Notizie in Controluce

Città di Marino 1 Astrea 1

 Ultime Notizie

Città di Marino 1 Astrea 1

Settembre 24
05:21 2012

Città di Marino (4-4-3): Cimmino, Simboli, Mirante, Capolei, Scarlato (9′ st Fiorini), Rivera, Gigliotti (35′ st Copponi), Noviello, Colombo, Spina (15′ st Ciaramelletti), Quadrini. A disp.: Rapo, Di Antonio, Efrati, Laghigna. All.: Scarlato.

Astrea (4-4-2): Paracucchi, Sannibale, Cipriani, Mollo, Di Fiordo, Pentassuglia, Bellini (18′ st Navarra), Ramacci, Di Iorio, Simonetta (39′ st Di Benedetto), Mania (25′ st Fernandez). A disp.: Turbacci, Civita, Briotti, Difino. All.: G. Ferazzoli.
Arbitro: Bertani di Pisa. Assistenti: Giovanneschi di Pontedera e Corcione di Pisa.
Marcatori: 5′ pt Quadrini (CM), 5′ st Di Iorio (A).
Note: ammoniti: Scarlato, Rivera, Gigliotti, Fiorini (CM), Sannibale, Cipriani, Di Fiordo, Di Benedetto (A). al 25′ st allontanato dalla panchina il direttore sportivo del Città di Marino Mastellone per proteste. Calci d’angolo: 6-2 per l’Astrea. Recupero: 1′ pt, 5′ st.
MARINO – Primo punto in campionato per il Città di Marino. Al “Fiore” finisce 1-1 contro l’Astrea al termine di una partita bella e combattuta fino all’ultimo minuto. Nei castellani esordio del nuovo allenatore-giocatore Gennaro Scarlato, in campo dal primo minuto insieme all’italo-argentino German Rivera (ritorno per lui dopo la parentesi peruviana nello Sporting Cristal). Nel 4-3-3 tridente composto da Colombo-Gigliotti-Spina. Ministeriali, privi di Giuntoli, si affidano al tandem offensivo Di Iorio-Simonetta. Il Marino fa subito capire le sue intenzioni e dopo pochi minuti crea un pericolo con l’attaccante uruguagio Colombo che impegna con i piedi Paracucchi. La spinta offensiva dei locali si fa più intensa e al 5′ arriva il meritato vantaggio: Di Fiordo tocca male a centrocampo, Quadrini intercetta e dai venti metri lascia partire un sinistro micidiale che non lascia scampo al portiere romano. Ancora Marino sugli scudi al 16′: destro di Spina ribattuto in area, palla sul sinistro di Gigliotti che calcia male sul fondo. Il primo affondo dell’Astrea è con Simonetta che di testa alza di non molto la mira. Al 33′ il Marino va di nuovo in rete ma l’arbitro Bertani, su segnalazione del suo assistente Corcione, annulla per un fuorigioco inesistente di Colombo. Dall’altra parte Di Iorio colpisce in pieno la traversa. Nella ripresa gli ospiti trovano subito il pareggio: è il 5′ quando Bellini pennella un cross dalla destra per la testa di Di Iorio che stacca più in alto di Scarlato e deposita alle spalle di Cimmino. L’Astrea vuole la vittoria e va vicina al gol poco dopo con Mollo che conclude addosso a Cimmino dopo una serie di rimpalli in area marinese. Nel Marino il più pericoloso è Quadrini: suo il cross al 17′ che Colombo indirizza debolmente di testa tra le braccia di Paracucchi. Al 21′ gol annullato anche all’Astrea per fuorigioco di Mollo. Al 23′ Capolei, oggi capitano, impegna Paracucchi, sulla respinta del portiere si avventa Colombo che insacca ma in posizione irregolare. Al 25′ ancora Paracucchi a respingere di pugni il tiro di Quadrini. Negli ultimi minuti prova ad affondare l’Astrea che ci prova con una rovesciata altissima del neo entrato Navarra. Terminano le occasioni dopo i cinque minuti di recupero concessi dall’incerto Bertani (ancor di più lo sono stati i suoi assistenti) e alla fine il punto può accontentare le due squadre: l’Astrea per dare continuità alla sua serie positiva di risultati; il Marino per smuovere una classifica che si era fatta complicata dopo le prime tre giornate.

Condividi

Articoli Simili