Notizie in Controluce

Frascati virtuoso? Si può fare

 Ultime Notizie

Frascati virtuoso? Si può fare

Marzo 29
23:00 2009

“A maggio 2007 – esordisce Orzes – eravamo al 23% della raccolta differenziata. A gennaio 2008 avevamo già superato la soglia dell’80%. Oggi raccogliamo oltre trenta tipi diversi di rifiuti ed i cittadini di Ponte nelle Alpi, secondo un recente sondaggio, hanno un margine di errore nel gettare un rifiuto nel posto sbagliato dello 0,2%”.
Numeri che hanno lasciato attoniti i presenti. In soli otto mesi un Comune, che non viene da Marte ma più semplicemente dal nord Italia, ha radicalmente cambiato le abitudini dei propri abitanti diventando uno dei paesi all’avanguardia da un punto di vista ambientale.
Ma come realizzare tutto questo? Orzes spiega come è necessario partire dal basso: “Tutti i nostri progetti, dalla riduzione del consumo energetico alla realizzazione del fotovoltaico, sono stati affiancati da un’attività di educazione e di sensibilizzazione dei ragazzi nelle scuole”.
Sulla scia di un esempio così eccezionale ma allo stesso tempo concreto, l’ideatore dell’iniziativa Gianluca Travaglini spiega i motivi dell’incontro: “Il tema ambientale è un fattore determinante del nostro pianeta e del rapporto cittadini-istituzioni. Imprimere un nuovo modello basato sulla sobrietà e sul buon senso è possibile. Anche Frascati può diventare un comune a cinque stelle”.
Gli fa eco il Presidente del Consiglio Antonio Mercuri “difendere l’ambiente è possibile ed economicamente conveniente” mentre il consigliere Aurelio Pucci punta, invece, forte sul progetto della geotermia: “A Frascati c’è la possibilità concreta di sfruttare l’energia generata dal calore naturale della terra”.
Altra presenza illustre al convegno promosso dal comitato di D’Orazio era il consigliere della Regione Lazio Giuseppe Celli che punta il dito sulla funzione di controllo delle istituzioni: “La raccolta differenziata attuata tramite il porta a porta può funzionare a valle solo se funziona anche a monte”. Tania Battelli parla, inoltre, di un “impegno vero concreto per migliorare la qualità della vita a Frascati”.
A concludere il convegno il padrone di casa Sandro D’Orazio che non risparmia critiche all’attuale metodo della raccolta differenziata: “Orzes ci ha insegnato che non si può iniziare un percorso se prima non si fanno delle simulazioni”. Precisando, tuttavia, che ormai non si può tornare indietro, D’Orazio avverte: “I cittadini hanno il diritto di sapere dove vanno i loro rifiuti”.
Il candidato a sindaco del movimento civico sposa poi la ricetta di Orzes sull’illuminazione: “A Frascati è costosa ed oltre tutto neanche bella a vedere. E’ possibile risparmiare fino al 50%”.
Ed, infine, sulla geotermia: “L’esempio di come questo progetto sia realizzabile anche a Frascati ce lo abbiamo proprio nella nostra regione. Nel Lazio è presente uno dei principali impianti”.
Frascati comune virtuoso si può. Ponte nelle Alpi docet.

Condividi

Articoli Simili