Famiglie costrette a...
  • Ciampino, 26 agosto 2021 – “Quello realizzato in via Mura dei Francesi è la seconda camera di manovra di Acea Ato2 in collaborazione con il comune di Ciampino, volto a proseguire il...
  • Contributi alloggiativi comunali Pubblicate le graduatorie Contributi alloggiativi comunali Pubblicate le graduatorie degli Ammessi e dei Non Ammessi 500 mila euro a favore di più di 250 famiglie I Servizi Sociali del Comune di Marino comunicano che sono...

Ciampino. Continuando a cianciare di uova e di galline

Ciampino. Continuando a cianciare di uova e di galline
Giugno 23
13:44 2021

Senza l’aeroscalo non sarebbe nata quella Città Giardino che ancora intravediamo

 A fasi alterne, ma puntualmente a Ciampino si riprende a cianciare di uova e di galline.

La cosa più comica della ridicola questione di chi è nato prima, l’uovo o la gallina, che a Ciampino si declina se è nato prima la città o l’aeroporto, è stata la celebrazione del centenario dell’Aeroporto che qualche anno fa, l’Amministrazione allora in carica, ha voluto pomposamente celebrare.

I primi aerei a Ciampino arrivarono nel gennaio del 1923 (ASAM archivio storico dell’aeronautica militare, fondo aeroporti), con un piccolo gruppo di O.A. (osservazione aerea). Diciamo che la parola aerei è una parola forte: più adatta sarebbe “lambrettine con le ali”. Il Genio della Marina militare dopo l’occupazione forzata, nel periodo di guerra, decise di acquistare l’area prospicente quella del grande Aeroscalo separata dalla strada di bonifica n°64 primo tratto (appaltata dal Genio bonifica nel 1915 e conclusa nel 1920) che proseguendo in linea retta da via di Fioranello, arrivava direttamente (sovrapponendosi all’attuale via S. Francesco d’Assisi) alla nuova stazione di Ciampino, proseguendo poi sul tratto dell’attuale via del Lavoro congiungendo, superate le ferrovie, l’Appia con la via Anagnina.  

Fino al 1926 Centocelle era l’aeroporto della capitale. Il centenario che si doveva celebrare era quello della nascita dell’Aeroscalo. Capisco che questa parola non è ben decodificabile cent’anni dopo: significa semplicemente che si sollevavano da Ciampino non i più pesanti dell’aria, ma i più leggeri, i Dirigibili. Quelle enormi macchine volanti per cui l’Italia era all’avanguardia nel mondo, che nel Cantiere di Ciampino venivano costruiti e venduti in tutto il mondo. Macchine costose che con la loro costruzione ed utilizzazione davano un enorme indotto a tutto il territorio.

Dico di più: senza l’aeroscalo non sarebbe nata quella Città Giardino che ancora intravediamo nella traccia della raggiera del nostro centro storico ed in qualche splendido villino che oggi purtroppo possiamo contare sulle dita di una mano. La riprova di questa affermazione sta nel fatto che la Coop. Colle Parioli, che s’imbarcò nel difficile progetto economico e culturale della Città Giardino di Ciampino, pur avendo avuto notizia della nascita dell’Aeroscalo fin dal 1913, non si mosse fino a quando non ebbe la certezza della realizzazione della grande struttura militare, ovvero solo quando si concretizzò l’esproprio di una grossa parte dell’area del “Palombaro” per realizzare la sede del grande aeroscalo della capitale.

Il primo contratto d’acquisto di terreni dai Colonna è infatti del 14.12.1916.

È questa la data di nascita di Ciampino, che in troppi ancora confondono con la data di costituzione della Cooperativa C.P. che è del 1910.

 

Ma per capire fino in fondo le conseguenze pratiche di queste certezze storiche (certezze che un salto nella nostra Biblioteca, e/o negli innumerevoli archivi romani aiuterebbe a toccarle in prima persona), i ciampinesi e tutti coloro che da tempo immemore continuano a cianciare di uova e galline, devono fare uno sforzo di fantasia. Devono sedersi in terra con le gambe intrecciate, rilassare le braccia sulle ginocchia con le palme delle mani verso il cielo, dita a mudra, inspirare profondamente, espirare con un lungo ohmmmm… e visualizzare una cittadina dove le strade, l’acqua, l’elettricità, le alberature sulle strade sono arrivate, udite udite, prima delle case; case che dovevano esser costruite con precise norme tecniche, pena l’invalidità del contratto di acquisto del lotto di terreno: 2 piani, giardino davanti, orto dietro. Contemporaneamente devono visualizzare quelle enormi macchine che salivano nel cielo, cercando di ascoltare il loro rumore. Se nel visualizzarle non sentite rumore non agitatevi, accade non perché non siete abbastanza concentrati, ma perché… rumore non c’era.  Se invece sentite odore e sulle labbra sapore di Kerosene quello non fa parte della visualizzazione: è che … vi state rilassando nella Ciampino di oggi.

   Foto: Archivio “Anni Nuovi”

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Agosto: 2021
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

Alcuni libri delle “Edizioni Controluce”