Notizie in Controluce

FORZA VENITE GENTE AL TEATRO CIVICO DI ROCCA DI PAPA

 Ultime Notizie

FORZA VENITE GENTE AL TEATRO CIVICO DI ROCCA DI PAPA

FORZA VENITE GENTE AL TEATRO CIVICO DI ROCCA DI PAPA
13 Gennaio
08:28 2020

 

Un grande coinvolgimento scenico e coreografico ha accolto e trascinato il pubblico presente ieri, domenica 12 gennaio nel Teatro Civico di Rocca di Papa rappresentando la vita, la semplicità, il pensiero e le preghiere, l’essere simbiosi e parte della natura e del Creato di Francesco d’Assisi: Forza venite gente, musical teatrale che dal lontano 1981 trascina e commuove gli spettatori, ha reso vive ancora una volta magia ed emozione tra gli spettatori presenti, trasmettendo il sempre attuale messaggio di pace e fratellanza.

Lo spettacolo – con la regia di Riccardo Benedetti – ripercorre la vita del Santo di Assisi, dalla sua vocazione fino alla morte, passando per le fasi principali della sua vita: la creazione dell’ordine francescano e del gemello femminile delle Clarisse, i dubbi, le difficoltà, il viaggio a Roma per essere ricevuti dal Papa, il messaggio francescano, il rapporto con la morte, ma, soprattutto, il rapporto tra padre e figlio.

Lo stesso Michele Paulicelli, ideatore e storico interprete del Poverello d’Assisi, accompagnato dalla splendida squadra Blue in the Face, ha reso tangibile la forza carismatica e potente dell’amore e della fede di San Francesco. Gli storici brani di Mario e Piero Castellacci e Piero Palumbo, strepitosamente interpretati in live e accompagnati dalle magiche coreografie di Nico Lipparelli, egli stesso immesso nel pathos delle sue danze, hanno ripercorso la nota trama del musical, rendendo tangibile, anche con la presenza in platea degli attori stessi, una totale simbiosi con il pubblico.

Palpabile e commovente l’umanità che trapela in tutti i personaggi, soprattutto nell’opposizione di un padre che non capisce quell’atteggiamento di rinuncia del figlio al quale ha dato tutto: Pietro di Bernardone, interpretato con vera empatia da Enrico Maria Falcone lascia trapelare quell’ostinato rifiuto a comprendere, una disperata ricerca di un modo per riavvicinare a sé quel figliolo, ormai così irraggiungibile rispetto ai suoi canoni di vita e di pensiero…

E l’umanità e la realtà d’essere vitale parte di qualcosa più grande di lei, ma che, al di fuori dei canoni della normalità, ben ne comprende la grandezza viene mirabilmente interpretato da Ester Botta nella parte della Cenciosa, anima di quelle pure, spesso allontanate perché non incluse nei parametri di una presunta normalità. Grandissimi tutti: con Enrico Maria Falconi, Riccardo Benedetti, Ester Botta, Arianna Balistreri, Alessio Mezzani, Sara Gianvincenzi, Angelo Esposito, Alessandro Tagliani, Andrea Garramone, Benedetto Baldini, Caterina Battilocchio, Claudia Crostella, Floriana Gigli, Raffaella Fusco, Vera Goracci, Alice Doviziani, Mario Caruso, Natascia Cimino, Patrizio de Paolis – esilarante la sua danza araba -, Silvia Bianchi, Valeria Campidonico, Simona De Leo, Valentina Luciani, Raffaele Testaguzzi: ciascuno – mirabili i costumi di scena, opera della creatività di Simone Luciani – ha donato di sé la parte più preziosa di un’interpretazione fatta con il cuore, meritando gli applausi, più volte spontanei del pubblico.

Uno spettacolo che, ha promesso il direttore artistico Enrico Maria Falcone, sarà riproposto tutti gli anni a Natale, spunto di riflessione in un mondo dove tutti ormai ostinatamente corriamo e lasciamo scivolare nel nulla del frivolo, ogni piccolo pensiero che porti a riflettere nel silenzio della nostra anima.

 

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento