Notizie in Controluce

Fantasmi del desiderio

 Ultime Notizie

Fantasmi del desiderio

Fantasmi del desiderio
febbraio 28
11:56 2013

Philip Roth. Fantasmi del desiderio
Luciano De Fiore
9788835991533
Editori Internazionali Riuniti
€ 25,00      e-book disponibile NO
Copertina:
Dalla discreta mole di critica letteraria all’opera rothiana (soprattutto in lingua inglese), traiamo questo interessante titolo di Luciano De Fiore (esperto di filosofia classica tedesca e dei rapporti tra filosofia, letterature e psicoanalisi) con felice introduzione di Antonio Monda (scrittore e saggista, insegnante presso il Film Department della N. Y. University), che si propone di indagare i segni portanti del desiderio fra molte opere del grande scrittore di Newark. Con tutta probabilità Roth ha individuato nel desiderio una delle poche forme di libertà individuale agibile a tutte le età e in ogni condizione. Soprattutto uno dei suoi più famosi eteronimi «Nathan (Zuckerman n.d.r.) sembra aver compreso che il nostro è connotabile piuttosto come il luogo e il tempo della messa in mora del desiderio. Per due ragioni: perché il desiderio vive di rappresentazioni e di futuro, e non di cose, mentre la società tardocapitalista propone di saturare le rappresentazioni con merci e rappresentazioni di merci. In secondo luogo, perché attraverso una ipervalorizzazione della sfera pulsionale dell’individuo si vuole depotenziare la crescita stessa del desiderio, di modo che quella non evolva nell’autentica dimensione desiderante».* Protagonisti, in una carrellata ricca di rimandi e citazioni, molti romanzi di Roth o racconti lunghi, come Il seno, per introdurre il desiderio erotico; scritti che diedero grande fama all’autore come Il lamento di Portnoy e poi La macchia umana e L’animale morente che, divenuti anche film, hanno contribuito a donare a Roth una seconda giovinezza letteraria. «Ma qual è la lezione del Professore di desiderio? Che il desiderio ci desidera oltre il nostro bisogno di quiete e serenità. Che una logica binaria che schieri seccamente da una parte il piacere e dall’altra l’etica, l’arte contro la vita, l’amore contro l’audacia è perdente e disperante»*. Ecco che anche in titoli quasi perfetti come Everyman e Patrimonio, ma forse più distintamente nel primo, si riaffaccia il desiderabile sotto forma dell’incontro fortuito con una ragazza, davanti al mare (che in questo romanzo fa costantemente da sfondo, traendo per una volta i personaggi fuori dall’eterna New York). Tutto mentre il protagonista s’affanna in occupazioni borghesi, come la pittura, che dovrebbero aiutare la sublimazione del desiderio, ma in questo caso non fanno che moltiplicare le occasioni per il desiderante. Curati indici per rintracciare meglio le argomentazioni, un vero tesoro con molti spunti per ampliare biblioteca e speculazioni, considerata la scarsa saggistica in italiano su questo autore. *Citazioni dal testo. (Serena Grizi)

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Archivio

Le Notizie per Data

dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31