Notizie in Controluce

Coronavirus: Save the Children, in Libano scuola a rischio di abbandono per molti bambini

 Ultime Notizie

Coronavirus: Save the Children, in Libano scuola a rischio di abbandono per molti bambini

Maggio 29
13:10 2020

 a causa della pandemia e della povertà.
La quasi totalità dei minori (90%) dice che avrebbe bisogno di sostegno per comprare cibo. Secondo 4 ragazzi su 10 intervistati tra i 15 e i 18 anni, la situazione sta mettendo in pericolo la loro salute mentale.

Un sondaggio, che ha coinvolto 137 giovani rifugiati libanesi, palestinesi e siriani tra i 12 e i 24 anni, fornisce una visione istantanea delle sfide da affrontare per stare al passo con l’istruzione.

In Libano gli studenti entrano nel quarto mese di chiusura scolastica legata alla pandemia di Coronavirus[1] e come rivela un sondaggio di Save the Children, l’Organizzazione che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini e garantire loro un futuro, molti non riescono a tenere il passo con il programma scolastico a causa di un apprendimento da remoto inaccessibile o inadeguato. Questa interruzione dell’istruzione segue le chiusure scolastiche di ottobre e novembre, a causa delle proteste per l’incertezza economica che hanno attanagliato il paese. Save the Children lancia l’allarme sul rischio per molti studenti di rinunciare alla propria istruzione, per la difficoltà di accesso all’apprendimento e perché molte famiglie sono spinte al di sotto della soglia di povertà.

Un’indagine su 137 bambini e ragazzi rifugiati[2] libanesi, palestinesi e siriani di età compresa tra 12 e 24 anni[3] rivela che tre quarti dei giovani trova difficile l’apprendimento online, percentuale che sale all’80% tra le ragazze; due terzi dei giovani hanno riferito della necessità di un sostegno finanziario a causa della perdita di posti di lavoro dei familiari; il 90% degli intervistati ha affermato che questo sostegno finanziario dovrebbe essere prioritariamente destinato all’acquisto di alimenti e, in secondo luogo, ai medicinali (50%); il 40% dei minori di età compresa tra i 15 e i 18 anni ha affermato che la situazione sta mettendo a dura prova la loro salute mentale.

“La scuola ha chiuso. I miei insegnanti ora usano WhatsApp come alternativa, ma abbiamo difficoltà a capire il materiale. Il nostro corso di studi è difficile così com’è, figuriamoci doverlo imparare al telefono. Mia sorella è stata licenziata dal lavoro, così come mia madre. Mio padre, un tassista, non è autorizzato a lavorare o a uscire. Trascorriamo la maggior parte, se non tutto il nostro tempo a casa, senza fare nulla” ha dichiarato Sahar, una ragazza libanese di 17 anni.

Bambini e giovani sono stati colpiti in modo diverso dalle chiusure delle scuole, a seconda della comunità di appartenenza. Gli studenti libanesi hanno avuto la possibilità di seguire un corso online, ma tutti gli intervistati hanno riferito difficoltà a studiare da remoto, mentre i siriani e i palestinesi non hanno avuto alcuna possibilità per accedere all’apprendimento online con le loro scuole e che molti genitori non si sono potuti permettere tutor privati per far completare loro gli studi da casa e lasciando la loro istruzione di fatto sospesa.

Khalid, un rifugiato siriano di 23 anni, ha perso il lavoro di recente e vive in uno dei quartieri affollati di Beirut. Ha detto a Save the Children: “La mia routine è cambiata completamente. Dall’andare a lavorare dalle 6 del mattino fino a tarda sera allo stare a casa tutto il giorno. È una sfida”.

Nel 2019, anche prima delle chiusure legate alla crisi economica e al coronavirus, quasi la metà dei bambini siriani in età scolare in Libano non era iscritta all’istruzione pubblica. Con oltre il 70% dei rifugiati che vivono già al di sotto della soglia di povertà, è probabile che gli abbandoni scolastici aumentino man mano che le famiglie perdono i loro mezzi di sussistenza e non possono più permettersi di comprare libri, pagare il trasporto e le divise, e comincino invece a fare affidamento sui loro figli per il lavoro.

“L’apprendimento aveva già visto una prima forte interruzione durante le dimostrazioni diffuse di ottobre e novembre 2019. Ora le scuole sono di nuovo chiuse a causa del coronavirus. Gli studenti hanno già perso metà dell’anno scolastico. Ora, molte famiglie hanno visto ridurre il loro reddito a zero. Siamo preoccupati che ciò si rifletta in iscrizioni più basse il prossimo anno. Per molti bambini esiste il rischio di uscire definitivamente dalla scuola a meno che loro e le loro famiglie non ricevano il sostegno di cui hanno bisogno per continuare la loro istruzione. Il non andare a scuola avrà un impatto che si estenderà oltre l’apprendimento. Nelle comunità più vulnerabili ci sarà un maggiore rischio di lavoro minorile per i ragazzi e di matrimoni precoci per le ragazze. Colpirà maggiormente i più poveri e i più emarginati, compresi gli oltre 660.000 minori rifugiati siriani in Libano” ha affermato Jad Sakr, direttore di Save the Children in Libano.

Solo il 26% dei minori intervistati da Save the Children ha riferito che la propria famiglia ha conservato lo stesso reddito generato prima dell’epidemia di Coronavirus. Mentre la crisi economica del Libano si fa sempre più profonda, è essenziale che le autorità libanesi, con il sostegno della comunità internazionale, realizzino pacchetti di sostegno sociale per le famiglie vulnerabili, che comprendano anche il settore dell’istruzione per garantire che tutti i bambini possano rimanere iscritti e accedere a migliori metodi di apprendimento da remoto.

Save the Children sta rispondendo all’epidemia di COVID-19 con la distribuzione di kit di apprendimento per i bambini iscritti ai programmi di istruzione e sta aiutando le famiglie a migliorare la prevenzione e la protezione contro il virus attraverso la distribuzione di kit disinfettanti. Procede la gestione remota di tutti i casi e l’Organizzazione continua a lavorare con le parti interessate per alleviare la crisi economica e i timori per la salute delle popolazioni vulnerabili.

 

 A questo link è possibile scaricare il rapporto sul sondaggio effettuato: https://we.tl/t-dpBkX7cg4K

 

 

Per ulteriori informazioni:

Tel. 06-48070023/63/81/82
ufficiostampa@savethechildren.org
www.savethechildren.it

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento