Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

EXIT emergenze per identità teatrali dal 22 novembre al Teatro dell’Orologio

EXIT emergenze per identità teatrali dal 22 novembre al Teatro dell’Orologio
Novembre 18
17:26 2016

Dal 22 NOVEMBRE al 4 DICEMBRE 2016
TEATRO DELL’OROLOGIO via dei Filippini 17/a – Roma
Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 21.30 – domenica ore 18.30
Costo Biglietti: Intero € 15,00 – Ridotto € 10,00 – Ridottissimo (riservato al pubblico di “Cortinscena”) € 7,00 – Operatore € 3,00. Tessera del teatro obbligatoria: € 3,00

Martedì 22 Novembre Festa di Apertura
Giornalisti, spettatori e chiunque voglia conoscere da vicino la Rassegna che da nove anni incuriosisce e coinvolge il pubblico romano e non solo, sono invitati al brindisi inaugurale di Exit. La rassegna quest’anno prevede due concorsi per autori/drammaturghi, ideati e voluti dalla Fed. It. Art.: Un bagaglio di idee terza edizione, con il coordinamento di Massimiliano Zeuli, darà inizio alla Festa di apertura alle ore 18.30 premiando i primi tre classificati e Cortinscena concorso per under 30 che alle ore 21.00 concluderà la serata con l’andata in scena dei 5 corti finalisti e le premiazioni. Tra i membri delle commissioni esaminatrici composte da giornalisti, scrittori, registi e docenti universitari, i drammaturghi: Angelo Longoni e Giuseppe Manfridi. Durante il pomeriggio in questo clima di festa e premiazioni, al quale presenzieranno anche figure istituzionali, le Compagnie della Rassegna presenteranno i propri spettacoli. Una serata per stare insieme e brindare alla cultura e all’arte.

Mercoledì 23 e giovedì 24 novembre
Walden in collaborazione con Un rigo si e un rigo no
presenta
CON LA BOCCA PIENA DI SPILLE
drammaturgia e musica Martina Tiberti, regia Raffaele Balzano, con Patrizia Ciabatta e Marco Zordan

Con la bocca piena di spille, racconta il percorso visionario di una giovane donna verso la liberazione dalle proprie ossessioni quotidiane. Attraverso le parole di un venditore ambulante incuriosito dalle pagine di un diario, entriamo nella vita di Leda. In un crescendo di eventi surreali, la ragazza prende coscienza della mediocrità cui le sue giornate sono confinate. Quella di Leda è una disgregazione del sé che non cade mai nel vittimismo ma si spoglia con ironia di ogni figura che l’anima non riconosce come propria: in una danza liberatoria i vestiti le cadono di dosso, fino a che sullo specchio non resta che la traccia di un’ombra, il riflesso di una figura femminile sul punto di dileguarsi. Anche le parole sul diario svaniscono: dopo un’ultima frase misteriosa c’è il bianco. Con la bocca piena di spille indaga il rapporto tra il nostro corpo e il nostro passato. Un rituale immaginario in cui ognuno ritroverà un pezzo di se stesso.
NOTE DI REGIA
Lo spettacolo si muove tra presente e passato. Il venditore ambulante ci racconta la storia di Leda attraverso le parole di un diario ritrovato tra gli oggetti che abbelliscono il suo museo. Dalle parole del diario Leda prende vita scenica. La vediamo alle prese con le responsabilità del suo lavoro, ed un attimo dopo immersa nei momenti surreali che sconvolgono la sua vita perfetta e che paradossalmente fanno un po’ compagnia alla sua solitudine. Se pur confinati in momenti temporali diversi, i due protagonisti avranno la possibilità di incontrarsi e regalare qualcosa l’uno all’altra.

Venerdì 25 novembre
Scripta volant
in collaborazione con Xenia e con l’Istituto studi dello spettacolo – Teatro Studio
presenta
IL VIOLINO RELATIVO ovvero Albert Einstein e il segreto di Stradivari
di e con Riccardo Bàrbera
musiche dal vivo Giulio Menichelli, violino Andrea Calvani pianoforte, scelte musicali Andrea Calvani, scene Alessandro Calizza, assistente alla regia Agnese Ciaffei, regia Paolo Pasquini. Partecipazione in video e voce di Massimo Popolizio

Il violino relativo ovvero Albert Einstein e il segreto di Stradivari è uno spettacolo di teatro-musica, nato come reading interpretata da Massimo Popolizio, poi tradotto in francese e portato in scena ormai da nove anni in Francia e in Canada dalla compagnia Tàngente de Vardar, e finalmente riproposto in Italia dall’autore stesso. Protagonista della vicenda è Ernesto, insegnante di liuteria, figlio del grande Simone Fernando Sacconi, liutaio realmente esistito e autore de ‘I segreti di Stradivari’, tradotto in varie lingue e diffuso in tutto il mondo. Nella pausa di una lezione, Ernesto racconta lo strano incontro avvenuto all’alba del ‘900 tra suo padre e Einstein, da cui scaturì la sfida oggetto dello spettacolo: può uno scienziato scoprire il segreto di Stradivari?

Sabato 26 novembre
Scuola di Musica Bèla Bartòk
presenta
VENITE A TEATRO CHE CASA È TROPPO PICCOLA!
Agnese Valle – voce e clarinetto, Marco Cataldi – chitarra, Stefano Napoli – basso e contrabbasso
Cecilia Sanchietti – batteria e percussioni

Luci soffuse, oggetti parlanti, una birra e tante storie…
Più che uno spettacolo teatrale è una serata in una casa un po’ più spaziosa, con sedie un po’ più comode, per replicare la formula, che tanto ci piace, dell’House Concert.
Aneddoti e appunti di viaggio per raccontare questi primi tre anni di percorso.
Una serata un po’ “alla vecchia”, come fossimo in un’osteria, attorno ad un tavolo, in quegli incontri casuali che in un momento si trasformavano in meravigliosi e irripetibili concerti estemporanei.

Domenica 27 novembre
Teatro dell’ Applauso
presenta
IL MIO INCONTRO CON ROCCO SIFFREDI
scritto e diretto da Marco Maltauro
con Elisa Faggioni, Fabio Maffei, Veronica Bitto

Questa commedia è una fiaba contemporanea, una satira ai comportamenti nevrotici delle giovani coppie instabili, e alla ossessione sessuale diffusa.

Martedì 29 novembre

Artenova
presenta
LAVITA MIA, LA STORIA MIA
di e con Gino Auriuso

La storia di una vita raccontata con le emozioni di chi l’ha attraversata.
La narrazione di ciò che capita ad un uomo.
La cronaca di un vissuto personale che potrebbe coincidere con un vissuto collettivo.
La Vita di Uno nel Cuore di Tanti.
Gino Auriuso dopo essersi confrontato con grandi personaggi del teatro come Amleto e dopo aver indagato straordinari geni come Mozart, decide di portare in scena la propria storia e di raccontarsi al pubblico. Un’autobiografia costruita attraverso la ricerca di pensieri, poesie, monologhi di drammaturghi e poeti che aderissero il più possibile alle suggestioni che hanno scandito la sua vita. Da Troisi a Bogosian, passando per Benni e Ferdinando Russo. Un susseguirsi di emozioni ed azioni votate sia al sano divertimento che ad attente riflessioni dettate dagli accadimenti della vita di un uomo che spera di essere arrivato “nel mezzo del cammin…”.

Mercoledì 30 novembre e giovedì 1 dicembre
Botteghe invisibili
presenta
PROCESSO ALL’INFANTICIDA MARIA FARRAR
drammaturgia Giovanni Maria Zonzini con Jessica Bertagni, Simone Caporossi, Francesco Cervellino, Adriano Di Carlo, Maria Elena Lazzarotto, Tommaso Lombardo, Livia Massimi, Gilda Sacco. Musiche Adriano Di Carlo e Klara Finck, Aiuto regia Maria Elena Lazzarotto Regia Francesco D’Atena

Il lavoro prende le mosse da una poesia di Bertolt Brecht, Dell’infanticida Maria Farrar, riguardo una serva accusata dell’omicidio del proprio neonato.
Da questa cronaca, muove il processo nei confronti della giovane donna protagonista della poesia.
L’aula di tribunale è un mercato, animato da figure ambigue e popolari allo stesso tempo, dove le scene vengono scandite dall’alternarsi di arringhe da parte della pubblica accusa e dalle dichiarazioni di testimoni quanto meno ostili, mentre l’imputata, lasciata in balia dei suoi accusatori dall’avvocato d’ufficio frustrato e dedito al vino, non può far altro che tacere e subire qualcosa di cui neanche è in grado di capire il senso.

Venerdì 2 dicembre

Bricolage Dance Movemen
presenta
SOUL \*/ UNDER CONSTRUCTION
di Michela Mucci
Interpreti: Sara Bertoglio, Giulia Cardoni, Giulia Botta, Elena Paglialunga, Giulia Pazzaglia e Maria Caniglia. Coreografie di Michela Mucci.

Lo spettacolo racconta in danza la crescita dell’anima e attraverso la metafora l’avvicina alla crescita del corpo, analizza l’evoluzione del se come se fosse un evento fisico percepibile.

Sabato 3 dicembre

Teatraltro
presenta
KEVINGIPSY
storia di reclusione e di libertà’ nella seconda guerra mondiale
scritto e interpretato da Eduardo Ricciardelli, regia di Gino Auriuso.

La vicenda narra la storia di un piccolo acrobata, che nella seconda guerra mondiale viene insieme a tutta la sua famiglia deportato nei campi di reclusione, francesi e poi nelle carceri.
La sua vicenda è quella triste dell’Europa che si piega alle leggi razziali naziste e lui è esempio di libertà e di amore perché ancora oggi è vivo e ha raccontato nel suo libro questa storia dopo essere evaso per nove volte forse grazie proprio ai suoi triplici salti mortali.

Domenica 4 dicembre
Abraxa Teatro
presenta
SE LA RIVOLUZIONE D’ OTTOBRE FOSSE STATA DI MAGGIO
Regia e Drammaturgia: Emilio Genazzini, interprete: Massimo Grippa, testi originali: Emilio Genazzini, Massimo Grippa. Scenografia: Lorenzo Luchetti, costumi e accessori scenici: Matilde Guiducci Consulenza Drammaturgica: Prof. Clelia Falletti

Questo spettacolo vuole rivisitare le passioni, le riflessioni e gli sconvolgimenti di un periodo temporale particolarmente complesso della società italiana e internazionale dal 1979. La nuova drammaturgia è stata ideata per creare un parallelo artistico-emozionale tra i fatti che infiammarono l’epoca, scene di spettacoli allestiti da Abraxa in quegli anni e la storia personale e professionale che il protagonista metterà in gioco.

MEDIAPARTNER EXIT

Teatro dell’Orologio
via dei Filippini 17/a – Roma
Orario spettacoli: Feriali ore 21.30 – Festivi ore 18.30

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Agosto: 2021
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

Alcuni libri delle “Edizioni Controluce”