Notizie in Controluce

Il declino del Parco Madonna della Neve

 Ultime Notizie
  • 100 GLOBI PER UN FUTURO SOSTENIBILE 100 ARTISTI INTERPRETANO UN FUTURO SOSTENIBILE 100 GLOBI PER UN FUTURO SOSTENIBILE 100 ARTISTI INTERPRETANO UN FUTURO SOSTENIBILE IN UNA ESPOSIZIONE D’ARTE E DESIGN OPEN AIR 1° Edizione Milano 2020 WEPLANET CERIMONIA DI INSTALLAZIONE DEL PRIMO...
  • Marino – Giornata della Memoria. Nella ricorrenza della Giornata della Memoria ( legge n.211 del 20 luglio 2000), istituita in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici...
  • A Pomezia messa per San Sebastiano, patrono della Polizia locale  In occasione della ricorrenza di San Sebastiano, il Comune di Pomezia ha celebrato il santo patrono della Polizia locale con una messa solenne presso la chiesa di Sant’Isidoro nel quartiere...
  • Pomezia – Le Farmacie comunali si specializzano Le Farmacie comunali si specializzano, presentazione del Punto Salute Oncologico di via Virgilio. Giovedì 30 gennaio ore 11.00, aula consiliare del Comune di Pomezia   Le Farmacie comunali di Pomezia...
  • Albano Laziale, interruzione idrica 22 e 28 gennaio Acea ATO2 comunica che per effettuare interventi di manutenzione straordinari volti a migliorare l’efficienza del servizio, mercoledì 22 gennaio si renderà necessario sospendere il flusso idrico in alcune zone del...
  • Veronica Pivetti conquista Genzano Veronica Pivetti conquista Genzano con la sua simpatia: “Per sole donne, un romanzo provocatorio alla ricerca di libertà” Grandissima affluenza di pubblico sabato alla Mondadori Bookstore per ascoltare l’attrice, conduttrice...

Il declino del Parco Madonna della Neve

13 Aprile
22:00 2011

Attualmente nessuno entra nel parco tranne qualche cane randagio, la situazione è desolante; se si alzano gli occhi più di quindici lampioni risultano spaccati ed alcuni pali buttati giù da qualche teppista, inoltre i barbecue e le panchine sono inutilizzabili, per non parlare della fontanella da cui sgorga acqua continua, un vero controsenso per la sinistra ecologista che ha fortemente voluto la struttura. Dove sono i soldi che servono alla manutenzione e soprattutto perché il parco è ridotto come una discarica? Intanto una larvata protesta e un dissenso comune si alza da parte dei cittadini che reputano l’intera storia uno spreco di soldi pubblici per raccogliere voti alle scorse regionali. La maggioranza dei roccaprioresi, ormai abituati alla scarsa attenzione delle istituzioni locali afferma sconsolata che non c’era bisogno di un altro parco, bastava semplicemente ristrutturare l’area Dandini e costruire degli spazi per i parcheggi nell’area Pallottini o viceversa. In questo caso registriamo il fallimento dell’opera e della parte politica che l’ha voluta, non ci vuole molto ad interpretare il volere ed i bisogni di una comunità che chiede solo di essere ascoltata.

Articoli Simili