Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

“Essere catastrofe” – 9 autori e fotografi per raccontare l’oggi, prima e oltre la pandemia

“Essere catastrofe” – 9 autori e fotografi per raccontare l’oggi, prima e oltre la pandemia
Dicembre 20
10:44 2020

(Serena Grizi) «nel disegnare la catastrofe ci si riconosce come elementi ‘non puri’ immersi nel divenire delle problematiche che già da molti lustri stanno letteralmente rivoluzionando il nostro modo di vivere»

Essere catastrofe, 045 Publishing Issue n. 3. Volume di 144 pagine al cui interno si trovano 5 progetti testuali e 4 fotografici. Volume con sovracoperta stampata che, aperta, diventa poster fotografico.

Autori e titoli dei lavori in raccolta: Giorgio Andreoni, Bianco tenebra; Giulia Bernacchi, Iran, stato di catastrofe permanente; Ilaria Bussoni, Loro. Profezie su un mondo che non c’è; Marta Clinco, La caduta; Marco Favaro, Un mondo senza eroi. Catastrofi per futuri incerti; Serena Grizi, Cambiare lavoro, cambiare il lavoro. Di miserie contemporanee che vengono da lontano; Massimiliano Maestrello, L’importanza di chiamarsi Mr Green; Stefano Miliffi, Lisboom; Luca Quagliato, La terra di sotto.

Durante il confinamento (lockdown) nei mesi da marzo a maggio 2020 045Publishing, collettivo di auto pubblicazione in quel di Verona che stampa un magazine nel quale raccoglie scritti su temi molto attuali del nostro vivere, ha lanciato la opencall Essere catastrofe. Scrittori, giornalisti, fotografi, hanno provato a raccontare e a raccontarsi nella catastrofe, ammettendo il proprio viverla ormai da anni e circostanziandone meglio confini e caratteristiche; che se questa non ce l’ha ‘inviata’ Babbo Natale né qualche mitica creatura, la si attraversa perché in qualche modo (in molti modi) contribuiamo a crearla. Banalmente, si dice, che riconoscere un problema è già metà strada per la soluzione. Se anche non fosse così, nell’immaginare, nel descrivere, nel disegnare la catastrofe ci si riconosce come elementi ‘non puri’ immersi nel divenire delle problematiche che già da molti lustri stanno letteralmente rivoluzionando il nostro modo di vivere: dall’ambiente ai mutamenti climatici, alle pandemie scatenate da tali rivolgimenti, al sovraffollamento mondiale, al lavoro che continua a cambiare di segno e di significato tra i simboli del nostro ‘patto sociale’ rischiando di far saltare una volta per tutte anche questo …. 

 «La cosiddetta crisi ambientale e climatica ha definitivamente iniziato ad occupare uno spazio centrale nel dibattito pubblico a livello transnazionale. Di conseguenza, si moltiplicano analisi e previsioni su possibili soluzioni da adottare per scampare alla catastrofe: una specie di giorno del giudizio che incombe sulle nostre vite, da evitare cambiando drasticamente modelli di consumo e stili di vita. Nonostante questo genere di discorsi abbia il merito di porre l’attenzione su una delle questioni centrali della nostra epoca, esso rischia di alimentare una indiretta ma pericolosa autoassoluzionedel sistema che ha portato alle molteplici catastrofi disseminate intorno e dentro di noi. In altri termini, proiettare nel futuro la catastrofe presuppone una sottovalutazione sistematica delle irreversibili piaghe ambientali, sociali e psichiche – che affondano le proprie radici nel sistema capitalistico – che attraversano le nostre società, ritraendole come elementi secondari, residuali e in fondo (tras)curabili. Se ci limitiamo all’ambiente, in Italia si contano 12.482 siti potenzialmente contaminati, di cui 58 di interesse nazionale per un elevato rischio sanitario. Il pianeta nel quale viviamo è infetto, per riprendere un concetto della filosofa Donna Haraway, e non ci resta che vivere accettando un divenire inquinato. Partendo da queste premesse, il compito che ci spetta non e quello di evitare una catastrofe a venire, bensì quello di provare a ripensare con disincanto il tempo, il futuro e le nostre relazioni con il mondo: un mondo nel quale le catastrofi, sono parte delle nostre soggettività. Assumere questa postura non significa alzare bandiera bianca per una resa finale dinnanzi alle macerie. Essa e, al contrario, una mossa necessaria per provare ad uscire dalla asfissia che sembra soffocarci.» 045 Publishing  https://045publishing.bigcartel.com/

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Agosto: 2021
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

Alcuni libri delle “Edizioni Controluce”