Notizie in Controluce

Comunicato per la Giornata della Memoria

 Ultime Notizie
  • Comunicato per la Giornata della Memoria In occasione del 75° anniversario della liberazione di Auschwitz e delle vittime dell’Olocausto, la Federazione Esperantista Italiana (http://www.esperanto.it) rende omaggio alla memoria dei milioni di persone perseguitate e uccise per...
  • Vandali a Dubovy Log Vi scrivo con il cuore amareggiato. “Il doposcuola di Dubovy Log”, uno dei progetti sociali più difficili messi in piedi da anni nel villaggio di Dubovy Accedi Bielorussia è stato...
  • ITALIAN MUSIC CONTEST 2019 VINCITORI E FINALISTI Successo per ITALIAN MUSIC CONTEST- #imc19 creato e dedicato ai nuovi cantautori ed interpreti. La prima edizione  ha visto sul podio tre cantautrici alla finale del 20 gennaio 2020 a...
  • Gran pienone per Marco Presta alla Mondadori Bookstore Velletri Gran pienone per Marco Presta alla Mondadori Bookstore Velletri. Presentato “Fate come se non ci fossi” Mondadori Bookstore gremita sabato pomeriggio per ascoltare l’autore, conduttore radiofonico e scrittore Marco Presta,...
  • ROMA FRINGE FESTIVAL 2020  Tutti i vincitori dell’ottava edizione Il miglior spettacolo del Roma Fringe Festival 2020 è “La difficilissima storia della vita di Ciccio Speranza” di LMS – Les Moustaches. Vince anche il Premio della Stampa e il...
  • #mondovale     …non sono la disabilità, la terza età, l’esclusione sociale, la povertà ad essere imperfette… è il mondo che è ovale!      #mondovale è un progetto nato dall’idea di...

Comunicato per la Giornata della Memoria

27 Gennaio
17:31 2020

In occasione del 75° anniversario della liberazione di Auschwitz e delle vittime dell’Olocausto, la Federazione Esperantista Italiana (http://www.esperanto.it) rende omaggio alla memoria dei milioni di persone perseguitate e uccise per la loro appartenenza religiosa, culturale o etnica.

Zamenhof, il creatore dell’esperanto, era un ebreo di Bialystok, una città allora parte dell’Impero Russo, oggi della Polonia. Il suo desiderio era che i popoli potessero comunicare e capirsi attraverso una lingua neutrale. Nel 1887 pubblicò a Varsavia il primo opuscolo della lingua internazionale esperanto. Allo scoppio della prima guerra mondiale, lanciò un ultimo e disperato “Appello ai diplomatici”, sottolineando che “ogni paese deve appartenere moralmente e materialmente a tutti i suoi abitanti naturali e naturalizzati, qualsiasi sia la loro lingua, religione o supposta provenienza”.

La Storia, purtroppo, ha avuto un altro corso. Zamenhof si spense a Varsavia nel 1917. Poco meno di trent’anni più tardi, quasi tutta la sua famiglia veniva sterminata nei campi nazisti. Molti sostenitori dell’esperanto ebbero lo stesso triste destino.

Il ricordo del passato sia, quindi, sempre vivo monito: solo il rispetto dei diritti umani può garantire all’umanità un futuro sostenibile. Perché queste atrocità non si ripetano mai più.

———————————————

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento