Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Gli animali nel contesto naturale e nella società umana

Gli animali nel contesto naturale e nella società umana
Dicembre 16
07:44 2020

Gli animali  addomesticati si estingueranno? E’ possibile il ritorno di alcuni esemplari alla selvaticità ed alla fuga dal contesto umano? Purtroppo questi animali abituati per millenni alla convivenza con l’uomo non potrebbero tornare alla selvaticità se non con problematiche di convivenza (vedi l’esempio dell’orsa Yoga o dei cani rinselvatichiti che fanno branco per attaccare greggi ed anche umani).

*

Il recupero delle qualità perse

Sì, però, questa evenienza potrebbe configurarsi nel caso di un crollo della civiltà umana, dovuta a guerre, ad esempio, o a degrado ambientale, ma non credo possa  rappresentare una “soluzione”. Un po’ come è avvenuto con il consumismo che sta conducendo la nostra  comunità non solo al declino etico e morale ma anche alla distruzione dell’habitat e di conseguenza al crollo dell’intelligenza  e delle solidarietà sociali e delle capacità di sopravvivenza.

*

Purtroppo come l’uomo è regredito lasciandosi andare per pigrizia e desiderio di  comodità  a questo stato di cose, che comporta la distruzione delle risorse, l’inquinamento, la perdita di nervo e di adattabilità alle nuove situazioni che verranno in conseguenza, occorre invertire il processo  attuando pian piano  quella “decrescita” che consentirebbe il recupero delle qualità perse. Quindi il problema non è solo quello di diminuire drasticamente la presenza di “pets” nella società umana ma anche capire come questo bisogno abbia indebolito in primis la nostra specie e poi anche gli animali utilizzati allo scopo. Andare sempre avanti se la strada è sbagliata porta a nessun posto, occorre tornare indietro…

*

La nostra vita non è diversa dalla vita che ci circonda

E come? Secondo la mia esperienza di vita bioregionale, non eliminando il rapporto con gli animali ma portando quel rapporto su un piano di pariteticità e di “disintossicazione” dalle necessità emozionali, sostitutive dei sani rapporti tra umani. Tutto questo è possibile solo cambiando il nostro atteggiamento nei confronti della Natura e degli animali, attraverso un sano “interspecismo” e la considerazione che la nostra vita non è diversa dalla vita che ci circonda. Ogni specie ha un suo ruolo nell’esistenza globale e non si può ritenere che un “aggiustamento utilitaristico” possa essere deciso sulla base di una “filosofia”.

*

Questa la visione bioregionale e questa visione  ha un valore ed un significato  non se imposta da leggi ma se vissuta attraverso una personale crescita ed una propagazione cuore a cuore… indifferentemente dal luogo in cui si vive e dalle condizioni economiche e sociali. Anche fare delle esemplificazioni “sommarie” è superfluo perché le situazioni e le necessità di questo ritorno alla vita collettiva possono avere tempi e modi diversi.

*

Ognuno ha il suo posto nel contesto della vita  e non si può decidere a priori di usare lo stesso metro per misurare le relazioni tra tutti gli esseri viventi e non. Possiamo osservare l’atteggiamento delle diverse specie fra loro  e capire da ciò il significato del termine “interspecismo” bioregionale.

*

Ripartire con nuovi paradigmi di civiltà

Scrivevo in un precedente articolo:   “L’uomo in questo ultimo secolo è divenuto il peso più grande per il pianeta Terra, siamo troppi  ed inquiniamo tremendamente e rubiamo spazio al selvatico.” Tutto ciò  è innegabilmente vero, non posso però proporre soluzioni finali e sperare nell’armageddon, come molti illusi fanno, per risolvere il problema  del mantenimento di una civiltà umana degna di questo nome.

Nell’ecologia profonda si indica sempre  la condizione presente come base di partenza per il successivo cambiamento o riparazione….  considero però che questa società non potrà durare a lungo ed è bene che vi siano delle “nicchie” di sopravvivenza, dalle quali ripartire con nuovi paradigmi di civiltà in cui mantenere un equilibrio fra uomo-natura-animali (dice una poesia: o si salvano o si perdono insieme).

Anche se non è attualmente il mio compito specifico quello “di salvare il mondo” sento che è giusto evocare questa necessità.  Siamo sul filo del rasoio e solo la vita potrà indicarci la direzione, al momento opportuno. L’idealismo non serve a nulla!  Non vorrei esprimermi come il  papa di una nuova religione,  non ho  assunto delle regole e dei comandamenti,  le mie lettere son solo proiezioni di pensiero, aggiustamenti mentali per individuare nuove vie di uscita. Infatti a che servono i “principi” nella vita quotidiana, nella sopravvivenza quotidiana del giorno per giorno, salvando il salvabile senza rinunciare alla propria natura?…”

*

 

Tags
Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Agosto: 2021
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

Alcuni libri delle “Edizioni Controluce”