Notizie in Controluce

Discarica Cupinoro: no a conferimento dei rifiuti di Roma

 Ultime Notizie
  • 100 GLOBI PER UN FUTURO SOSTENIBILE 100 ARTISTI INTERPRETANO UN FUTURO SOSTENIBILE 100 GLOBI PER UN FUTURO SOSTENIBILE 100 ARTISTI INTERPRETANO UN FUTURO SOSTENIBILE IN UNA ESPOSIZIONE D’ARTE E DESIGN OPEN AIR 1° Edizione Milano 2020 WEPLANET CERIMONIA DI INSTALLAZIONE DEL PRIMO...
  • Marino – Giornata della Memoria. Nella ricorrenza della Giornata della Memoria ( legge n.211 del 20 luglio 2000), istituita in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici...
  • A Pomezia messa per San Sebastiano, patrono della Polizia locale  In occasione della ricorrenza di San Sebastiano, il Comune di Pomezia ha celebrato il santo patrono della Polizia locale con una messa solenne presso la chiesa di Sant’Isidoro nel quartiere...
  • Pomezia – Le Farmacie comunali si specializzano Le Farmacie comunali si specializzano, presentazione del Punto Salute Oncologico di via Virgilio. Giovedì 30 gennaio ore 11.00, aula consiliare del Comune di Pomezia   Le Farmacie comunali di Pomezia...
  • Albano Laziale, interruzione idrica 22 e 28 gennaio Acea ATO2 comunica che per effettuare interventi di manutenzione straordinari volti a migliorare l’efficienza del servizio, mercoledì 22 gennaio si renderà necessario sospendere il flusso idrico in alcune zone del...
  • Veronica Pivetti conquista Genzano Veronica Pivetti conquista Genzano con la sua simpatia: “Per sole donne, un romanzo provocatorio alla ricerca di libertà” Grandissima affluenza di pubblico sabato alla Mondadori Bookstore per ascoltare l’attrice, conduttrice...

Discarica Cupinoro: no a conferimento dei rifiuti di Roma

21 Dicembre
07:41 2013

che la Capitale pensi a scaricare i propri rifiuti fuori dal suo territorio, a Bracciano come a Riano o Corcolle dove il rischio è stato sventato, così come in altre regioni italiane -ha dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio, partecipando al tavolo convocato dal Sindaco del Comune di Cerveteri sul tema-. Il Lazio è tra le peggiori regioni italiane per l’abnorme quantitativo di rifiuti conferiti in discarica tra il 2011 e il 2012, ben il 71% dei rifiuti urbani prodotti sono finiti seppelliti nelle dieci discariche della regione, una moltitudine di quasi 2,1 milioni di tonnellate. Il problema più grande è a Roma, dove si producono la metà dei rifiuti del Lazio, bisogna cambiare il modello della raccolta col cassonetto, bisogna smettere subito di sperperare soldi per estenderlo e puntare tutto sulla raccolta domiciliare, su riduzione e riuso.”

Nel corso degli anni, le dieci discariche nel Lazio si sono mangiate quantità enormi di rifiuti, dai 2.682.450 di tonnellate del 2009, ai 2.535.684 di tonnellate del 2010, ai 2.356.758 di tonnellate del 2011, fino ai 2.085.435 di tonnellate del 2012. E un motivo c’è di sicuro: nel Lazio seppellire rifiuti è costato e costa davvero troppo poco, tra i 40 e i 70 Euro a tonnellata, un prezzo ridicolo (al netto dell’ecotassa, del benefit ambientale e dei costi di post gestione). Per questo è particolarmente grave che la Regione negli anni passati non abbia elevato al massimo possibile la cosiddetta ‘ecotassa’, lo speciale tributo istituito sin dal 1995 per penalizzare economicamente l’interramento dei rifiuti. Nel Lazio, a norma della legge 42/98, si applica oggi un’ecotassa di 15,44 €/t per i rifiuti urbani tal quali e di 10,33 €/t per quelli trattati, mentre non è previsto che il tributo possa essere modulato in base ad un criterio di premialità/penalità

“L’enorme risultato della chiusura di Malagrotta deve servire a superare la gestione dei rifiuti con la discarica -conclude Parlati-. La Regione deve fermare l’ipotesi Cupinoro, bloccare il bando che per quattro spicci, 60 Euro a tonnellata, mette in vendita spazi nella discarica di Bracciano. Su questa materia chiediamo subito chiarezza rispetto all’Autorizzazione Integrata Ambientale AIA che sarebbe stata rilasciata nei giorni scorsi per l’ampliamento di quella discarica e valuteremo anche la possibilità di un ricorso al TAR contro quel provvedimento. Più in generale, la Regione col nuovo piano rifiuti deve mettere in campo un nuovo modello di gestione dei rifiuti che veda al centro riduzione, riuso e riciclaggio, destinando alla discarica il ruolo di ultimo e residuale anello, facendo finalmente anche un siting serio per valutare quali spazi idonei si possano trovare all’interno del Comune di Roma.”

Legambiente Lazio

Condividi

Articoli Simili