Notizie in Controluce

G.E.N. Guardia Ecozoofila Nazionale, Bilancio delle attivita’ 2013

 Ultime Notizie

G.E.N. Guardia Ecozoofila Nazionale, Bilancio delle attivita’ 2013

Febbraio 01
10:09 2014

 

Risultati delle attività di vigilanza delle Guardie Zoofile Ambientali G.E.N. del Coordinamento Regionale Lazio – Comando di Monte Porzio Catone, cosi sintetizzato:

Gli Agenti in servizio sul territorio Castellano, hanno elevato n° 77 sanzioni per la circolazione fuoristrada dei veicoli a motore nelle zone definite “Area Naturale Protetta”, e n° 156 sanzioni per l’ inosservanza alla raccolta differenziata sul territorio di Monte Porzio Catone.
Numerosi controlli sono stati effettuati nelle strutture adibite alla detenzione degli animali, sia da allevamento che da macellazione, in due casi, sono state elevate sanzioni per l’ inosservanza alle norme igieniche sanitarie, nonché al sovraffollamento degli animali in spazi ridotti non consentito dalle normative vigenti.

Una persona è stata denunciata per maltrattamento e uccisione di animali, in quanto sono state rinvenute carcasse di animali nella sua proprietà e nelle immediate vicinanze. Deferito all’autorità giudiziaria, le indagini sono ancora in corso, atte ad accertare ulteriori responsabilità riguardo al numero degli animali in suo possesso.
La vigilanza continua anche con il censimento degli animali sul territorio di Monte Porzio Catone iniziato nel 2012, i quali risultati, trovano riscontro in n° 6 sanzioni per la mancata iscrizione all’anagrafe canina.
Durante uno dei controlli, una persona è stata fermata a confine con Monte Porzio Catone, ed in seguito sanzionata per aver abbandonato una notevole quantità di materiale di risulta (scarti edilizi).

Numerosi i recuperi di fauna selvatica segnalati dai cittadini ed in un caso dal Comando Stazione dei carabinieri di Monte Porzio Catone, riguardante un Gufo, trasportato presso il Centro Recupero Fauna Selvatica. Nell’ultimo periodo il Comando di Monte Porzio Catone, si sta concentrando su alcuni episodi di “bracconaggio” in quanto sono stati rinvenuti, una carcassa di una Poiana (rapace) un’upupa e alcuni lacci in metallo probabilmente per la cattura di cinghiali o altri selvatici. Due le persone ascoltate, sorprese all’interno dell’area naturale in orari particolari.
Nei prossimi giorni ulteriori controlli saranno effettuati dalla pattuglia a piedi, istituita nel 2013, per le zone più difficili da raggiungere con l’auto di servizio.

L’Addetto alla Segreteria Comando
Ispettore Capo Dott. Alessandro Bardi

Condividi

Articoli Simili