Notizie in Controluce

Esperienze Esino: un viaggio fluviale ricco di emozioni e riflessioni.

 Ultime Notizie

Esperienze Esino: un viaggio fluviale ricco di emozioni e riflessioni.

luglio 28
12:25 2015

L’obiettivo dell’iniziativa, focalizzato nel conoscere e far conoscere il fiume Esino percorrendolo a piedi, descrivendolo, rappresentandolo, traendone spunto per discussioni attorno al rapporto tra noi, le nostre comunità, la terra che abitiamo e le sue risorse è stato pienamente raggiunto. Numerose persone durante il passaggio della carovana dei camminatori fluviali con zaino in spalla hanno chiesto informazioni su cosa stava accadendo e tutti sono rimasti piacevolmente sorpresi nel sapere che alcune persone erano interessati alla vita del fiume, alla sua conservazione e gestione sostenibile.
I numeri descrivono meglio di qualsiasi altro commento l’iniziativa realizzata: 90 chilometri percorsi, 20 persone partecipanti alle varie escursioni, 9 dibattiti/tavole rotonde realizzate che hanno coinvolto circa 200 persone, una performance teatrale presso la Riserva Naturale Ripa Bianca di Jesi, 16 campioni di acqua da analizzare dei quali si sono rilevati subito temperatura, pH e conducibilità, 14 campionamenti di insetti macroinvertebrati che vivono nel letto del fiume, 16 schede di monitoraggio, oltre 300 fotografie e circa 20 ore di riprese video.
Riprese video, dati dei monitoraggi ambientali, fotografie, registrazioni dei dibattiti e altro materiale di documentazione raccolto durante il cammino saranno oggetto di un documento finale e di un documentario che costituiranno del prezioso materiale per iniziare il percorso che porterà alla stesura del contratto di fiume per il bacino idrografico dell’Esino.
I camminatori di Esperienze Esino hanno trovato un fiume che nella sua discesa cambia completamente le sue caratteristiche anche in poche centinaia di metri. Dalla sorgente al termine della Gola della Rossa e Frasassi il fiume si presenta ben conservato, successivamente, però, si possono notare tratti con interventi antropici devastanti e altri incredibilmente naturali e belli per poi, osservare il basso corso dell’Esino accerchiato da città e campagne. I camminatori fluviali hanno notato, anche se con diversa intensità, le stesse criticità rilevate 25 anni fa da Sergio Romagnoli nel suo documentario trovando un fiume meno inquinato ma con una maggior presenza di strutture antropiche e con uno sfruttamento più intensivo della risorsa acqua. L’allarme lanciato 25 anni fa dal naturalista Jesino per la salvaguardia del fiume Esino, e accolto dai partecipanti di Esperienze Esino, da una prima bilancio è rimasto, purtroppo, ancora estremamente attuale.
Per questo Esperienze Esino non finirà qui. Proseguirà con altre attività di monitoraggio e sensibilizzazione per una gestione sostenibile e salvaguardia del corso d’acqua.
Gli organizzatori nonché partecipanti ringraziano le associazioni che hanno supportato la realizzazione dell’Evento, i comuni della valle dell’Esino che hanno patrocinato l’iniziativa e dato ospitalità ai viandanti e gli sponsor Sartori, Multiservizi e Collestefano che hanno contribuito alla realizzazione dell’iniziativa.

Articoli Simili