Notizie in Controluce

 Ultime Notizie

Grazie don Franco

Ottobre 03
23:00 2006

Siamo in un’era dove ‘attenzione sensibile’ sta per accudente protettiva, al punto da sfociare in scuse improponibili che divengono illusoriamente pacificanti; in giustificazioni che travestono di comodo ogni scelta e responsabilità, dove la coscienza rappresenta più un’impalcatura teatrale, che il senso che si è chiamati a dare. Penso a questo nuovo millennio, ai ragazzi che corrono ed ai genitori fermi dagli ambiti premi messi in palio dalla lotteria del benessere. Intravedo un accompagnamento educativo solo sulla carta, sulle copertine patinate e colorate di internet, che disegnano approcci educativi d’elite, per pochi, mentre i tanti sono costretti ad arrancare. Stamattina, durante la Santa Messa, ho avuto la fortuna di ascoltare un prete uomo, che non si nasconde nelle ‘parole valigia ‘ (è una sua definizione), ove tutto sta, sacro e profano, secolarizzazione e Vangelo, misteri vissuti e promesse vane. L’ho ascoltato con passione parlare dell’inverso diritto che alberga in noi: in noi adulti, che lamentiamo le obliquità del futuro e ci avventuriamo in esso, privi di amore autentico, noi che puntiamo il dito sui giovani che troppo spesso delegano ad ‘altri-noi’ fatica e impegno. Quel prete ha citato ‘l’abisso del doppio pensiero’ di Dostoevskij, nel senso che a volte vogliamo fare del bene e invece facciamo del male involontariamente, coinvolgendo nei nostri inciampi soprattutto i più giovani, proprio coloro che hanno gambe ancora molli per affrontare la maratona della vita. Educare significa ‘tirare fuori’, costruire insieme, ma è un’era in cui imperversano paccottiglie di ideali, di idee, di bandiere pedagogiche da consumare celermente, perché non c’è più destino legittimo del fare, ma alienazioni, che non ci consentono di scendere nel profondo di noi stessi, né di osservare l’intorno che respira a nostra misura. Come predatori mai contenti, disconosciamo gli atti gratuiti, quegli atteggiamenti che non sono figli di un ritorno premeditato. C’è egoismo, poco o tanto, in ciò che svolgiamo nei riguardi di chi ha bisogno di una guida, per riconoscere ruoli e un’identità a venire. Egoismo, che è richiesta affermata neppure troppo sottovoce, di ‘medagliamenti’, di riconoscimenti da parte di chi impone le mani, di chi si ritiene al di sopra dell’errore, come a sfuggire la discesa alla ‘com-passione’, alla pena del vivere altrui, con la presunzione di poter insegnare a veder le stelle durante un’alluvione di parole spese male. Forse occorre diventare educatori del terzo millennio, laureati nella pazienza della speranza, che non è pazienza della disperazione’forse occorre avere occhi ‘tattili’, essere miniera e minatori, per poter vedere nella polvere più nera uno spicchio di cielo. Quel prete ha chiamato Gesù ‘servo inutile’, ha chiesto a tutti di diventare servi inutili. Quello che non si aspetta alcuna ricompensa.

Condividi

Articoli Simili

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi farlo tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Categorie

Calendario – Articoli pubblicati nel giorno…

Settembre: 2021
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Presentazione del libro “Noi nel tempo”

Gocce di emozioni. Parole, musica e immagini

Edizioni Controluce

Alcuni libri delle “Edizioni Controluce”