Notizie in Controluce

Fiume Sacco, schiuma sempre più fitta stamattina a Ceprano (FR)

 Ultime Notizie
  • Marino – Giornata della Memoria. Nella ricorrenza della Giornata della Memoria ( legge n.211 del 20 luglio 2000), istituita in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici...
  • A Pomezia messa per San Sebastiano, patrono della Polizia locale  In occasione della ricorrenza di San Sebastiano, il Comune di Pomezia ha celebrato il santo patrono della Polizia locale con una messa solenne presso la chiesa di Sant’Isidoro nel quartiere...
  • Pomezia – Le Farmacie comunali si specializzano Le Farmacie comunali si specializzano, presentazione del Punto Salute Oncologico di via Virgilio. Giovedì 30 gennaio ore 11.00, aula consiliare del Comune di Pomezia   Le Farmacie comunali di Pomezia...
  • Albano Laziale, interruzione idrica 22 e 28 gennaio Acea ATO2 comunica che per effettuare interventi di manutenzione straordinari volti a migliorare l’efficienza del servizio, mercoledì 22 gennaio si renderà necessario sospendere il flusso idrico in alcune zone del...
  • Veronica Pivetti conquista Genzano Veronica Pivetti conquista Genzano con la sua simpatia: “Per sole donne, un romanzo provocatorio alla ricerca di libertà” Grandissima affluenza di pubblico sabato alla Mondadori Bookstore per ascoltare l’attrice, conduttrice...
  • WHAT’S HAPP? CHAT COMICHE DI GRUPPO AL TEATRO CIVICO DI ROCCA DI PAPA     Comica riflessione tra una freddura e l’altra, una battuta e uno sketch che scivola tra i denti stretti di un divertimento a più riprese, su un palcoscenico ridotto...

Fiume Sacco, schiuma sempre più fitta stamattina a Ceprano (FR)

02 Dicembre
08:27 2018

“Le immagini che continuano ad arrivare non lasciano dubbi sulla portata sempre più grave di un disastro per l’ecosistema fluviale di tutto il basso Lazio”

“Chiediamo una task-force delle forze dell’ordine per un’azione di controllo e repressione degli scarichi illegali e presidio del fiume”

Dopo la denuncia della scorsa settimana da parte dei cittadini di Ceccano, nel cuore della Valle del fiume Sacco sono continuati giornalmente gli episodi di schiuma fitta sull’asta fluviale.

“Le immagini che, anche oggi, arrivano dai cittadini non lasciano dubbi sulla portata sempre più grave di un disastro per l’ecosistema fluviale di tutto il basso Lazio – dichiara Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio- chiediamo una task-force delle forze dell’ordine per un’azione di controllo e repressione degli scarichi illegali e presidio del fiume visto che continuano a verificarsi questo fenomeni. Dopo la denuncia e l’esposto che abbiamo mandato alla procura della Repubblica di Frosinone della scorsa settimana, continua l’inquinamento e stamattina il Sacco sembra fatto di sola schiuma a Ceprano (FR). Dai risultati delle analisi chimiche, per le quali ringraziamo Arpa Lazio che le ha realizzate e rese pubbliche questa settimana con grande velocità e trasparenza, si evidenzia la presenza corposa di tensioattivi. Ora le autorità indaghino sulle cause per fermare questo disastro a partire dal Fiume Alabro, affluente di sinistra del Sacco dal quale ci arrivano segnalazioni e immagini di schiume che poi entrano nel corso principale. La schiuma è peraltro solo la manifestazione più evidente di uno stato grave, anche senza schiuma dal fiume esalano odori nauseabondi e questo succede da anni, non da ora. L’inquinamento del Sacco va fermato e intanto il Ministero dell’Ambiente deve battere un colpo sulla bonifica, per la quale perimetrazione abbiamo lavorato mesi e mesi con amministrazioni e associazioni, così come per il Contratto di Fiume che abbiamo firmato tutti insieme per immaginare e lavorare su un futuro migliore per la biodiversità e la sicurezza dai rischi idrogeologici. L’inquinamento del Sacco riguarda mezzo Lazio e i nostri circoli continuano a monitorare la situazione, dal circolo di Anagni (FR) a quello di Frosinone fino a quello di Minturno (LT) dove sta la foce del Fiume Garigliano, terminale di tutta l’acqua del bacino idrografico anche del Sacco”.

Il Fiume Sacco infatti, oltre a ricevere affluenti come l’Alabro, si immette nel corso del Fiume Liri che poi arriva nel Garigliano, fiume che solca il confine tra Lazio e Campania e sfocia nel Mar Tirreno a Minturno: tutto ciò fa, del bacino idrografico Sacco-Liri-Garigliano, il secondo del Lazio sulle provincie di Roma, Frosinone e Latina, un territorio tutto potenzialmente interessato dai fattori inquinanti che arrivano dall’area della Valle delle Sacco.

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento