Notizie in Controluce

Demanio: è davvero un bene pubblico?

 Ultime Notizie
  • Frascati, il 15 febbraio Cardiologie Aperte 2020 Frascati, il 15 febbraio l’Ambulatorio di Cardiologia del San Sebastiano sarà aperto dalle 9,00 alle 13,00   Sabato 15 febbraio 2020 dalle 9 alle 13 gli ambulatori della Cardiologia dell’Ospedale...
  •   IL SOTTOSUOLO DI POMPEI  STUDIATO DAGLI SPELEOLOGI CANALI E CUNICOLI NELL’AREA DEL FORO   IL SOTTOSUOLO DI POMPEI  STUDIATO DAGLI SPELEOLOGI   Dalla superficie al sottosuolo. Le attività di ricerca e indagine conoscitiva di Pompei non si arrestano...
  • Padre Secondino ZELLI Nel decimo anniversario della scomparsa di padre Secondino Zelli una serie di manifestazioni ricorderanno questa figura indimenticabile nella storia delle Scuole Pie di Frascati. Le iniziative si apriranno il prossimo...
  • La IUC all’Eliseo – Omaggio a Vienna La IUC all’Eliseo Musica a Teatro cinque appuntamenti, quattro matinée la domenica e un concerto serale fino al 18 maggio 2020 Piccolo Eliseo Domenica 9 febbraio 2020 ore 11.30 Omaggio...
  • Giornata nazionale contro lo spreco alimentare (5 febbraio) ENEA e Federdistribuzione alleate contro lo spreco alimentare Da domani on line un test per scoprire se siamo spreconi o virtuosi Milano, 4 febbraio 2020 – “Sei pronto a combattere...
  • Stop trenino Termini-Centocelle Stop trenino Termini-Centocelle, Legambiente “Oggi decine di migliaia di persone vengano lasciati a piedi, e mentre perdiamo chilometri di trasporto pubblico, riapre la metro Barberini solo in uscita: a Roma...

Demanio: è davvero un bene pubblico?

08 Gennaio
16:51 2014

Incontro degli amici che mi dicono: “Non si riesce neanche a camminare, ti viene da piangere”. Ostinato voglio vedere con i miei occhi, non si potrà correre, ma una camminata sì. Entro nel Cerquone e l’impatto è violento. È tutto a terra, rami, alberi, i viali scomparsi. M’inoltro, finché è possibile, scavalcando grossi rami, tronchi, e una vegetazione molto bella, selvaggia. A momenti sembra di perdere l’orientamento, c’è l’impressione di vivere un film di fantascienza; di trovarsi in un bosco dopo qualche anno da un’esplosione atomica, nel bosco regna il disordine. Nonostante la mia voglia di raggiungere il “vecchio Cerquone”, sono costretto a tornare indietro, cercando di trovare dei riferimenti per tornare al punto di partenza. Viene da chiedersi, dopo circa due anni, il perché di quest’abbandono. Dove sono gli enti amministrativi, Comune, Parco dei Castelli Romani? Sono stati imposti dei divieti ma nulla è successo per riconsegnare il territorio ai cittadini. Vi è legna per tutti i paesi vicini, perché non attivare una coop. per recupero legname da vendere a prezzi agevolati ai cittadini? Quanti che hanno perso il lavoro possono essere utilizzati a questo scopo? Ci vorrebbero Comuni ed Enti funzionanti. È più facile porre divieti o investire dove c’è un ritorno? È evidente che allo stato attuale la legna si avvia verso il marciume, di conseguenza non più conveniente per un utilizzo energetico. Nel riconquistare i pratoni, ricordo l’invidia di quanti, durante le gare atletiche in giro per la provincia, ci invidiavano il fresco del Cerquone per allenarsi. La delusione continua quando ti accorgi che anche il centro CONI – Vivaro si trova in uno stato di abbandono. Crisi? La gente cammina nei pratoni, qualcuno corre, altri passeggiano con i cani. Risalgo in macchina per tornare a casa, lasciandomi dietro il caos. Cerchiamo di ritrovare positività (come dice qualcuno) ma le continue scosse e buche lungo la strada difficilmente mettono ottimismo.

Condividi

Articoli Simili