Notizie in Controluce

Giornata dell’Esperanto, 26 luglio 2020

 Ultime Notizie
  • 7 settembre 2020: nasce SCR, il “Sistema Castelli Romani” Il Consorzio dei Comuni dei Castelli Romani coordinerà le politiche culturali e di promozione del territorio   I Sindaci di 16 Comuni del territorio hanno approvato definitivamente il nuovo Statuto...
  • MARINO, APPELLO DI GABRIELLA DE FELICE MARINO, APPELLO DI GABRIELLA DE FELICE: “SERVE DIALOGO AUTENTICO TRA COMMERCIANTI E COMUNE PER EVITARE EPISODI CHE METTONO AL REPENTAGLIO IL RILANCIO DI UN SETTORE VITALE PER IL CENTRO STORICO”...
  • WILLY, GROTTAFERRATA ADERISCE ALL’INIZIATIVA ANCI LAZIO WILLY, GROTTAFERRATA ADERISCE ALL’INIZIATIVA ANCI LAZIO: BANDIERE A MEZZ’ASTA IL GIORNO DEL FUNERALE DEL RAGAZZO Il sindaco Andreotti rilancia:”Tutti i comuni si costituiscano parte civile ad adiuvandum per manifestare la reazione...
  • Pomezia – Muro di recinzione alla scuola di via Cincinnato, partiti i lavori Muro di recinzione alla scuola di via Cincinnato, partiti i lavori Sono partiti questa mattina i lavori di ristrutturazione del muro di recinzione che circonda il perimetro della scuola primaria...
  • PISTOIA NOVECENTO Sguardi sull’arte dal secondo dopoguerra FONDAZIONE PISTOIA MUSEI annuncia PISTOIA NOVECENTO Sguardi sull’arte dal secondo dopoguerra a cura di Alessandra Acocella, Annamaria Iacuzzi, Caterina Toschi 19 settembre 2020 – 22 agosto 2021 ingresso su prenotazione:...
  • LA FISICA DEI RAGAZZI Per una fortunata coincidenza, giovedì 3 settembre, nel Blog del “Fatto Quotidiano” è apparso un appello di Jacopo Fo titolato “Allo studente non far sapere che la fisica è stupefacente...

Giornata dell’Esperanto, 26 luglio 2020

Luglio 27
15:32 2020

Il 26 luglio 1887, a Varsavia, veniva pubblicato il primo libro nella lingua internazionale esperanto, che all’inizio non aveva nemmeno un vero nome. L’opuscolo si intitolava laconicamente “Lingua internazionale” e venne tradotto in francese, inglese, ecc. Da questa data la lingua ha progressivamente preso piede e si è diffusa in tutto il mondo.

In questa occasione la Federazione Esperantista Italiana (www.esperanto.it) sottolinea l’importanza dei diritti linguistici dell’uomo e la necessità di politiche a protezione di essi. L’esperanto si propone come strumento per superare le barriere linguistiche, con il quale persone di diverse culture possono pacificamente e fraternamente mettersi in comunicazione.

Il movimento esperantista è una comunità oggi diffusa in tutto il mondo che da oltre un secolo rappresenta un esempio di efficace di comunicazione interculturale. Nel 1954 L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO) ha approvato una risoluzione in cui viene riconosciuto che i risultati ottenuti dall’esperanto in materia di scambi culturali coincidono con i propri scopi ed ideali. Un ulteriore riconoscimento ancora più esplicito, è giunto nel 1985 con la risoluzione di Sofia, con la quale si chiede “al Direttore Generale di seguire costantemente lo sviluppo dell’esperanto come strumento per una migliore comprensione fra nazioni e culture diverse”.

Scegliere o porre una lingua in una posizione di preminenza sulle altre esclude i non madrelingua dalla politica, dall’educazione, dall’accesso al commercio e a molti altri aspetti della vita della società. Questo rafforza le disuguaglianze socio-economiche tra le persone.

Il rispetto dei diritti linguistici è una delle condizioni necessarie per mondo più pacifico, giusto e sostenibile. Questa era l’ideale di Ludovico Zamenhof, che il 26 luglio di 133 anni fa aveva firmato l’opuscolo con lo pseudonimo “Dottor Esperanto” (il dottore speranzoso). Questo principio è valido ancor di più oggi, dopo due conflitti mondiali, diversi genocidi, una guerra fredda e le nuove tensioni tra le superpotenze.

 

 

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento