Notizie in Controluce

Ennesimi scempi nel Parco dei Castelli Romani

 Ultime Notizie

Ennesimi scempi nel Parco dei Castelli Romani

novembre 04
23:00 2007

Tale taglio (se pur necessario e autorizzato?!), in parte ricadente sulla verticale dei cavi elettrici, non è certo giustificabile sulla metodologia dell’intervento adottata, in quanto ha portato ad un intervento generalizzato e devastante con abbandono sul letto di caduta circostante e a valle, di ramaglie e tronchi più o meno grandi, producendo grave nocumento per il nuovo sviluppo vegetazionale sia del castagno che di piante vascolari, indigene, tipiche dei Castelli Romani (quelle rimaste);
b) Si riscontrano ancora ammassi di ramaglie, e tronchi più o meno grandi su tutto l’areale oggetto di taglio ceduo. Tale situazione potrebbe essere innesco privilegiato per incendi (non dimentichiamoci i 40 ettari andati in “fumo” nel cono vulcanico recentemente).
c) Nelle caverne in prossimità del Convento di Palazzolo, monitorate da tempo dalle Guardie Ecozoofile dell’ANPANA, si sono verificati dei nuovi ed importanti distaccamenti di roccia da non sottovalutare.
d) il giorno 15 ottobre alle ore 15.30, in occasione dell’ultimo servizio di sorveglianza sulla superficie del lago si notava una consistente presenza (una scia di circa 2000 metri di lunghezza per un centinaio di metri di larghezza) di materiale in sospensione.(fioritura algale?!, sostanze organiche?!).
Le associazioni chiedono al Parco di intervenire immediatamente adottando le misure più opportune tra cui una indagine ispettiva e copia di tutti i certificati di collaudo datati relativi ai tagli autorizzati negli ultimi 5 anni, per quanto attiene il punto c) un intervento finalizzato alla tutela dell’incolumità delle persone, Per il punto d) un controllo analitico-sanitario serio che interessi anche la fauna ittica.
IL WWF Castelli Romani e l’ANPANA, nel ribadire la loro piena collaborazione a fini di tutela e valorizzazione ambientale, danno piena disponibilità alla realizzazione di micro progetti finalizzati al recupero e controllo dei percorsi naturalistici (Es:L1, L2, etcc).

Articoli Simili