Notizie in Controluce

“Il controllo dell’imprevisto” di Franco Crocco

 Ultime Notizie

“Il controllo dell’imprevisto” di Franco Crocco

Giugno 11
23:00 2007

«Ho sempre lavorato con la pittura astratta fin dal 1988, finché non conobbi Enzo Brunori, un grande maestro che viene definito naturalista astratto, che modificò radicalmente la mia concezione artistica. Dopo aver preso spunto dai suoi studi teorici e pratici, tuttavia, ho trovato la mia ispirazione dall’arte di Afro che è tuttora il mio punto di riferimento. In questa esposizione di circa 30 pezzi e 10 incisioni ci tengo, in particolar modo, a sottolineare il settore dedicato alle incisioni, che elaboro da vent’anni, evidenziandone la parte didattica e divulgativa, in quanto non tutti conoscono questa tecnica. Oltre alle stampe ufficiali ho esposto anche le matrici di zinco, per evidenziare i vari stati della tecnica. Il video-book documenta la mia attività di pittore e incisore ed è stato prodotto circa un anno fa in occasione di una mostra organizzata a Ciampino con gli allievi della Scuola d’Arti Ornamentali di Roma, detta Scuola di san Giacomo».
Qual è l’opera a cui è più affezionato o quella che ha richiesto una maggiore applicazione?
«Impiego molto tempo per realizzare i quadri, perché sia l’elaborazione mentale che quella formale è notevolissima. Ognuna ha una sua storia, una sua caratteristica, ma si parte sempre da uno stato d’animo che poi si cerca di realizzare. Questa mostra vuole essere un omaggio al Maestro Enzo Brunori, scomparso nel 1993, si tratta di una piccola antologica, ed è stato per me un onore essere stato presentato al Maestro Mariano Apa che ha appoggiato il mio operato».
La mostra, presentata in catalogo da Mariano Apa è stata patrocinata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Grottaferrata.

Articoli Simili